Napoli, aggredito e pestato il consigliere Borrelli: per lui rottura del setto nasale

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
13
Stampa
Un attacco in piena regola, con schiaffi e pugni. Alla fine, il consigliere regionale cade a terra, chiedendo disperatamente di chiamare la polizia. Ha il setto nasale rotto.  È stato aggredito questa mattina Francesco Emilio Borrelli, rappresentante dei Verdi a Palazzo Santa Lucia (e candidato anche per questa tornata elettorale). Il consigliere, da anni impegnato nella lotta ai parcheggiatori abusivi, è stato picchiato da due donne e due uomini fuori l’ospedale San Giovanni Bosco. Era lì proprio per documentarne l’allontamento, con una diretta Facebook. Dopo 15 minuti, il pestaggio. Gli aggressori, trattenuti a stento dalle guardie giurate, si sono scagliati anche contro l’autore del video, che ha ripreso la scena dal suo telefonino. Borrelli si è poi recato al pronto soccorso, dove gli è stata diagnisitcata la rottura del setto nasale.
Poco più tardi, tre persone sono state fermate dalla polizia. Sono state identificate dagli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale e trasferite in Questura. La loro posizione è al vaglio degli investigatori.

Repubblica.it

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

13 COMMENTI

  1. Grazie Borrelli x quello che fai, pienasolidarietà,ed auguri di pronta guarigione. Speriamo che questa feccia dell’umanità possa stare in galera almeno per qualche giorno, fetenti e bestie questi sono gli abusivi.

  2. La loro posizione è al vaglio ma di osa parliamo, sta feccia dovrebbe stare già in carcere a pane ed acqua. Schifosi feccia dell’umanità.

  3. La mia solidarietà al consigliere Borrelli ed ai sui collaboratori, uno dei pochi ad esporsi in prima persona, degno del rispetto delle persone oneste e perbene.

  4. Che bello sarebbe mandare un pugile travestito da consigliere regionale. Ci leveremmo il problema, per sempre.

  5. Servono leggi contro i parcheggiatori, lo scandalo è che nessuno ha mai voluto affrontare il problema.

    Questi sono adiacenti alla criminalità, inutile girarci intorno, il carcere deve essere sicuro ed ineludibile se presi sul fatto.

  6. Mi dispiace,piena solidarietà Borrelli,ma è tutto inutile,la legge non aiuta le persone perbene e favorisce l’illegalità edi questi delinquenti. Sapete a cosa andranno incontro questi parassiti? A niente,non hanno niente da perdere e se sono percettori del reddito di cittadinanza,cosa molto probabile,bisogna revocarlo immediatamente.

  7. È uno con le palle non come i leghisti che parlano,parlano e come tutti possono vedere non fanno un cazzo

  8. Uno dei pochi, pochissimi politici degni di stima.
    Purtroppo per sterminare questa gentaglia il lanciafiamme non è sufficiente, ci vorrebbero i forni crematori…….

  9. ma de luca col lanciafiamme dov’e’,questa e’ feccia umana e se controllano meglio i fermati hanno anche il reddito di cittadinanza dato da quell’ebete di dimaio e i 5 stelle.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.