Pensionati rientrano dal Regno Unito. Tassazione agevolata e Brexit

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
L’Agenzia delle Entrate risponde positivamente a un interpello di un pensionato, residente nel Regno Unito da almeno 5 anni, che intende trasferire la propria residenza in uno dei Comuni italiani con popolazione non superiore a 20.000 abitanti.

In effetti il contribuente, che chiede chiarimenti, vuole usufruire dell’imposta sostitutiva, calcolata in via forfettaria con aliquota del 7%, per 9 anni anziché dell’aliquota ordinaria.

A tal proposito ricordiamo che l’art. 5-bis del Decreto-legge 30 aprile 2019, n. 34 ha innalzato da 5 a 9 anni la possibilità di avvalersi della tassazione agevolata al 7% e che le condizioni, per accedere alla tassazione di favore, sono stabilite nei commi 273 e 274 della Legge 30 dicembre 2018, n. 145 (Legge di Bilancio per l’anno 2019) e possono essere riassunte con i seguenti limiti:

 

  • non essere stati residenti in Italia nei cinque periodi d’imposta precedenti a quello in cui l’opzione diviene efficace;
  • essere titolari di redditi da pensione e assegni a essi equiparati erogati da soggetti esteri;
  • trasferire la residenza in Italia in un Comune appartenente al territorio delle Regioni Sicilia, Calabria, Sardegna, Campania, Basilicata, Abruzzo, Molise e Puglia, con popolazione residente non superiore a 20.000 abitanti.
  • trasferire la residenza da Paesi con i quali sono in vigore accordi di cooperazione amministrativa.

L’Agenzia delle Entrate, dicevamo, risponde al quesito (interpello n. 244 del 13 aprile 2021) e rammenta che in base al citato articolo 49, comma 2, lett. a) del TUIR, «costituiscono redditi di lavoro dipendente le pensioni di ogni genere e gli assegni ad essi equiparati».

Ribadisce che, per espressa previsione normativa, i redditi da “pensione” sono equiparati a quelli di “lavoro dipendente” e vi rientrano, pertanto, i trattamenti pensionistici di ogni genere e gli assegni ad essi equiparati erogati esclusivamente da soggetti esteri.

In relazione, poi, ai dubbi del contribuente, riguardanti tre polizze assicurative di cui è titolare, chiarisce che non possono rientrare nel regime di favore in quanto trattasi d’investimento finanziario e non di finalità previdenziale, volta a garantire all’iscritto una pensione integrativa nella forma di rendita o di capitale.

La volontà del rientro di questo cittadino dal Regno Unito, così come quella di circa un milione di emigrati, ci porta a scrutare quali sono gli effetti provocati dalla Brexit e come fare per avere notizie utili e aggiornate.

Sappiamo che dal 1° gennaio 2021 la Gran Bretagna è ufficialmente fuori dal mercato unico europeo.

A mezzanotte del 31 dicembre 2020 si è infatti concluso il periodo di transizione e i rapporti commerciali, tra la Gran Bretagna e l’Unione Europea, saranno ora regolati dall’accordo firmato dai leader europei e dal premier britannico Boris Johnson.

E allora, può tornare utile soffermarci brevemente su cosa cambia e come fare per il prosieguo.

Per le novità, o meglio per i comunicati stampa in tempo reale, è disponibile il sito del Consolato Generale d’Italia a Londra che permette di leggere le ultime notizie.

Sul sito, ad esempio, si possono leggere notizie su: come fare per le vaccinazioni all’estero, novità sulla digitalizzazione delle procedure di visto, sulla proroga dei termini della validità delle patenti, informazioni sui passeggeri in arrivo in Inghilterra a seguito delle nuove disposizioni adottate dal Governo britannico e altri fatti d’interesse comune.

Per l’accesso al sito e leggere le ultime notizie, cliccare su Consolato a Londra.

Vi sono, poi, le FAQ (domande poste frequentemente) che tornano utili per leggere le risposte già fornite su diversi argomenti d’interesse collettivo, come ad esempio:

  • Domande relative all’anagrafe A.I.R.E.;
  • Domande relative al rilascio del passaporto e così di seguito per diverse altre risposte a domande che si ripetono.

Per la consultazione delle domande frequenti cliccare su FAQ.

Altre informazioni per i cittadini britannici e loro familiari residenti in Italia, sono presenti sul sito del Ministero dell’Interno all’indirizzo https://www.interno.gov.it/it/vademecum-i-cittadini-britannici-e-i-loro-familiari-residenti-italia.

Per saperne di più su cosa cambia per le imprese, l’Ambasciata italiana ha lanciato una serie di video per fornire informazioni e indicazioni pratiche sui principali aspetti del commercio bilaterale. Di seguito si riporta un video tutorial riguardante i principali impatti Brexit per le imprese.

Altre notizie sono presenti alla pagina servizio di assistenza ai cittadini italiani sulla Brexit.

Luca De Franciscis

dottore commercialista

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.