Assegno unico ai figli: come fare domanda e le date da controllare

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Coloro che non possono accedere all’assegno al nucleo familiare, possono intanto fare domanda per l’assegno unico temporaneo ai figli, prima che entri in vigore a gennaio 2022 l’assegno unico alle famiglie

Per l’assegno unico temporaneo ai figli è già possibile inviare la domanda, con la procedura che è stata avviata dal 1° luglio. La richiesta può essere fatta online sul sito dell’Inps, al quale si può accedere tramite Spid

Le domande possono essere presentate fino al 31 dicembre 2021, ma c’è una data da tenere d’occhio: il 30 settembre 2021. Se le richieste perverranno entro tale “scadenza”, il pagamento decorrerà dal 1° luglio 2021, ossia si riceveranno retroattivamente anche le rate dei mesi precedenti

Le domande inviate dal 1° ottobre a fine dicembre riceveranno l’assegno unico dal primo giorno del mese di inserimento dell’istanza

L’assegno unico ai figli andrà a sostituire alcuni bonus con requisiti stringenti, come il bonus bebè, il bonus mamma domani e le detrizioni fiscali dal reddito imponibile

L’assegno unico che partirà dal 2022 è universale e consente a tutte le famiglie con minorenni di poter ricevere una somma per ogni figlio convivente, sia naturale che adottato o in affido

I nuclei che restano esclusi sono quelli che hanno figli maggiorenni. L’assegno unico sarà destinato anche alle partite Iva e ai disoccupati/incapienti, che restavano esclusi dall’assegno al nucleo familiare

L’assegno unico temporaneo è destinato solo alle partite Iva e ai disoccupati proprio per coprire i mesi da luglio a dicembre, prima che entri in vigore la versione definitiva della misura

Tra i beneficiari dell’assegno unico temporaneo ci sono anche le famiglie che percepiscono il reddito di cittadinanza. L’assegno unico ha l’obiettivo di sostenere le spese dei figli minori a partire dal settimo mese di gravidanza fino al compimento del diciottesimo anno di età

Se i figli continuano a studiare o fanno un tirocinio, la misura è estesa fino al ventunesimo anno d’età. Dai 18 ai 21 anni, l’assegno potrebbe anche essere erogato direttamente al figlio

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.