Svolta epocale nella lotta alla malaria, Oms approva il vaccino

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Sì dell’Organizzazione mondiale della Sanità, dopo decenni di ricerca, al vaccino per la malaria, di cui si raccomanda ora l’impiego di massa in particolare in Africa subsahariana e nelle zone a rischio. Si potranno salvare così decine di migliaia di vite, in particolare tra i bambini. Grande la soddisfazione di molte Ong impegnate sul campo. Prof. Cauda, Ordinario di malattie infettive al Gemelli: “L’efficacia di questo vaccino apre il cuore”

Gabriella Ceraso e Eliana Astorri – Città del Vaticano 

Ancora oggi nel 2021 la malaria, legata alla puntura della zanzara Anopheles, provoca 409mila morti l’anno, il 95% dei quali in Africa la Nigeria in testa  e poi in India, e per due terzi tra bambini sotto i cinque anni. E’ per questo che la pagina scritta oggi è storica e si aspettava da tre decenni di ricerca e dai primi via libera ottenuti nel 2015.

Mosquirix: i Paesi pilota e gli effetti sui bambini

La sperimentazione è dunque divenuta strumento ufficiale, raccomandato. Commercalmente il farmaco si chiama Mosquirix, è prodotto dalla Glaxo con l’aiuto di un organismo non profit. E’ efficace nel 56% dei casi, e già così capace di “salvare decine di migliaia di vite all’anno”, dice l’Oms, sottolineando anche come una forma modificata stia già mostrando un efficacia pari al 77%. Tre i Paesi pilota: Malawi, Ghana e Kenya con circa 800mila i bambini coinvolti in somministrazioni di 4 dosi totali a partire dai 5 mesi d’età. Mosquirix usa una proteina del parassita inoculato dalla zanzara nel tentativo di bloccare l’infezione al livello iniziale.

“Ora – afferma l’Oms – non ci resta che garantire l’acquisto ai Paesi che lo richiederanno, tutto ciò ovviamente va fatto nel più breve tempo possibile”. Uno studio del 2020 ha stimato che se il vaccino fosse distribuito nei Paesi con la più alta incidenza di malaria al mondo, potrebbe prevenire – ogni anno – 5,4 milioni di casi e 23mila decessi di bambini di età inferiore ai cinque anni.

La soddisfazione delle Ong

Si è scritta, dunque, una bella pagina e grande soddisfazione è stata espressa anche da molte Ong sul campo. “Come è avvenuto per l’Italia, dove la malaria era ancora endemica nella prima metà del Novecento, dobbiamo chiudere la partita anche nei Paesi africani”, sottolinea la presidente di Amref, Paola Crestani.

“Finalmente ci siamo. E ancora una volta l’unica via a permetterci di progredire è la scienza, con un vaccino. Come Amref incoraggiamo continuamente le comunità a migliorare la prevenzione e la gestione della malattia”, aggiunge. I riflettori ora sono puntati su Gavi, l’alleanza globale per i vaccini: un suo sì potrebbe garantire l’acquisto del vaccino per i Paesi che lo richiederanno, un processo che potrebbe durare anche un anno e dunque è fondamentale partire il prima possibile.

L’approvazione, da parte dell’Oms, del vaccino salvavita contro la malaria è stata accolta “con grande favore” dall’Unicef. Henrietta Fore, direttore generale del Fondo delle Nazioni Unite per l’Infanzia, ricorda che “ogni 2 minuti un bambino sotto i 5 anni muore per malaria”.  “Il vaccino, insieme con le altre misure di prevenzione, può interrompere queste devastanti perdite di vite”.

Un risultato dunque che dà speranza che “apre il cuore” anche tra gli specialisti: ne parla in questi termini il professor Roberto Cauda, Ordinario di Malattie Infettive della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS:

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.