Arechi, Lambiase (M5S): “Da piano traffico ai bagni da terzo mondo”

Stampa
“E’ ricominciato il campionato di Serie A e  – come se un anno fosse passato invano – i problemi del principe degli stadi si sono riproposti, immutati. Dopo la ribalta mediatica della salvezza-impresa dell’anno scorso la squadra e la città possono e devono usare questa chance per dimostrare a tutta Italia di meritare gli elogi. A mio avviso una città che voglia definirsi europea deve consentire ai cittadini/tifosi alcuni servizi che oggi, più che scadenti, definirei assenti.

Problema parcheggio e logistica: la costruzione di palazzi nella zona prospiciente lo stadio ha ridotto la capacità ricettiva. Eppure nelle opere di urbanizzazione correlate ai palazzi era previsto un parcheggio interrato da settecento posti (come discusso in Commissione Trasparenza con il presidente e i colleghi consiglieri), oggi non aperto a causa del fallimento della ditta di uno dei lotti e della rispettiva rampa di accesso al parcheggio, peraltro in avanzato stato di costruzione.

La seconda questione è collegata alla gestione dei parcheggi prospicienti. Sono abbandonati a se stessi, non vi è alcun controllo, il parcheggio è lasciato al libero arbitrio e di sovente gli ultimi ad arrivare bloccano le vie di uscita, rendendo il deflusso impossibile anche ad una urgenza. Basterebbe mettere il parcheggio a norma con sbarra ad entrata per risolvere il problema.

Si parcheggia (oggi) anche al centro delle piazzole lasciando alla “buona educazione” del conducente che –  se tarda nell’uscita –  blocca centinaia di autovetture. E’ intollerabile inoltre il parcheggio ai bordi della viabilità della litoranea che causa riduzione della carreggiata. Il parcheggio dei motorini è da definire selvaggio, non vi sono segnati nemmeno i posti, nè vi sono stalli autorizzati e dedicati. Ma al solito è la mobilità sostenibile ad essere carente. C’è bisogno di potenziare le corse di trasporto pubblico su gomma e su rotaie.

Ciò si ottiene introducendo un pedaggio ai parcheggi per autovetture e moto (fatta eccezione per veicoli ibridi ed elettrici) una volta resi a norma, così da invogliare gli utenti a lasciare la macchina a casa. Molti parcheggiano a molte centinaia di metri dall’impianto ed andrebbero organizzati parcheggi decentrati (ad esempio zona industriale, Pastena e Mercatello) con navette per l’impianto. Verrebbe così ad essere limitato il deflusso “a piedi” che, non gestito, causa riduzioni di carreggiata e caos con rischio di incidenti.

Pulizia ambienti e servizi igienici: Salerno Pulita è deputata alla pulizia dell’impianto. Ma non esiste bagno che debba far fronte a così forte utenza senza un servizio continuo. Durante la gara non vi è nessun addetto ai servizi igienici, non ci sono cestini e tanto meno vengono svuotati regolarmente. Va rivista daccapo la gestione dei servizi igienici e della pulizia.

Connessione: la connessione oggi è un bene primario. Serve per lavoro (c’è chi lavora allo stadio) ma anche agli utenti per cento motivi. Si potrebbe pensare a linee dedicate con password per chi lavora e linee per gli utenti in aree dedicate dell’impianto”.

4 Commenti

Clicca qui per commentare

  • Oltre tutte le problematiche riscontrate è inammissibile e inaccettabile x un abbonato entrare dopo 2 ore di fila e non trovare il posto profumatamente pagato e prenotato. Dove non trovi nessuno Stewart che ti faccia trovare il tuo settore, quando non si può fare il cambio nome all’abbonamento e uno potrebbe arrivare tranquillamente 5 min prima dell’inizio dell’incontro come capita negli stadi europei, ma no trovi il posto occupato le scale inaccessibili. I bar che ti vendono una birra a 5 euro senza rilasciare un non nulla. Mi dispiace ma siamo città da 3 mondo non europea come blatera il reuccio

  • Aggiungiamoci anche i costi del servizio ristoro, assolutamente assurdi. 5€ per una birra , 3 per un bicchiere d’acqua… ovviamente tutto senza scontrino o ricevuta fiscale.

  • Sono d’accordo con l’articolo e i vari commenti. È veramente assurdo negare l’evidenza. Stamattina in radio sentivo che il WiFi non funziona per i giornalisti, l’aria condizionata in sala stampa non funziona, i bagni sono indecenti, erba che cresce ovunque, posti non rispettati, odore nauseante di spazzatura nei parcheggi della curva sud, parcheggiatori abusivi, code di 2 ore ai pochi tornelli, strada prospiciente la tribuna piena di buche.. ma veramente assurdo e vergognoso per un’intera città che partecipa al massimo campionato di calcio. Bibite che costano 3 volte il prezzo del bar e niente scontrino., lattine e bottiglie buttate, a terra, dietro il cosiddetto bancone del cosiddetto bar dello stadio principe. VERGOGNOSO!

  • La gestione esterna alla struttura (parcheggi, viabilità ecc.) è responsabilità del Comune. La gestione interna (bagni, ristoro e posti assegnati) è della Salernitana. La gestione dell’ordine pubblico (abusivi della sosta) è delle forze dell’ordine. Da quello che vedo non funziona niente. Siamo al Sud. Senza un salto culturale non ce la faremo mai.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.