Lo Smart working stravolge gli schemi tradizionali (di Tony Ardito)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Secondo quanto emerso da una nuova ricerca globale di Kaspersky (azienda di sicurezza informatica), che ha coinvolto 8mila dipendenti di aziende grandi e piccole nel mondo, spetta alle aziende adattarsi alle nuove dinamiche spingendo su sicurezza, resilienza e produttività per rimanere competitive nel new normal. Non solo: quasi la metà dei lavoratori vede nella tecnologia il vero motore della carriera e un terzo di essi ritiene che il proprio scenario lavorativo è destinato a cambiare entro 12 mesi.

Il 74% dei lavoratori nel mondo non vuole ripristinare completamente il vecchio schema di gioco anche nel post-pandemia, il 39% è pronto a cambiare gli orari di lavoro, il 37% punta a un approccio ibrido che prevede sia il lavoro da casa che dall’ufficio.

Gli italiani, con lo smart working, hanno riscoperto piaceri ai quali non vorrebbero rinunciare neanche in futuro. Per il 49% lavorare in abiti comodi è un must a cui non si vuole rinunciare. Fra le opportunità più apprezzate, il 32% ha evidenziato la possibilità di svegliarsi più tardi nei giorni feriali, il binge watching su Netflix (19%).

Inoltre, Il 27% ha apprezzato la possibilità di poter lavorare all’aperto, in giardino o sul balcone. Tra gli altri vantaggi graditi dai dipendenti ci sono l’aumento del tempo libero per i videogiochi (11%), i pranzi da asporto (10%) e la possibilità di farsi meno docce (5%).

Tuttavia, tale ritrovata libertà impone pure di tenere un certo livello di responsabilità quando si tratta di sicurezza informatica. Disporre di soluzioni di sicurezza affidabili su tutti i dispositivi consente agli utenti di potersi rilassare approfittando delle opportunità dello smart working e rimanere al contempo protetti.

Il lockdown si è rivelato una lama a doppio taglio per le persone che possono lavorare da casa. Da un lato, i dipendenti hanno finalmente la possibilità di dimenticare gli aspetti negativi della vita caotica delle grandi città e lavorare in un’atmosfera più confortevole; dall’altro, hanno dovuto affrontare molte sfide per riuscire a continuare ad essere produttivi, riorganizzando il proprio spazio di lavoro e sviluppando nuove abitudini.

Quando si lavora da casa la privacy è messa ancora più a rischio per cui è importante ricordarsi della propria sicurezza digitale.

di Tony Ardito

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.