A Roma i botti di Capodanno fanno una strage di uccelli

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
5
Stampa
Strage di uccelli a Roma. Sono centinaia le carcasse dei volatili trovati morti in strada, a causa dei botti esplosi nella notte di Capodanno. Foto e video stanno facendo il giro dei social network, tra Facebook e Twitter, e immortalano, in particolare, un tratto di strada di via Cavour.

Alcune immagini mostrano gli stormi, solitamente appollaiati sugli alberi attorno alla stazione Termini, volare fino a schiantarsi contro i cavi dell’alta tensione. I video sono stati girati a mezzanotte circa. Uccelli morti sono stati trovati anche in altre zone centrali della Capitale. A via San Vitale, nei pressi della Questura, sono diverse le carcasse di volatili in strada.

“Il fantastico risultato di questa notte a Roma. L’essere umano non si smentisce mai. I botti per lui sono una necessita’”. Così Enrico Rizzi, attivista per i diritti degli animali, ha commentato su Facebook, con tanto di foto, la notizia delle centinaia di carcasse di uccelli trovati senza vita in numerose strade di Roma dopo lo scoppio dei botti di Capodanno.

“Si sono scontrati tra loro per la paura e il disorientamento dovuto alle esplosioni dei fuochi di artificio”. Cosi’ all’AGI l’associazione Lipu, Lega italiana protezione uccelli, parlando della strage di volatili avvenuta nella notte di Capodanno a Roma.

“Sono pochi i sopravvissuti – aggiunge l’associazione – purtroppo la tecnica delle esplosioni con disorientamento è utilizzata spesso, soprattutto dai bracconieri. Gli uccelli dormono sugli alberi e, ai primi rumori sospetti si agitano. La paura fa perdere loro concentrazione e questo li porta a sbattere tra loro o al muro”.

Meno probabile siano stati colpiti da petardi. “Ci vorrebbe un cecchino – spiegano i volontari -. Quando siamo stati contattati alle 2 di notte c’era già poco da fare. Ci hanno detto che via Cavour era piena di uccelli morti, ma credo che sarà così anche in altre zone”.

fonte AGI.it

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

5 COMMENTI

  1. Aeee amico ore 12.21,mo senti i babbeoti museruolati sottomessi e lobotomizzati :
    sarai aggredito come negazionista, raSSista, omofobo, terrapiattista, no Vax, ecc!
    Ricorda, in Italia, anzi itaGlia, o fai il pappagallo e segui il pensiero unico con il cervello spento, o se ti azzardi a fare qualche domanda o ti poni un ragionevole dubbio, diventi un nemico da eliminare.
    E Salerno, anzi delucalandia, forse è il peggior caso d’Italia (anzi itaGlia).

  2. Per gli scienziati… Perché c’erano antenne 5g solo li? Dovevano morire in tutta la città ma sono morti solo li dove si è sparato di più…
    Un piccolo semplice ragionamento vi eviterebbe di scrivere czte e rendervi ridicoli…
    Io piuttosto penserei ad un attacco alieno… organizzato da big pharma, Soros e compagnia bella..

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.