Covid, allarme dall’Ordine dei Medici: “Rischio di una nuova ondata molto concreto”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
9
Stampa

«Sono molto preoccupato di ciò che vedo in giro, se non si interverrà subito temo che al ritorno delle vacanze avremo un brutto risveglio dal sogno di esserci gettati il peggio alle spalle». Non usa mezzi termini Bruno Zuccarelli, presidente dell’Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Napoli e provincia, nel lanciare un allarme sui comportamenti a rischio che ormai si moltiplicano in ogni ambito della vita sociale.

«Al di là della retorica, è evidente che prevale ormai un clima da liberi tutti», aggiunge Zuccarelli. «Questo modo di fare rischia di riportarci a situazioni drammatiche nel giro di qualche mese». A preoccupare i medici di Napoli e provincia è il mix di variabili che si accompagna all’abbandono di qualsivoglia precauzione e comportamento responsabile, a cominciare dalla prevalenza sempre più evidente della cosiddetta variante Delta.

«I dati dei sequenziamenti – prosegue il leader dei medici – ci dicono con chiarezza che entro settembre la variante Delta sarà prevalente e ci dicono anche che questa variante è molto più contagiosa del ceppo originale del Covid».

Se da un lato sono ormai cadute quasi ovunque le precauzioni di distanziamento e di igiene, preoccupa che all’aumento dei casi di variante Delta si stia ormai registrando a Napoli e provincia una vera e propria fuga dai vaccini, che sono «l’unica arma che possiamo usare per evitare di ritrovarci a ottobre nel pieno di una nuova ondata.

L’Organizzazione mondiale della sanità e gli organi sanitari europei e italiani – ricorda Zuccarelli – ci hanno confermato che la doppia dose di vaccino è efficace e può proteggerci dal rischio di una nuova ondata, ma nonostante gli sforzi messi in campo dalle ASL e il primato che la Campania ha avuto nelle somministrazioni, siamo ben lontana dall’immunità di gregge».

Di qui l’appello dei medici ai cittadini affinché programmino la vaccinazione ancor prima delle vacanze. «Dai dati della Regione risulta con evidenza – conclude Zuccarelli – che c’è una consistente fetta di popolazione che ritiene di non dover ricorrere al vaccino, una leggerezza che non possiamo permetterci. A questo si aggiunge il comportamento criminale dei “NoVax”, perché è di vite umane che parliamo e sono vite umane che si perderanno se dovessimo ritrovarci ancora una volta nell’inferno dei contagi».

L’Ordine di Napoli stigmatizza poi con forza le attività social, e non solo, poste in essere da gruppi di “NoVax” e presunte associazioni che con la propria attività finiscono per allontanare i cittadini dalla vaccinazione.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

9 COMMENTI

  1. Il daily mail dice di considerare il COVID-19 ormai come una influenza!! Inoltre abbiamo la vaccinazione di 52 milioni dì dosi somministrate!!E questi continuano a spaventare la gente!! Mah!!!

  2. Sasicchio vai al mare invece di leggerti il daily mail che manco lo capisci, non pensare alle vaccinazioni, non è roba per te, vatti a prendere il sole sulla spiaggia ripasciuta con la polvere e la mer*a di cane, mangiati il cocco bello fresco, che a settembre ti rinchiudono di nuovo!

  3. L’imperativo categorico è vendere sieri immunizzanti(?) a tutti, e non curare questa sindrome con farmaci in uso da decenni.
    Più somministrano sieri sperimentali, e più varianti escono fuori, è un fatto ovvio

  4. Finché ci saranno testicolini runnerizzati no Vax, il Covid non degraderà mai ad influenza…. comprati un Turbo-daily è inizia a fare il trasportatore di cose utili….non fregnacce web.

  5. IL COVID È IN VIRUS PERICOLOSO, SUBDOLO, ALTAMENTE CONTAGIOSO. IO HO VISSUTO LA MALATTIA, QUANDO CAMBIA MARCIA TI FA MALE, TUTTO DURA PIÙ, I SINTOMI E ANCHE IL RECUPERO FISICO E MENTALE. SPESSO NON GENERA SINTOMI, MA QUANDO INCALZA NON È UNA INFLUENZA!!! MOLTI POSITIVI=PIÙ SINTOMATICI=PIÙ RICOVERI=PIÙ DECESSI.

    TORNANDO ALL’ ARTICOLO, IL PROBLEMA NON SONO I NO VAX O 400 MEDICI CHE NON VOGLIONO VACCINARSI, O ANCHE 3 MILIONI DI PERSONE….IL PROBLEMA È LO STATO CHE NON HA AVUTO LA CAPACITÀ DI EFFETTUARE VACCINAZIONI DI MASSA IN TEMPI BREVI. 3 MILIONI DI PERSONE NON VOGLIONO VACCINO?? CAZZI LORO. MA 57 MILIONI VOGLIONO FARLO E FINO A OGGI LA CAMPAGNA VACCINALE È STATA ASSOLUTAMENTE SCADENTE.
    CON LE NUOVE VARIANTI NE VEDREMO DELLE BELLE…

  6. Sasy è il testicolino runnerizzato in versione femminile…..cerca di moltiplicarsi creando nuovi fantomatici dementrunner.
    Sicuramente non acre accanto persone che sono disposti ad ascoltarlo..X… va capito ed aiutato seriamente.

  7. Runner e Sasy sono la stessa testa di ca… Dato che rimangono a casa perché purtroppo non vanno in vacanza, passano la loro vita o comunque parte della giornata a correre e commentare SALERNONOTIZIE.IT…
    Che belle ambizioni…

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.