Dpcm, il via libera all’asporto di bevande dopo le 18 scatena l’ira dei sindaci

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
3
Stampa
Il nuovo Dpcm dal 6 marzo, consente anche l’asporto di bevande dopo le 18 e fino alle 22. Questa decisione ha immediatamente scatenato le reazioni dei sindaci.  Antonio Decaro, primo cittadino di Bari e presidente dell’Anci, ha attaccato il governo contestando il fatto che questo provvedimento rischia di provocare  assembramenti nei luoghi della movida mentre vengono chiuse le scuole.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

3 COMMENTI

  1. A Salerno problemi non ce ne sono!la gente è civile! l’articolo si riferisce chiaramente a Cava ed Eboli!!!e non commento oltre….

  2. sindaci, capisco che vi pagano per portare avanti la farsa, ma mo avete pure rotto i coglioni con questo zelo che non avete mai avuto prima!

  3. caro Michele, credo tu sia ironico.Purtroppo su questo Salerno è come Napoli: buttiamo le carte per terra e poi ci lamentiamo che la città è sporca.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.