Salerno: la Community social “LeVicine” pulirà spiaggia e lungomare di Torrione

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Importante iniziativa messa in piedi dalla Community Social “LeVicine” che per sabato 8 maggio organizza la pulizia della Spiaggia di Torrione (ex Ostello della Gioventù) e del Lungomare adiacente. L’iniziativa, patrocinata dal Comune di Salerno e con il supporto dell’Associazione Amatoriale Handball00 vedrà il “gruppo delle donne” in azione munite di guanti e sacchi dell’immondizia trasparenti per un intervento di decoro urbano.

CHI SONO #LEVICINE

“Sapete se in zona c’è un alimentare che consegna a domicilio? Qualcuno può
prestarmi un trapano? Mi aiutate a trovare una baby-sitter?” ma
anche socializzare, prendersi cura dei beni comuni e dei vicini più in difficoltà:
benvenuti nel mondo di LeVicine, fenomeno di social street tutto al femminile,
conosciuto e studiato come un modello di innovazione e inclusione sociale.

Nonostante le illusioni diffuse dalle tecnologie della comunicazione, noi viviamo
là dove viviamo e la nostra community è una risposta nuova e innovativa che
va esattamente nella direzione di addomesticare i luoghi, renderli più familiari.
LeVicine per il momento lo trovi su facebook per le città di Salerno, Roma e
Milano.

Il motore della nascita del gruppo

Per tornare alla nascita del gruppo, il motore sono stati i miei figli Stella e Matteo, che essendo piccoli, avendo nonni e cuginetti lontani, volevo che socializzassero con qualcuno e mi accorsi che non sapevo se c’erano vicini con figli con cui giocare. Una sera ho creato un gruppo chiuso e ho utilizzato facebook, invertendo il paradigma dello strumento stesso, ossia per far relazionare non persone lontane ma vicine e a distanza di un anno, oggi ci sono circa 2000 donne iscritte.

Cosa succede sul gruppo?

Utilizzerò un esempio: c’è una mamma con un neonato in macchina, sta tornando da un viaggio. E’ domenica, è tardi, sta per arrivare a casa e si ricorda di non avere il latte. Non ricorda se ci sono bar aperti, allora decide di chiederlo sul gruppo. Dopo un po’ di risposte negative, una vicina scrive, “ho io un litro in più e te lo do volentieri”. Problema risolto. Cos’ha avuto la vicina in cambio? Niente! Questa è la rivoluzione!!! Nella community un mio problema lo posso condividere con gli altri e difficilmente i post non vengono ascoltati.

Perché solo donne

Perché solo donne? Perché abbiamo lo stesso DNA, perché, nella maggior parte dei casi, siamo noi che ci occupiamo di far conciliare la vita in famiglia e il lavoro, che oggi equivale a parlare di super poteri. INDISPENSABILE nella complessità quotidiana è creare una RETE DI DONNE E MAMME. Con le mamme della stessa classe viene tutto più comodo e non ci si ritrova in dieci davanti alla scuola per portarli tutti quanti poi allo stesso corso pochi minuti dopo!

Cosa facciamo

Sul gruppo oltre a scambiarsi aiuto e informazioni utili sui servizi che offre la nostra zona (“Sapete se in zona c’è un locale in cui si possono organizzare feste di compleanno? Qualcuno può prestarmi un trapano? Vi risulta che domani passano per la lettura del gas?”), succede di tutto. Soprattutto in questo periodo di quarantena il gruppo si sta allargando sempre di più e svolge un’azione molto importante.

Raccogliamo non solo tutte le iniziative solidali che girano in rete ma organizziamo challenge per i bambini, e learning, hobby e sport e cosa molto importante condividiamo informazioni sulle attività locali e del territorio che fanno consegne a domicilio permettendo ai piccoli commercianti di rimanere in contatto con la loro rete e di sopravvivere in questo momento di difficoltà. Parole come Socialità, Innovazione sociale, Inclusione sociale, Gratuità sono alla base.

Siamo riuscite a passare dal virtuale al virtuoso attraverso una naturale inclusione sociale (degli anziani, di chi è più ai margini), attraverso forme di cittadinanza attiva (ad esempio, prendendoci cura di parchetti e spazi comuni) e attraverso la gratuità (nessuno fa niente per denaro, non è una banca del tempo e non c’è sharing economy, do ut des, ma solo generosa spontaneità).

Dopo aver preso confidenza in Rete, passare all’offline non è difficile: basta scegliere l’occasione giusta e un luogo d’incontro nei paraggi (i più coraggiosi aprono la porta di casa per un caffè, ma si può scegliere il parchetto o un locale nella zona). L’incontro fisico è sempre più gratificante, permette di conoscersi meglio e di sapere, finalmente, che non si è da soli.

Cosa organizziamo?

Retake, pizzate e colazioni, passeggiate al parco, biciclettate, cesti raccolte solidali, feste di carnevale, corsi di pilates e mini cucito, qualsiasi cosa presupponga convivialità e gratuità.

Come prender parte al progetto?

Niente di più facile, iscrivetevi ai gruppi chiusi della vostra zona e il gioco è fatto.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.