Sindaci sceriffi: il provvedimento anti-movida non piace ‘E’ uno scaricabarile’

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
Nelle misure contenute nel Dpcm che provano ad arginare la corsa del Covid ai sindaci viene chiesto di intervenire per chiudere strade e piazze particolarmente frequentate, dalle 21. Un provvedimento anti-movida che i primi cittadini non gradiscono.

Secondo il testo del nuovo Dpcm, i sindaci potranno disporre la chiusura al pubblico dopo le 21 di piazze e strade dei centri urbani dove si possono creare situazioni di assembramento, “fatta salva la possibilità di accesso e deflusso agli esercizi commerciali legittimamente aperti e alle abitazioni private”.

“Scaricabarile inaccettabile sul coprifuoco”. Lo dice Antonio Decaro, presidente dell’Anci: “Il governo, senza nemmeno affrontare il tema nelle numerose riunioni di queste ore, inserisce in un Dpcm una norma che sembra avere il solo obiettivo di scaricare sulle spalle dei sindaci la responsabilita’ del coprifuoco agli occhi dell’opinione pubblica.
Questo non lo accettiamo- si legge nelle dichiarazioni riportate dall’agenzia Dire-  ci saranno le forze dell’ordine a controllare le aree pubbliche in cui sara’ vietato l’ingresso e a riconoscere residenti e avventori dei locali?
I cittadini non si sposteranno da una piazza a un’altra? Nei momenti difficili le istituzioni si assumono le responsabilita’ non le scaricano su altre istituzioni con cui lealmente dovrebbero collaborare. I sindaci sono abituati ad assumersi le loro responsabilita’. Vorremmo che tutte le istituzioni facessero lo stesso”, le accuse del presidente nazionale dell’Anci Decaro.

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. Il sindaco e`il tutore dell incolumita dei cittadini sul suo territorio….e deve , ripeto deve prendere le decisioni nell interesse delle collettivita…e ha la responsabilita di farlo !!
    Per cui lo facciano invece di dire e` stato deciso dal Governo centrale…..in piu in alcune citta o paesi magari imporre un coprifuoco generale alle 21 non servirebbe a nessuno, e alle attivita economiche magari perche li la situazione e` sotto controllo.
    Autonomia e flessibilita servono e sindaci capaci e coraggiosi di prendere le decisoni …anche impopolari !

  2. I sindaci soprattutto quelli più sceriffi devono far pace con il proprio cervello. Quando decideva il governo centrale o le Regioni non andava bene, ora devono prendersi le proprie responsabilità e non va bene lo stesso. Ma non sono loro i responsabili della salute nei propri territori di competenza ovvero i comuni che hanno l’onore e l’onere di governare? E’ il solito sport dell’italianissimo “scaricabarile” per il quale la nostra amata nazione stà lentamente morendo……………………

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.