fbpx

Sanità “off limits” per cittadini stranieri: per loro il nuovo Cup non funziona

Stampa
La storia è così seria che, altrimenti, ci sarebbe da ridere. Risate sicuramente amare se si considera i risvolti pratici, economici e d’immagine per la Campania.

Protagonista della vicenda è la dott.ssa Moira Azzopardi, manager maltese e compagna di un noto commercialista salernitano da anni trapiantato a La Valletta, che deve sostenere una visita specialistica all’ospedale San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona di Salerno. E fin qui nulla di strano. L’inattesa sorpresa giunge al momento di prenotare e pagare il ticket: non può perché… è straniera.

La professionista strabuzza gli occhi ed insiste: «Sono maltese, sono cittadina comunitaria, ho la tessera Team (tessera europea di assistenza sanitaria)». Ma la risposta arriva da un mortificatissimo operatore del Centro Unico di Prenotazione del Ruggi: «Non può, il sistema non consente di registrare stranieri…».

Per Moira Azzopardi una situazione assurda: «Ho provato a prenotare e pagare il ticket per una visita specialistica al Ruggi d’Aragona di Salerno. Da cittadino europeo di Malta ho prima fatto l’impegnativa e con la carta di assistenza europea sono andata a prenotare la visita. In ospedale sono iniziati i problemi e con il supporto competente della direzione amministrativa dell’ospedale abbiamo scoperto che il nuovo sistema della Regione Campania non gestisce “gli stranieri”… Come è possibile questo in un luogo turistico?».

Infatti la domanda è: com’è possibile? Lo stupore e la delusione della professionista maltese sono stati leniti dalla grande disponibilità e professionalità del dott. Giuseppe Ferrucci, dirigente del Cup del Ruggi, e del suo team di lavoro che hanno provato in ogni modo a risolvere il problema. Purtroppo senza riuscirci. Neanche cercando di generare un codice Stp (straniero temporaneamente presente) che solitamente è riservato ai migranti che sbarcano nel nostro paese. E sarebbe stata una soluzione anche molto umiliante. Alla dott.ssa Azzopardi, a quel punto, con tanto imbarazzo è stato “consigliato” di rivolgersi a strutture sanitarie del Lazio o della Basilicata.

Una figuraccia che, a quanto pare, non sembra isolata. Sono oltre 2 mesi che il problema viene segnalato dall’Asl Salerno al Cup regionale ma nessuno ha risolto il bug che in passato non c’era. Infatti, non c’era: sul retro delle vecchie ricette, quelle rosse, era predisposta una sorta di modulistica per l’assistenza sanitaria a persone straniere e quel sistema funzionava. A questo punto alcune domande sono legittime visto che la realizzazione del nuovo Portale Salute del Cittadino della Regione Campania, presentato dal governatore Vincenzo De Luca lo scorso aprile, sarà costato un bel po’ di denaro pubblico.

I primi dubbi riguardano il capitolato d’appalto, se questo abbia previsto (come invece il vecchio sistema) o meno che tra gli utenti potessero esserci anche cittadini stranieri, comunitari e non. E quindi prevedere le varie soluzioni. Se non è stato previsto la cosa è davvero grave.

Forti perplessità si concentrano anche su chi aveva l’obbligo di testare il sistema prima di metterlo in rete perché, è evidente, che c’è stato un controllo non proprio impeccabile, sicuramente superficiale. Una grave disfunzione che non pone certo in buona luce la Regione Campania e la sua sanità in contesto internazionale.

Un forte danno pratico e d’immagine, anche perché in un territorio a così alta vocazione turistica non è possibile non garantire la salute anche agli stranieri. Chi si occupa di turismo (ma non solo…) sa benissimo che tra le prime priorità di chi viaggia per il mondo c’è proprio l’assistenza sanitaria. E se la voce si sparge…

3 Commenti

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  • Diciamocelo con immenso orgoglio “un altro orgoglio o eccellenza della Campania”. Un altra medaglia da appuntare per il Governatore.

  • Noi Campani siamo tutti incapaci…….Governatore compreso……torniamo alla carta e penna che è meglio!!!!

  • Nello sviluppo di sistemi queste cose possono succedere, solo chi non lavora non lo comprende.
    Resta incomprensibile come questa cosa perduri da 2 mesi.
    Quindi che i benepensanti dicano che è “il governatore” o il dirigente o chi di turno non comprende come vengono effettuate certe cose. Sicuramente ha sbagliato o chi ha redatto i requisiti o chi ha sviluppato la piattaforma o chi ha testato, oppure una combinazione di questi attori.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com