Picco di contagi, il Salernitano tra le 10 aree più critiche: scatta l’allarme rosso

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
19
Stampa
Virus, scatta l’allarme rosso: la provincia di Salerno – come titola, in prima pagina, il quotidiano “La Città” – è “area critica”. Secondo gli ultimi dati diffusi dall’Unità di crisi regionale, ieri si è registrato il picco del 2021: altri 464 nuovi casi di positività. Il Salernitano rientra fra le 10 zone con il quadro più grave.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

19 COMMENTI

  1. Nonostante le centinaia di persone al parco di domenica mattina? E il fatto che stavano a 20 con gli amici e i figli davanti al bar neanche è servito? Strano!

  2. Ormai potete solo far paura ad uno stolto , si è capito che gira tutto sui soldi come sempre

  3. ma se su 2000 e + positivi sono asintomatici e solo 11 con lievi sintomi ma perche’ e per quale interesse c’e’ questo terrorismo?nel tempo si scopriranno i grandissimi interessi delle multinazionali del farmaco e di tutta la politica dall’europa con i suoi ladroni per passare ai mangioni delle singole nazioni e nel frattempo l’economia muore e diventiamo sempre poiu schiavi dei banchieri.

  4. Questo è il terrorismo che fa bene ai babbeoti museruolati sottomessi e lobotomizzati che ormai vivono in doppia museruola e PARAVENTO

  5. Visto che si guarisce e che abbiamo imparato come curarci, in un certo senso, questi contagi possono anche giovare alla popolazione.
    Ci ritroveremo prossimamente con una buona fetta di popolazione già con gli anticorpi, e senza necessità di fare il vaccino.
    Pertanto, vediamo di finirla con il terrorismo mediatico !!!

  6. ma quanti laureati in medicina leggo qui oggi: meglio essere definiti lobotomizzati da voi che che essere degli ebeti ignoranti COME VOI

  7. Il premier inglese lo disse: dobbiamo raggiungere l’immunità di gregge. Il vaccino è acqua

  8. m,a voi che parlate di terrorismo mediatico, almeno, sapete cos’è? sta bànd e scièm!!!

  9. Io non capisco la caprina ostinazione a non mettere la mascherina, sembra che portarla sia una tortura SS . Ma perché, come portate le mutande per non sporcare i pantaloni, non volete portate la mascherina per non sporcare i vostri polmoni coi virus degli altri e risparmiate agli altri che vi stanno vicino di sporcarsi coi vostri sputi micidiali?

  10. Io vi organizzerei una visita in ospedale, a contatto con i nostri familiari ammalati, e senza mascherina.
    Poi vediamo se avete ancora lo stomaco di scrivere stronzate.

  11. Per tutti i negazionisti ignoranti come le capre: fatevi un giro nei reparti COVID poi ne riparliamo.

    Prima di allora per cortesia fate silenzio

  12. e certo che siamo fra le terre più colpite…la stessa concentrazione di teste di c. che ci sta qua, dove la trovi?

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.