Coronavirus, l’allarme di Ricciardi: “Subito lockdown o vaccinazioni a rischio”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
14
Stampa
Servirebbe un lockdown “subito, forte, di almeno un mese, per abbattere i contagi e riuscire a riprendere il tracciamento. Altrimenti si rischia di mettere a repentaglio la campagna vaccinale”. E’ l’allarme lanciato all’AGI da Walter Ricciardi, ordinario d’Igiene e Medicina Preventiva all’Università Cattolica e consulente del ministro Speranza.

“Il sistema dei ‘colori’ – spiega – di per sé è ottimo, è giusto adeguare le misure alle specificità dei singoli territori. Ma la situazione ora è tale che avremmo bisogno di un lockdown forte per un mese, con l’obiettivo di tornare a un’incidenza settimanale di 50 casi per 100mila abitanti, la soglia che ci consentirebbe di ripartire con il tracciamento e far tornare l’epidemia sotto controllo. Purtroppo i dati parlano chiaro: c’è un peggioramento nel numero di casi, nei ricoveri, e abbiamo già superato il numero di decessi della prima ondata”.

Peraltro, fa notare l’esperto, “in Europa ormai molti Paesi stanno optando per il lockdown, anche se quasi tutti i leader occidentali, va detto, hanno adottato una politica di ‘inseguimento’ e non di anticipo rispetto alle mosse del virus. E preoccupa la variante inglese, che sta mettendo in ginocchio il Paese e potrebbe diffondersi anche da noi”.

Il problema insomma, sottolinea Ricciardi, è che il virus corre, e noi arranchiamo: “Siamo sistematicamente in ritardo. Se si adottano misure di contenimento quando la situazione è già grave ci vuole più tempo, e si ha un numero di morti molto superiore. E con l’inizio, tra qualche settimana, della campagna vaccinale di massa una situazione fuori controllo potrebbe complicare molto le operazioni. Rischiamo di essere costretti – conclude – a adottare misure di emergenza in corsa, e sarà tutto più difficile”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

14 COMMENTI

  1. ma perché quest’essere, crisanti, galli e altri escrementi non se ne vanno a fare in culo loro e tutti i covid lovers di merda? Il lockdown ve lo dovete inserire come una supposta. Chi non si vuole contagiare stia a casa

  2. Si si interpretava il figlio di Merola,se non sbaglio. Vuole il lockdown? E noi andiamo a mangiare a casa sua.

  3. Siamo invitati tutti a colazione, pranzo e cena da questo Ricciardi, ma lo ha capito che o si muore di peste o di carestia.
    Ma tra poco speriamo che il lockdown lo fanno a lui…

  4. Ci sono paesi che non dichiarano i veri numeri per non finire in zona rossa. Vai congelateci tutti

  5. A differenza di Zangrillo, Bassetti, Tarro e
    il Prof. Pino Ciccio Bello …questo è nudo e crudo ….ma dice la verità….12 gennaio ….la settimana prossima iniziamo a vedere una impennata dei contagi dovuti ai pranzi allargati delle festività….questo Wairus è anti-sociale.
    Siamo all’inizio della terza ondata speriamo che non sia peggiore della seconda( variante inglese e influenza stagionale, mi preoccupano).
    Denoto che il testicolino corridore replicante e forse qualche suo amico ancora non ci arrivano!

  6. Leggo commenti che non sarebbero passati al vaglio neanche se come moderatore del sito ci fosse il pescivendolo sotto casa.

  7. ma sono solo personaggi che si mettono in mostra, parlano da quando il covid e’ iniziato a farsi sentire tra la popolazione ma sempre a dire solo cazzate di qualsiasi genere senza che nessuna fosse vera solo cazzate,se i professionisti sono questi e questi sono quelli che danno le linee guida a questo governo di sbandati allora siamo gia defunti sia di pandemia sia di economia,braccia rubate alla agricoltura altro che specialisti.

  8. Pensa che i primi due commenti sono della stessa persona, uno scoppiato negazionista …il secondo commento mi
    preoccupa….fino ad adesso non aveva manifestato rabbia e volgarità….una recrudescenza pericolosa, come possiamo aiutarlo?

  9. Facile dire chiudiamo tutto quando a fine mese arriva lo stipendio. Se non aveste soldi per far mangiare la vostra famiglia, sareste i primi a protestare. Ogni tanto imparate a mettervi nei panni degli altri. Ps. Dove era Ricciardi a gennaio scorso, tra quelli che diceva di abbracciare i cinesi?

  10. Statt a cas… noi non ci arriviamo, simm stupidi e sciem…ma tu il testicolino u tien ncap…stai a casa, ci tengo la tua salute cosi non ti contagi e non rompi a noi contagiati che siamo usciti durante le feste..tu sotto natale che hai fatto? Stato a casa da buon cittadino responsabile? Bravo! La casa è la tua salvezza per cui restaci

  11. sono quello del secondo commento..non sono Runner anche se è più intelligente di quanto voi pensiate, comodo criticare quando non la si pensa uguale a voi pecore?…i coglioni siete voi che aderite come ovini al pensiero unico….comunque se non ti piace la volgarità, vai in chiesa, fatt prevt oppure segui alla lettera i dpcm ovvero i decreti del tuo presidente del consiglio delle merde e non rompere , poi figurati se io ho bisogno del tuo aiuto povero pecorone fallito

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.