Long Covid, lo studio: disturbi cognitivi e di memoria a molti mesi dall’infezione

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
Ci sarebbe anche la perdita di memoria tra gli effetti del Long Covid. Secondo una ricerca pubblicata nei giorni scorsi su Jama Network dai ricercatori della Icahn School of Medicine del Mount Sinai, molte persone che si sono riprese dall’infezione hanno dovuto fare i conti con un deterioramento cognitivo a più di sette mesi di distanza

Lo studio descrive i problemi cognitivi sperimentati dai pazienti che erano stati trattati presso il sistema del Mount Sinai a New York e conferma l’ipotesi che il Long Covid può provocare una serie di disturbi a molti mesi di distanza dalla malattia

Secondo i dati raccolti dai ricercatori, il 24% delle persone che si sono riprese dal Covid continua a sperimentare una sorta di difficoltà cognitiva, inclusi problemi di memoria, multitasking, velocità di elaborazione e concentrazione

“Stiamo assistendo a un deterioramento cognitivo a lungo termine in una vasta gamma di gruppi di età e gravità della malattia”, ha detto l’autrice dello studio Jacqueline Becker, neuro-psicologa clinica e scienziata associata presso la Icahn School of Medicine

Per compiere la ricerca sono stati somministrati test a 740 pazienti, che sono stati controllati tra aprile 2020 e maggio 2021, risultati positivi al virus e che non avevano una storia pregressa di demenza

I risultati hanno mostrato un tasso alto di deterioramento cognitivo a più di 7 mesi di distanza da quando i pazienti hanno contratto l’infezione

Il deficit cognitivo più comune era riferito a un problema con la memorizzazione di nuovi ricordi, seguito da problemi con il richiamo della memoria. Quasi un paziente su 4 ha manifestato questi sintomi

Altri problemi riscontrati sono la difficoltà nella velocità di elaborazione e nel funzionamento esecutivo, che include la capacità di avviare, pianificare, organizzare e formulare giudizi

Anche altre strutture stanno notando questo tipo di complicazioni. Al Northwestern Medical Center, secondo quanto riferito alla Nbc dal neurologo Igor Koralnik, capo della divisione di malattie neuro-infettive e neurologia globale, alcuni pazienti Covid hanno manifestato deficit cognitivi così gravi che non erano più in grado di prendersi cura di sé stessi dopo essere stati dimessi

“Questo studio conferma ciò che abbiamo visto anche alla Northwestern, che i problemi cognitivi sono persistenti sia nei pazienti che erano stati precedentemente ricoverati in ospedale sia nei pazienti che avevano solo lievi sintomi respiratori”, ha detto Koralnik

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.