Cinque giorni per salvare la Salernitana: Lotito si gioca tutto

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
7
Stampa
La Federcalcio non fa sconti. Come non poteva farne, visti i rapporti (pessimi) tra il presidente Gabriele Gravina e il patron Claudio Lotito. E, in fondo, com’è giusto che sia, perché in ballo c’è la credibilità del calcio italiano e del prossimo campionato. Il trust, l’espediente legale per iscrivere la Salernitana alla Serie A dove c’è già la Lazio – l’altra squadra di Lotito – non va bene.

Non così, almeno: “Non è un vero e proprio blind trust“, si legge nella relazione della Covisoc, l’organo federale chiamato a valutare la procedura. Tradotto: il club è ancora in mano a Lotito, e dunque non può partecipare al campionato. Il futuro della Salernitana (e pure della Lazio, perché i due destini, secondo le norme, sono legati) resta in bilico.  Lo scrive IlFattoquotidiano.it

L’iscrizione al momento è congelata. Come aveva anticipato ilfattoquotidiano.it negli scorsi giorni, la soluzione del trust sarebbe stata accolta dalla Figc solo a determinate condizioni, con paletti ben precisi su indipendenza, durata e valutazione. Lotito, nella complessa impalcatura messa in piedi, li ha rispettati solo parzialmente.

Nella documentazione inviata in via Allegri figurano due trust differenti, soci praticamente a metà: uno per Omnia Service Srl e uno per la Morgenstern Srl, due società che fanno capo rispettivamente a Enrico Lotito, figlio di Claudio, e alla famiglia Mezzaroma.

Qui, però, inizia un intreccio di nomi e istituti che non ha convinto la Figc, la quale auspicava la scelta di società di revisione indipendenti, al di sopra di ogni sospetto. I due trustee – i soggetti che fanno da garanti al trust – sono invece Widar Trust e soprattutto Melior Trust, che ha già precedenti nel mondo del pallone (con Cellino) e fa riferimento a Banca del Fucino di Mauro Masi.

Poi ci sono due avvocati messi “a guardia” dei trustee, per tutelare gli interessi dei proprietari. E infine un amministratore unico del club, il generale Ugo Marchetti, che Lotito tempo fa aveva già proposto come presidente della Lega Serie A.

È su questa commistione tra nuovi gestori e vecchia proprietà che la Federazione ha trovato da ridire. Senza valutare nel merito le professionalità indicate (su cui comunque è evidente un certo scetticismo), la Covisoc contesta la procedura di nomina, che semplicemente non c’è stata: non è chiaro, infatti, in base a quali requisiti siano stati individuati i soggetti protagonisti del trust.

Manca l’indipendenza, insomma, non solo gestionale, ma anche economica. La Salernitana non ha una disponibilità sufficiente (i proventi dei diritti tv non bastano) per affrontare i prossimi sei mesi di transizione senza che gli amministratori debbano interfacciarsi con i proprietari per le varie esigenze di mercato o di ordinaria gestione, situazione che renderebbe di fatto Lotito ancora “controllore” attivo del club. Così come non sono stati regolati i rapporti con alcuni fornitori riferibili alla galassia di società del patron romano.

Per quanto riguarda la durata, infine, vanno bene i sei mesi indicati, ma senza le troppe deroghe (la prima di 45 giorni, la seconda di altri 10) che permetterebbero a Lotito di scavallare la finestra di mercato di gennaio, momento cruciale entro cui la società dovrebbe essere definitivamente passata di mano.

Sono queste le condizioni che portano la Covisoc a scrivere che “in virtù del processo di scelta delle persone componenti del trust e delle regole previste nella gestione dello stesso si ritiene che la soluzione prospettata non sia un vero e proprio blind trust“.

Una bocciatura. O meglio, un rinvio. Perché la Federcalcio ha concesso a Lotito altri cinque giorni per migliorare l’architettura giuridica e renderla accettabile ai suoi occhi. Le modifiche richieste sono essenzialmente tre: un’impalcatura diversa, più lineare, più indipendente; una dotazione economica congrua sul conto in banca per arrivare a fine dicembre; la scadenza ferrea dei sei mesi, con unica possibile deroga quella – di pochi giorni – per chiudere una trattativa già avviata entro i termini. Lotito ha tempo fino a sabato per adeguarsi.

Tutti si augurano che lo faccia. A Salerno, la città che trema e non vuole perdere tra le scartoffie una storica promozione conquistata sul campo. Ma anche in Federazione. Perché Salernitana (e Lazio) rischiano di non iscriversi al campionato, scenario apocalittico per i due club, ma pure il presidente Gravina sa quanto può essere pericolosa una battaglia in tribunale contro Lotito.

Gli esiti, infatti, sono imprevedibili: se sul piano sportivo la posizione del patron è indifendibile, per il codice civile la situazione potrebbe essere molto diversa, col pericolo concreto di trascinare con sé tutto il calcio italiano. Ci sono pochi giorni ancora per trovare un accordo. Altrimenti la guerra sarà inevitabile.

Fonte IlFattoquotidiano.it

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

7 COMMENTI

  1. Leggo bene che c’è in gioco la credibilità del calcio italiano?????e le squadre che hanno centinaia e migliaia di debiti regolarmente iscritte li non c’è la credibilità!???E le squadre che hanno partecipato alla super lega nessun cenno??ma siete sicuri che voi siete per il bene di Salerno e della salernitana?? O ci dobbiamo fare difendere da Criscitiello che è di Avellino????non vi agitate faremo la Serie A..e penso che anche stavolta più di qualcuno ci rimarrà male!!

  2. Che bello se tutto il calcio andasse a put…. con la sospensione di tutti i campionati.
    Wooooow!!

  3. il lanciacori grasso ed il suo gruppo che si atteggiano a capi quando pensano di fare qualcosa?
    vogliono fare solo i malandrini altro che ultras..

  4. Ma perche non lo bocciano e basta ? perche bisogna strascinare sta cosa vergognosa ? va bene ? NO ? e allora respinto e fuori la lazio e la salernitana dalla serie A, tanto io la tifo lo stesso pure in C o in D non me ne faccio un problema

  5. Se la Salernitana non dovesse essere iscritta al campionato di serie A, consiglierei a Lotito di non farsi più vedere a Salerno, perché, purtroppo, qualche testa calda in giro c’è sempre. Mai episodi di violenza nella mia città!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.