Covid, De Luca teme per gli Ospedali: “A Breve rischiamo reparti ingolfati”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
4
Stampa

Siamo «pienamente entrati nelle quarta ondata, oggi in Campania ci sono 869 positivi», dice Vincenzo de Luca, presidente della Regione Campania, durante la sua consueta diretta Facebook del venerdì.  Risultato? «se cresce la percentuale di positivi soprattutto non vaccinati avremo gli ospedali di nuovo ingolfati».

De Luca ha annunciato che martedì i vertici della Regione avranno una riunione con direttori generali di aziende e Asl per fare il punto sui posti letto. «Cominciamo ad avere il problema che era prevedibile, più aumentano ricoveri Covid più diminuiscono altre prestazioni».

Questa la ‘lettura’ fornita dal presidente della giunta campana sulla cosiddetta ‘quarta ondata’ dei contagi Covid:

“Siamo entrati nella quarta ondata pienamente. Il motivo di questa ripresa di contagio credo sia abbastanza chiaro: pesano le centinaia di migliaia di mancate vaccinazioni, pensano in alcune zone del Paese come Friuli e Trieste e Veneto, le manifestazioni irresponsabili dei no vax e il progressivo abbassamento protezione dei vaccinati. Passano i mesi e la tutela mano a mano diminuisce”.

Dunque il 16 novembre presidente della Regione, delegati alla Sanità, direttori sanitari delle Asl e direttori generali degli ospedali campani si vedranno per fare il punto sulla situazione alla luce della quarta ondata Covid che riguarda ovviamente anche la Campania. «Abbiamo problemi seri per mancanza di personale medico specializzato» dice De Luca. Insomma, i problemi già ben noti: mancano gli anestesisti-rianimatori, c’è carenza di operatori ai Pronto Soccorso, alcune zone della regione sono in enorme difficoltà, come la Costiera Sorrentina dove non ci sono anestesisti: «Noi facciamo pure il concorso…ma non partecipa nessuno» chiosa il governatore che poi apre un altro fronte polemico.

Il problema della SSD Neapolis Marathon

Si tratta della SSD Neapolis Marathon in programma in città domenica 14 novembre, lungo un tracciato di 21 chilometri. De Luca sostiene che l’Azienda Sanitaria Locale Napoli 1 Centro non sia stata allertata:

“So che è in preparazione a Napoli una maratona e l’Asl 1 non lo sapeva. Non va bene, bisognava parlare con l’Asl, bisognava  verificare le prescrizioni…io credo che si possano fare eventi ma con obbligo di green pass. Noi non possiamo averne 10mila persone in piazza, magari persone che arrivano da Paesi europei in cui c’è un livello altissimo di contagi e noi magari siamo rilassati coi controlli”.

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

4 COMMENTI

  1. ….Il motivo di questa ripresa di contagio credo sia abbastanza chiaro: pesano le centinaia di migliaia di mancate vaccinazioni, pensano in alcune zone del Paese come Friuli e Trieste e Veneto, le manifestazioni irresponsabili dei no vax e il progressivo abbassamento protezione dei vaccinati…
    NON DIRE CAZZATE….GIA’ SEI SCARSO COME POLITICO…NON FARE IL VIROLOGO…LE CAUSE SONO ALTRE….

  2. x topo gigio
    Sono anche queste le cause, oltre a: ritorno a scuola non avvenuta in sicurezza a partire dai mezzi pubblici (senza contare che c’è una parte considerevole che non sopporta la mascherina e quindi se la fa scivolare fuori dal naso fin quando non richiamano i prof e che quando parlano con un amico se la tolgono proprio), molti titolari e dipendenti non sopportano la mascherina e quindi non la indossano proprio se non alla vista dei clienti e in non pochi casi solo alla vista di vigili in servizio (e c’è da dire che nei luoghi dove i lavoratori non la indossano c’è non poca gente che entra senza mascherina o solo con la chirurgica/tessuto dove in questi contesti può essere utile solo la FFP2 e la FFP3), distanziamento assente ovunque, regole scellerate (e quelle poche giuste non rispettate) nella riapertura delle discoteche e dei stadi, esagerata capienza nei luoghi di svago, movida che sembra essere come ai tempi pre-Covid se non sempre spesso e volentieri sì, gente che si vede sempre di meno con la mascherina in giro anche tra i vaccinati (che pensano che il Covid gli fa ‘na pippa ora col vaccino) e in tutto questo c’è gente che va in giro ancora con le mascherine di tessuto (anche trendy) alla faccia della salute perché non servono a niente per contrastare il Covid. Ma in tutto ciò siamo sicuri che i locali usano sistemi d’areazione contro il Covid? I politici sanno di tutto ciò ma lasciano correre perché devono seguire agende dell’ambiente elitario altrimenti subiscono serie conseguenze sulla propria persona (ricordiamoci come sono morti Falcone e Borsellino perché scomodi all’attuale sistema politico-finanziario di stampo elitario che ha la mafia come spola)

  3. wow.come dopo l italia che ha vinto e l inter che ha vinto, nn c erano contagi, dopo 5 persone in piazza a manifestare, e’ colpa delle manifestazioni ahahahahhahaha pagliacci!!!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.