Azienda calcio: “proroga della multiproprietà”. Di Antonio Sanges

Stampa

Il Consiglio della Figc ha modificato la “norma transitoria” dell’articolo 16-bis delle NOIF, prorogando la scadenza per il divieto delle multiproprietà (anche per club non partecipanti allo stesso campionato) all’inizio della stagione 2028/2029. Le norme che regolano la multiproprietà nelle società di calcio,  risultano essere art.7 (commi 7,8,9) dello Statuto Federale) e art. 16 bis delle Noif (Norme Organizzative Interne Federali).

Messa in “fuori gioco” lo scorso 31 dicembre 2021,  la “multiproprietà” Lazio e Salernitana, allo stato attuale, tale problematica interessa i club di Napoli e Bari (De Laurentis), e Verona e Mantova (Maurizio SettI).

Riguardo l’azienda calcio, il sondaggio attivato da SWG, rileva che il “sistema calcio italiano”, è in grave crisi, e lo stesso avrebbe bisogno di un profondo rinnovamento. (Fonte Gazzetta dello Sport)

I tifosi ed appassionati, intervistati da SWG hanno evidenziato “criticità dell’azienda calcio italiana”, proponendo i seguenti correttivi:

1) aumento degli investimenti sui giovani calciatori (91% degli intervistati);

2) limite agli stipendi con attivazione del salary cup (90%);

3) riduzioni dei costi fissi di gestione invece che un aumento dei ricavi (78%);

4) bilancio societario sostenibile quale elemento migliorativo, rispetto ad un successo sportivo determinato  con spese faraoniche (76%).

In considerazione del sondaggio SWG, ed in relazione con la 12^ edizione di Report Calcio 2022, per vincere la sfida del “calcio austerity”, la FederCalcio propone la misurazione della “sostenibilità dell’azienda calcio” attraverso l’applicazione dei seguenti “indicatori”:

1) indice di liquidità ammissivo (dallo 0,6 fino all’0,8 in tre anni);

2) indicatore indebitamento e costo del lavoro allargato con ricavi al netto delle plusvalenze;

3) indice di rapporto flussi di cassa e servizio del debito, 4) indice rapporto costo squadra.

Intanto Report Calcio 2022, conferma che l’azienda calcio italiana, rileva evidenti criticità riguardo la “sostenibilità economico-finanziaria”, con relativo “squilibrio strutturale”,  che già prima della pandemia risultava particolarmente evidenziato.

Dal documento sviluppato dal Centro Studi FIGC in collaborazione con AREL (Agenzia di Ricerche e Legislazione) e PwC Italia (PricewaterhouseCoopers), si evince che nei 12 anni analizzati prima dell’impatto del Covid-19 (dal 07-08 al 18-19), il calcio professionistico italiano ha prodotto un ‘rosso’ aggregato pari a circa 4,1 miliardi di euro (quasi € 1m al giorno). (Fonte Calcio&Finanza).

Tale dato evidenzia che il 79% dei bilanci dei club di calcio , al termine della propria stagione calcistica ha chiuso con un valore di “perdita d’esercizio”. La pandemia Covid19, ha confermato una crisi ‘strutturale’ del sistema calcio italiano, con determinazione del “valore della  perdita complessiva” aumentata dai 412 milioni del 2018-2019 agli 878 del 2019-2020, fino agli oltre 1,3 miliardi del 2020-2021.

I “due campionati giocati  con impatto Covid-19” (19-20 e 20-21) hanno determinano per l’azienda calcio italiana, un valore negativo di  “perdite d’esercizio aggregate”, pari ad oltre 2,2 miliardi di euro, con relativo “indebitamento finanziario” incrementato  dai 4,8 miliardi di euro del 2018-2019 ai quasi 5,4 del 2020-2021.

Il valore del “fatturato aggregato” dei club di Serie A, B e C ha raggiunto nel periodo “pre Covid-19”  quasi 3,9 miliardi di euro, con un aumento di 1,5 miliardi rispetto a 12 anni prima, ma quasi il 90% della crescita dei ricavi tra il 2007-2008 e il 2018-2019 è stata utilizzata per coprire l’aumento degli stipendi e degli ammortamenti/svalutazioni.

Antonio Sanges – Dottore Commercialista 

Commenta

Clicca qui per commentare

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.