“Resto al Sud”. Nuovo limite d’età a 55 anni (di L. De Franciscis)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
La nuova legge di bilancio all’art. 1 comma 170 ha innalzato ulteriormente il limite d’età, per l’accesso ai benefici di “Resto al Sud”, da 45 a 55 anni.

Ricordiamo la legge di bilancio dello scorso anno aveva concesso, in via transitoria, di presentare la domanda, per tutto l’anno 2020, anche a coloro che avessero compiuto i 46 anni dopo il 1° gennaio 2019.

Con il nuovo limite a 55 anni d’età si apre un nuovo scenario anche per coloro che, non più giovanissimi, intendano intraprendere nuovi percorsi lavorativi.

Aver lavorato bene, e maturato esperienza, è certamente un merito e può consentire, a coloro che hanno perso il lavoro, di iniziare un’attività in proprio, o anche con i colleghi di lavoro.

“Resto al Sud” è l’agevolazione che permette di espletare le proprie competenze in un lavoro d’impresa. Dapprima, le richieste di agevolazioni erano limitate a una fascia d’età più giovane e le domande potevano essere presentate da soggetti di età compresa tra i 18 e i 35 anni.

Ora tutto cambia e, con l’innalzamento del limite d’età a 55 anni, le possibilità di guardare avanti si aprono anche ai meno giovani. Potranno utilizzare la loro competenza, l’esperienza acquisita in tanti anni e con assennatezza avviare un’attività con gli aiuti di Invitalia. Le agevolazioni coprono il 100% delle spese di start up.

In questo strano periodo di restrizioni, di emergenza contagi, forse riesce difficile immaginare di reinventarsi e programmare un’attività, ma bisogna guardare avanti e capacitarsi che passerà. Nel frattempo, non è sbagliato avviarsi in tempo utile per far sì che la propria domanda venga accolta al più presto e programmare così il proprio futuro.

Oggi rispetto al passato le cose sono cambiate. Si consideri che dal 2018 (decreto 9.11.2017 n. 174) ad oggi la legge ha innovato e incentivato l’utilizzo di questa forma di aiuto, sia per l’allargamento a nuove aree geografiche che per l’apertura alle libere professioni, ma soprattutto per l’innalzamento della percentuale del fondo perduto e conseguente rimodulazione del finanziamento.

Le domande a Invitalia per la misura “Resto al Sud” possono essere presentate dai residenti nelle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia, e anche nelle Regioni del Lazio, Marche e Umbria.

Come accennato innanzi, l’attività può essere intrapresa sotto forma di impresa individuale o in forma societaria, comprese le cooperative e le società tra professionisti.

Ricordiamo anche che il Decreto 5 agosto 2019 ha apportato modifiche al regolamento del 9 novembre 2017, n. 174 e, dall’8 dicembre 2019, estende l’incentivo “Resto al Sud” anche alle attività libero-professionali, esercitate sia in forma individuale che come società di professionisti.

Le attività per le quali è possibile presentare la domanda e avviare nuove iniziative imprenditoriali sono:

♦ attività produttive nei settori industria, artigianato, trasformazione dei prodotti agricoli, pesca e acquacoltura;

♦ fornitura di servizi alle imprese e alle persone;

♦ turismo;

♦ attività libero professionali (sia in forma individuale che societaria).

Il contributo a fondo perduto è di euro 50.000 per ogni richiedente e può arrivare fino a 200.000 euro nel caso di società composte da 4 soci.

Per le imprese esercitate in forma individuale, con un solo soggetto proponente, il finanziamento massimo è di euro 60.000.

Nel corso dell’attività, a supporto del fabbisogno circolante, è previsto un ulteriore contributo a fondo perduto di euro 15.000 per le ditte individuali e le attività professionali svolte in forma individuale e di euro 40.000 per le società.

Abbiamo detto che le agevolazioni coprono il 100% delle spese ammissibili perché oltre il contributo a fondo perduto pari al 50% vi è anche il finanziamento bancario del 50%, a tasso zero, garantito dal fondo di Garanzia per le PMI.

Per approfondire visitare il sito di Invitalia.

Per i video tutorial cliccare su video.

Luca De Franciscis

dottore commercialista

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.