Incidente mortale a Salerno, appello al Sindaco di Pietrofesa: “Basta stragi di innocenti”

Stampa
Sig. Sindaco, oggi ho visto morire sotto i miei occhi un ragazzo di 23 anni per un assurdo incidente stradale sul lungomare Marconi a Salerno
Luigi, questo è il suo nome, ha perso la vita in sella alla sua moto all’altezza del parcheggio dei camper di Salerno Mobilità a torrione.
Non entro nel merito dell’incidente e di chi ne abbia la colpa, il mio post deve servire ad evitare altre morti su questo tratto di lungomare, si perché Luigi è l’ennesima vittima di questa strada, utilizzata a partire dalle piscine comunali e fino al distributore Esso come una pista da corsa da parte di moto, auto, camion che non rispettano neanche i semafori…
È ORA DI FERMARE QUESTE STRAGI DI INNOCENTI…
Ci vuole un maggiore controllo della velocità, anzi io direi di mettere dei dossi artificiali per far diminuire a tutti la velocità, segnalare adeguatamente le strisce pedonali, far funzionare sempre i semafori e se utile mettere telecamere per multare chi passa con il rosso…
Bisogna garantire la sicurezza, non vogliamo più assistere ad una vita spezzata per il mancato intervento e messa in sicurezza.
Sono certo che ci sarà un Suo sollecito intervento già da domani mattina.
Alla famiglia di Luigi le mie più sentite condoglianze… R.I.P.
Chiedo a tutti di lasciare un commento di cordoglio e di sostegno alla richiesta di sicurezza, non lasciate commenti di polemiche specie politiche…
GRAZIE…
Aniello Ciro Pietrofesa

18 Commenti

Clicca qui per commentare

  • Ancora non posso credere a questa tragedia. Luigi ragazzo adorabile…….non riesco a scrivere altro💔

  • Non può che essere condivisa. Andrebbe solo aggiunto che i controlli, tanto criticati, e gli interventi, a tutela di tutti, andrebbero svolti in tutte le lunghe arterie della città. Dall intero lungomare a via Parmenide e così via. Sempre, non un giorno si e dieci no e mai interrotti per le lamentele di turno. Troppe distrazioni, troppa strafottenza dei guidatori, troppi morti e feriti. Troppi giovani. Che non sia l ennesimo sacrificio inutile. R.i.p.

  • Quello che dice Pietrofesa è giustissimo e va posto rimedio. Ma è possibile che l’incidente non sia dovuto alla velocità, ma semplicemente all’imprudenza. Troppo comodo dare la colpa ai fattori esterni: serve a liberarci la coscienza da errati comportamenti individuali. Giusto denunciare le mancanze, peraltro reali, ed invitare l’amministrazione ad intervenire con dei correttivi mirati. Giustissimo. Ma dobbiamo anche “invitare” automobilisti e motociclisti a rispettare regole elementari che possono salvare una vita, come il corretto uso di cinture e casco. Nessuno si permette di sollecitare le forze dell’ordine a controlli serrati in tal senso; a nessuno viene in mente di promuovere campagne di sensibilizzazione in questa direzione. Tutti se ne fregano; a tutti fa comodo piangere le vittime con lacrime di coccodrillo, invocando provvedimenti anche giusti, ma che non raggiungono l’obiettivo prioritario, che è quello della prevenzione e dei controlli del territorio. Bene, Pietrofesa, ma vada oltre i limiti infrastrutturali. Rip. Condoglianze alla famiglia.

  • Sono assolutamente d’accordo con te. Dossi artificiali, e se serve autovelox, perché la velocità in quel tratto è troppo elevata ed è un impresa anche attraversare serenamente la strada Condoglianze alla famiglia di questo povero ragazzo, è una tragedia. Riposa in pace nella gloria di Dio

  • Una tragedia immane un ragazzo che se ne va…una famiglia distrutta CON TUTTO IL DOLORE LE MIE PIU’ SENTITE CONDOGLIANZE. P.S. FACCIAMO CHE LE STRADE RISULTINO PIU’ SICURE

  • Ancora la storia dei dossi artificiali… non possono essere messi perchè devono passare le ambulanze, punto. Un mio amico ha sentito un forte rumore di moto prima dello schianto, probabile che il ragazzo stesse correndo, purtroppo. Bisogna finirla con la mentalità di limitare la libertà delle persone, come vuole Pietrofesa.

  • Il 99% delle persone al volante fa slalom dei poveri pedoni sulle strisce, spessissimo senza nemmeno dare la precedenza. Senza entrare nel merito dell’incidente e facendo le condoglianze alla famiglia la realtà è che per le strade è una Jungla totale dove non si rispetto il 10% del codice della strada perchè da noi nessuno fa multe e i controlli non esistono. Tutto qui.

  • Parole sante!!! Io stesso ho visto incidenti in quel tratto di strada…. terribile! Sindaco, intervenga!

  • Dossi dossi dossi su tutto il lungomare. Come le altre città turistiche alle quali noi vogliamo lontanamente, molto lontanamente somigliare.

  • Hai ragione ma se le strade si usano come piste la colpa non bisogna ricercarla altrui. R.i.p.

  • In quel tratto si corre perché dalle piscine in poi ci sono troppi semafori che si susseguono troppo velocemente con il rosso,e nessuno vuole fermarsi 3 volte per giungere a Pastena.
    Bisogna semplicemente modificare il timer dei semafori,con un intervallo più lungo
    Sentite condoglianze alla famiglia.

  • Condoglianze sincere. Non è giusto che i genitori debbano seppellire i propri figli.
    Per l’incidente.. i rilievi determineranno la dinamica e magari gli enti prenderanno provvedimenti.
    Il problema è culturale non del comune.
    Esiste un codice stradale da rispettare.
    Poi… se abbiamo bisogno di un ente che con sanzioni, multe e forze dell’ordine ci faccia rispettare ciò che dovrebbe essere ovvio.. è una sconfitta del popolo .
    Rip

  • Io metterei uno spartitraffico che divida in modo netto la corsia che va da pastena verso il centro, spesso capita che ti trovi macchine che invadono la corsia a tutta velocità. Inoltre anche dei dossi in prossimità di strisce pedonali .
    R.I.P. caro Luigi, non ti conoscevo, ma dal tuo viso capisco che eri un bravissimo ragazzo.

  • X ma quali dossi artificiali…

    Mi scusi, nel suo messaggio scrive che il ragazzo correva, ebbene se ci fossero stati i dossi il ragazzo sarebbe stato costretto a rallentare…
    Mettere i dossi non è limitare la libertà delle persone, altrimenti lei mi fa capire che approva le corse che si fanno su quel tratto di strada, ma al limite salvare la vita delle persone…
    Le autoambulanze non c’entrano nulla con i dossi, possono tranquillamente operare, anzi le dico di più, da ex autista di autoambulanza, non si corre solo perché si ha un mezzo di soccorso anche perché con le sirene la gente ti fa strada e guidando con accortezza si arriva comunque dove si deve arrivare…

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.