Assegno unico, 97 euro in più al mese per 80% delle famiglie con figli

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Il  presidente dell’Istat, Gian Carlo Blangiardo, in audizione alla Camera, fa i conti di quanto arriverà nelle tasche gli italiani: circa 2.991 euro l’anno, quasi 250 euro al mese. L’assegno riguarderà, da luglio, 2021, oltre 11 milioni di nuclei familiari

“L’introduzione dell’assegno unico richiederebbe un aumento della spesa di circa il 40% rispetto a quella attualmente destinata alle famiglie con figli a carico”. E’ la stima del presidente dell’Istat, Gian Carlo Blangiardo, in audizione alla Commissione Affari sociali della Camera sul ddl delega Family act che comprende il nuovo strumento di sostegno in partenza dal luglio 2021 al posto degli attuali aiuti.

“Nell’ipotesi di esclusione dei figli dai 18 ai 21 anni questo incremento scenderebbe al 30%”, ha precisato. Le famiglie potenzialmente beneficiarie sono “attorno all’80% delle famiglie con figli” in tutte le fasce di reddito tranne la più alta, visto che l’assegno sarà legato all’Isee e i nuclei con figli minori si concentrano di più nei quintili di reddito più bassi.

La riforma determinerebbe “un incremento di reddito per la gran parte delle famiglie con figli (il 68%) potenzialmente beneficiarie dell’assegno unico. Per il 2,4% dei casi la situazione non cambierebbe, mentre per il restante 29,7% di famiglie il saldo tra l’introduzione della nuova misura e l’abolizione delle preesistenti risulterebbe negativo”.

Ma, “considerando la clausola di salvaguardia” in base alla quale nessuno potrà ricevere meno di quanto gli spetta oggi e “la perdita dei benefici attualmente in vigore, l’effetto netto sul bilancio delle famiglie sarebbe di circa 1.162 euro, 97 euro al mese“. La riforma comporterebbe un aumento di reddito “per circa 2/3 delle famiglie beneficiarie”. L’importo medio per famiglia beneficiaria è pari a circa 2.991 euro l’anno, 250 euro circa al mese.

Il presidente dell’Inps, Pasquale Tridico, in audizione ha detto che il nuovo strumento ridurrebbe la povertà relativa in quanto “concentrerebbe i suoi effetti sui nuclei più bisognosi oggi spesso esclusi”. E ai quali spesso non arriva nemmeno il reddito di cittadinanza. Secondo i dati diffusi dall’Inps l’incidenza della povertà relativa passerebbero dal 15,3% al 14% e il numero dei poveri relativi diminuirebbero di oltre 700.000 unità passando da 9.243.058 a 8.489.330.

fonte Il Fattoquotidiano.it

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.