Salerno: non si ferma all’alt di un posto di blocco, arrestato 21enne

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
9
Stampa
I Carabinieri della Sezione Radiomobile della Compagnia di Salerno hanno tratto in arresto il pregiudicato 21enne E.A. di Pontecagnano. Durante un posto di controllo su Lungomare Marconi, i Carabinieri hanno intimato l’alt ad una Fiat 500 che procedeva a forte velocità. L’auto ha fatto cenno di fermarsi, per poi accelerare velocemente verso uno dei militari che è riuscito con un balzo ad evitare di essere investito.

I Carabinieri si sono subito posti all’inseguimento con due vetture, riuscendo a bloccare l’auto con una manovra a tenaglia su Via Leucosia a Mercatello. Il conducente è sceso dall’auto fingendo di volersi fermare, per poi strattonare uno dei Carabinieri e quindi fuggire a piedi, lanciando un oggetto a terra; il passeggero invece si fermava nell’auto in maniera collaborativa.

Inseguito nuovamente, il fuggiasco è stato bloccato nelle vicinanze del Comando Provinciale, con molta fatica poiché continuava a dimenarsi ed a scalciare verso i Carabinieri, tanto da richiedere l’ammanettamento. È stato successivamente rinvenuto l’oggetto lanciato, un coltello a serramanico. Il soggetto si presentava inoltre con un forte alito vinoso, motivo per cui gli è stato richiesto di sottoporsi ad alcoltest, che rifiutava.

I due militari che lo hanno bloccato sono ricorsi a cure mediche con prognosi di 10 gg ciascuno per contusioni ed escoriazioni varie; veniva richiesto intervento 118 anche per E.A. , riscontrato in stato di agitazione, ma questi rifiutava il successivo trasporto in ospedale per altri accertamenti. E.A. è stato pertanto arrestato per violenza, resistenza e lesioni a Pubblico Ufficiale, associato al proprio domicilio.

Viene anche denunciato per porto abusivo di coltello e per rifiuto di sottoporsi ad accertamento alcolimetrico. Gli sono state infine comminate sanzioni per guida con patente sospesa, mancato utilizzo dei DPI e violazione del coprifuoco.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

9 COMMENTI

  1. ma dico io? uno così perche non lo porate in elicottero sul Vesuvio e lo buttat dentro? pensate che la società civile ne sentirebbe la mancanza?

  2. Ai domiciliari? Ecco la Vergogna della legge italiana, oggi puoi fare tutto contro la legge che ti fanno mangiare e vedere la tv, alla faccia degli onesti!! Purtroppo questi futuri delinquenti hanno alle spalle una educazione demenziale è fallimentare da parte di pseudo genitori senza responsabilità, che Squallore familiare!!

  3. Il giudice per parità di diritti con la Rakete lo deve assolvere. Altrimenti dobbiamo prendere tutti la cittadinanza tedesca. Le sentenze costituiscono un precedente e i giudici politicizzati dovrebbero stare molto attenti.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.