USB Salerno: assistenza ad anziani disabili e malati psichici ad un anno da inizio covid

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
È trascorso un anno dall’emanazione del primo DPCM, attraverso cui venne stabilita la chiusura alle visite dei famigliari nelle strutture residenziali per anziani, disabili e malati psichici.

Un provvedimento drastico nel pieno della pandemia, i cui ricordi sono vivi in tutti noi, a dimostrazione della fragilità di questi servizi.

I morti parlano chiaro.

Servizi dimenticati e lasciati nelle mani di politiche gestionali esclusivamente basate sul profitto, in cui il benessere del malato è stato accantonato.

A distanza di un anno che cosa è cambiato nella gestione e nella cura offerta alle persone più fragili?

Assolutamente nulla!

I problemi sono sempre gli stessi, a cui il mondo politico e amministrativo non sembra voler dare un cambio di rotta, riportando al centro dell’interesse collettivo, il diritto del malato e dei lavoratori che se ne prendono cura, attraverso politiche d’investimenti pubblici.

Come comitato “Libro Verde” USB – Pensionati siamo assolutamente favorevoli all’apertura delle visite dei familiari, con il presupposto inamovibile che ciò avvenga in totale sicurezza, attraverso la predisposizione di spazi e locali adatti; condizione purtroppo non possibile in tutti i servizi.

Bisogna ricordare che la maggioranza delle attuali “residenze protette”, presenti in tutto il territorio nazionale non posseggono i criteri adatti, essendo strutture vecchie e fatiscenti.

La maggioranza degli anziani ricoverati sono soli, oppure non hanno una rete famigliare tale da garantire la presenza costante nella vita del paziente.

Questo avviene chiaramente perché è cambiata la vita di tutti, in una società in cui andiamo sempre di corsa, costretti a vivere a ritmi sempre più frenetici, che impediscono i rapporti umani e l’impoverimento sempre maggiore della popolazione. Un dato importante per comprendere il mondo delle strutture residenziali soprattutto delle CRA – RSA.

Le strutture residenziali non devono essere la sola e unica soluzione per la cura.
Tutto deve partire dalla medicina territoriale, dalla cura e assistenza presso il proprio domicilio, attraverso il potenziamento e integrazione di questi servizi.

Al contempo l’assistenza domiciliare deve essere attuata dove sono presenti le condizioni idonee: ambientali e cliniche del malato. Molto spesso però le patologie geriatriche sono sempre più complesse, che necessitano di assistenza sanitaria sempre più articolata e quindi non può essere erogata al proprio domicilio, ma in strutture attrezzate.

Tante sono le storie di famiglie costrette a svendere quelle poche proprietà, come la casa dei genitori, o indebitarsi per rivolgersi al badantato (altra frontiera di sfruttamento) perché le famiglie sono lasciate sole.

Attualmente il massimo di assistenza domiciliare erogata è di poche ore giornaliere.

Tutto questo ha solo una responsabilità ben precisa:

27 miliardi di euro tagliati alla sanità negli ultimi 10 anni, la riforma del titolo V° della costituzione con la regionalizzazione del Sistema Sanitario, il pareggio di bilancio inserito in costituzione (governo Monti) che impedisce investimenti nei servizi pubblici essenziali, con i risultati noti.

Per noi è fondamentale unire le rivendicazioni dei familiari, dei pazienti e dei lavoratori: innalzare i parametri assistenziali aumentando il personale impiegato applicando ad essi contratti di lavoro migliori degli attuali. È l’unico strumento atto a garantire il vero diritto alla cura.

Per questo il Comitato Familiari e Operatori “Libro Verde” per mantenere alta l’attenzione dell’opinione pubblica sull’assistenza ad anziani disabili e malati psichici, in occasione del 5 Marzo invita a partecipare all’incontro che si terrà in diretta, sulla pagina facebook del libro verde con il contributo di diversi relatori.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.