Campania, genitori No Dad contro Si Dad: diverbio sotto la Regione finito in rissa

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
23
Stampa
E’ un momento di tensione in Campania tra genitori favorevoli al rientro a scuola e altri che invece non vogliono il ritorno in presenza dei propri figli perchè preoccupati dalla ripresa dei contagi. E oltre a beccarsi sui social stamattina a Napoli alcune mamme sarebbero passate alle vie di fatto. Vome riporta il sito Cronache della Campania il diverbio si sarebbe acceso per una mascherina abbassata da uno dei genitori per fumare. Il gesto ha fatto scaldare gli animi davanti alla Regione Campania dove si sono incontrati piccoli gruppi di genitori No Dad e Si Dad. Una scaramuccia iniziata prima con parole grosse e poi finita a ombrellate. Pochi attimi di caos che sono subito rientrati. Tutto era iniziato con uno scambio di vedute rispetto al tema del rientro a scuola in presenza. “Siamo venuti qui per esprimere semplicemente la nostra idea e le nostre opinioni. C’é una minoranza di persone, sono negazionisti, no dad, no vax e no mask. Sono una minoranza ma sono molto agguerriti: io mentre ero qui sono stato aggredito da una persona senza mascherina soltanto perché volevo esprimere il mio parere“, ha raccontato Ferdinando P. del gruppo Tuteliamo i nostri figli.”

Fonte Cronache della Campania

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

23 COMMENTI

  1. Questi che vogliono riaprire scuole sono degli incoscienti o meglio evidentemente non possono fare i debosciati per seguire i figli con la DAD. Non rompessero chi vuole studiare lo fa anche da casa chi è in ciuccio tale rimane da casa in presenza

  2. Lo volete capire che ci sono genitori che sono responsabili e hanno paura per i loro bambini perché li dovete mettere con le spalle al muro?

  3. Tutti i genitori no dad che conosco sono tutte persone che non tengono alla scuola, all’istruzione, al rispetto degli insegnanti e simili, ma voglino toglierli i figli dai piedi.

  4. La regione Campania potrebbe evitare tutto ciò. Basta fare come ha fatto il presidente della Puglia non obbliga nessuno ad andare a scuola.

  5. Inutile litigare fra di noi…(vogliono disgregarci),perchè ,ed è chiaro, si è evidenziata, e l’hanno
    capita anche loro, l’ inefficienza,anche nel dare un servizio pubblico,nelle strutture,di “onorare i loro
    emolumenti…Non si offendessero quando li chiamano ladri ed incapaci… e questa non è storia
    solo di questi anni.Anche se adesso si è arrivati al ridicolo.
    SARA’ GIA’ TARDI QUANDO CI SAREMO SVEGLIATI!

  6. Papino il grande bluff fumo con la manovella fumo la pipa fumo di londra fumo di tutto e di più sono fumato..ma che vogliono? Io non sono mai andato a scuola e quindi mai dovuto scegliere. Tutto pagato

  7. NO!…Sono sempre dei ragazzi,dei bambini che vogliono INCONTRARSI,GIOCARE
    insieme.Non sono ancora tanto “inquinati”dalle nostre malefatte.
    Un maggiorenne(che si vergogna).

  8. Ma perché nessun giornalista chiede a queste mamme che si ostinano a mandare i propri figli in presenza cosa farebbero se il proprio bimbo si ammalasse di covid?

  9. Una mamma No dad ha detto testuali parole ” la dad si usa solo in caso di emergenza” 😳…e se non è emergenza una pandemia mondiale allora siamo fritti 🤣🤣🤣 queste mamme no dad non hanno capito un tubo.

