È forse la fine di un’era? (di Angelo Giubileo)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
Appena messa da parte l’ennesima tornata elettorale, ci auguriamo che anche in Italia si approssimi la fine dell’esperienza di un ciclo finanziario, economico e politico, che per la prima volta nella nostra storia repubblicana ha visto un movimento, come i Cinquestelle, ricoprire entrambi i ruoli di opposizione e di governo.

Nel passato trentennio neoliberista, dalla caduta del muro di Berlino a oggi, in Europa abbiamo assistito a un fenomeno politico nuovo maggiormente rappresentativo, simboleggiato – meglio che altrove in Francia – da un lato dall’ascesa del partito totalmente europeista di Macron (in Italia, +Europa) e dall’altro dalla perenne protesta dei gilet gialli.

Nel corso di questi anni, innanzitutto lo sviluppo finanziario in uno con lo sviluppo tecnologico hanno permesso la formazione e la diffusione di una visione totalitarista o, al meno, demagogica in tutti i settori della vita individuale e sociale. Con l’effetto, ovunque, d’indebolire i sistemi di democrazia in essere.

L’epidemia del Covid19 ha sancito definitivamente i limiti di una siffatta costruzione globale neoliberista, che ora rende necessaria, ovunque, sia una riforma dell’economia globale che degli assetti delle comunità internazionali e nazionali.

Pertanto, al più presto, necessita riprendere una visione “etica” del presente e del futuro, ovvero riprendere con validità ed efficacia il controllo dei processi storici in corso, la stessa ragione e spinta umanitaria (il filosofo francese Edgar Morin parla da ben oltre trent’anni di una comunità di destino Uomo/Terra, che, alla maniera dei Greci antichi, possiamo nuovamente pensare in termini di rapporto Uomo/Cosmo!) che ci fa coltivare la speranza di un futuro migliore o non peggiore.

Non dobbiamo nasconderci che la situazione internazionale è tale per cui la stessa Ue è in attesa degli sviluppi che, a breve, senz’altro matureranno per mezzo delle scelte di USA, Cina, Russia, senza dimenticare i progressi di crescita dell’India.

Tanto premesso, tre sono le sfide che più direttamente ci attendono: 1) una condivisione degli obiettivi e delle scelte, in sintesi un superamento del rapporto di sussidiarietà tra Stati-nazione e Ue e, laddove non sia possibile, come già manifestatosi per il fenomeno dell’immigrazione, una ripresa dell’autonomia legislativa ed esecutiva di ogni singolo Stato-membro; 2) una riforma parlamentare degli apparati statali, cogliendo l’occasione dei piani di finanziamento europei per un ammontare complessivo superiore ai 500 miliardi (ma di gran lunga inferiore agli importi dei piani finanziati da USA e Cina); 3) un allargamento reale della partecipazione ai processi decisionali, in sintesi un ritorno a sistemi di voto proporzionalisti.

Infine, l’esperienza di questi ultimi trent’anni conferma quanto già storicamente sapevamo, e cioè che la separazione netta e il conflitto delle parti non giova mai a un sistema di controllo e di rappresentanza e che il potere debba viceversa servirsi di obiettivi e scelte condivise nel rispetto delle posizioni sia degli uni che degli altri. Chiamatela “terza via” o come altro vi pare, in realtà è l’essenza di ogni potere davvero libero e democratico.

Angelo Giubileo

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.