  10. Per mio figlio a decidere siamo io e mia moglie. Sui figli, salvo fatti i casi di genitori a cui è interdetta o interdicibile tale potestà, non c’è ordinanza che possa decidere. Ma state scherzando? Si, lo so che mio figlio se si rientra a scuola e a lui non ce lo porto poi resta fuori dalla società. Me ne assumo le responsabilità, ovvio! Così come dovrebbe assumersi le responsabilità il genitore che porterà il figlio a scuola: se dovesse prendere o portare a casa il virus (mi auguro di no), immagino che poi non se la prenda con la Regione che ha consentito la riapertura, bensì faccia un sano mea culpa…è così, ne sono certo

  11. Questi che vogliono le scuole chiuse sono degli stolti e spesso anche maleducati basta leggere i commenti qui o ad altre parti. Purtroppo qui in campania ce ne sono parecchi seguaci delle follie di de luca. Campania unica regione con scuole chiuse da quasi 1 anno vergogna. E vergognatevi soprattutto voi che sostenete de luca e questa assurda e ostinata chiusura delle scuole.

  12. La situazione non è semplice da gestire e le parti hanno entrambe ragione. I NO DAD hanno difficoltà a gestire i figli a casa perché probabilmente lavorano oppure si rendono conto che i figli a distanza non rendono quanto in presenza. I ragazzi, in effetti, stanno diventando abulici, indolenti, tristi… Oramai non ce la fanno più! D’altro canto una buona parte di genitori cerca di tutelare la propria famiglia, soprattutto se ci sono persone anziane o a rischio. Questi sono decisamente PRO DAD. A chi dare torto o ragione? Come sempre la scelta sta nel mezzo….

  13. Sui nostri figli DECIDIAMO NOI e non questi “governi” questi “comandanti” che alla fine
    ci hanno portato allo sfacelo.Siamo gli unici che possiamo RIPORTALI alla realtà togliendoli
    da questo film di fantascienza che è stato creato.Con l’educazione e le “mazzate” che abbiamo
    preso noi.Cose che,comunque ci fanno rispettare gli altri(è solo per questo che porto la
    mascherina,IL BAVAGLIO),ma appena posso me la tolgo…sempre!
    P.S:Mamme,capisco che avete sempre da fare,ma in questo caso(situazione) date un pò più
    di fondo in più alla vostra pazienza.

  14. X 22:28 l’ebete parassita che si firma con nickname falso
    Tu invece a scuola ci sei andato.
    La retta te la pagava Papino, il tuo padre adottivo, dato che il tuo vero padre non l’hai mai conosciuto.
    Tua madre, dietro le chiancarelle, accumulava marchette e la notte rimanevi solo ad immaginare chi fosse il tuo vero padre.
    Che infanzia difficile…..
    Che pena che mi fai……

  15. Da quello che leggo direi che un po’ di sana didattica, di qualunque tipo, sarebbe un bene anche per tanti genitori.

  16. chiediamoci chi sono i “genitori” che si picchiano perché non c’è accordo su di un tema … e che esempio danno ai loro figli!!!!! se la famiglia è questa … vi aspettate che una scuola fatta ormai da decenni, da personaggi che ci lavorano solo perché non sono stati capaci di trovare di meglio …. educhi i vs figli e non li faccia diventare camorristi come voi????!!!! chiudiamo tutto e buona notte!!!!!! che almeno la campania, ultima in tutto, abbia il primato dell’inciviltà

  17. Chi è favorevole al rientro in presenza potrebbe gentilmente spiegare su quale elemento-cardine fonda il proprio parere? Pura Fede? Negazionismo? Crede nel buon destino? Sostiene che la DAD sia più dannosa e preferisce mettere a rischio se stesso e la propria famiglia (e gli altri)? Perché è uno scienziato, un esperto, o una persona fermamente consapevole e a conoscenza di come funziona la molecola del covid? Pura curiosità mia. Grazie a chi vorrà dire la sua a riguardo

  18. Chi studia in DAD, è automaticamente promosso alla classe successiva. Almeno su questo dobbiamo essere tutti d’accordo. Impossibile verificare la preparazione in DAD.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.