Rincari e pressione fiscale, grido d’allarme delle imprese meridionali: “Così falliremo”

Stampa
L’importanza dell’analisi geopolitica per i fattori economici europei e italiani e per le dinamiche energetiche è emersa, nel corso degli ultimi mesi, con tutta la sua forza, generando un cataclisma per le imprese che nel meridione italiano vivono una situazione drammatica rischiando di chiudere per sempre.

Il recente stop al flusso sul gasdotto Nord Stream che è stato annunciato da Gazprom, la nota compagnia russa,
ha innescato profonde incertezze sulle forniture di gas in Europa e in Italia. Gli analisti energetici prevedono un ulteriore aumento dei costi energetici con una stima che prevede 337 dollari per megawattora, uno scenario altamente preoccupante che farà registrare ulteriori aumenti dei costi energetici per le imprese e per le bollette delle famiglie italiane nel corso dell’autunno 2022.

Uno scenario altamente preoccupante per il tessuto industriale, commerciale ed economico del meridione italiano. “Il prezzo del gas lunedì sulla piazza di Amsterdam ha chiuso a 280 €/MWh dopo aver toccato quota 295. Il quadro del mese di luglio composto dalle bollette mandate dagli imprenditori e dai nostri clienti fotografa numeri destinati a peggiorare. Le imprese meridionali rischiano il fallimento e con l’arrivo di settembre ci ritroveremo più politici che imprese. La situazione è davvero critica e le imprese meridionali rischiano il fallimento generale.

La politica italiana deve intervenire subito nel calmierare i prezzi energetici, rilanciare la diversificazione energetica e limitare i danni che il fisco e la tassazione continuano a creare”, denuncia Umberto Pagano, esperto in diritto societario e internazionalizzazione delle imprese dello Studio Associato Ansaldi & Partners di Napoli.

Tra il 2019 e il 2022, a fronte di un incremento dei consumi del 5%, il costo si è praticamente decuplicato. Il prezzo delle offerte elettriche è salito mediamente del 61%, mentre il prezzo delle offerte gas è aumentato del 21%. Allargando il confronto su base annua, tra aprile 2021 e aprile 2022, gli aumenti della spesa annuale di elettricità e gas per il terziario sono ancora maggiori raggiungendo una “forchetta” che va da +110% a +140%. Nel 2022 la spesa in carburante per gli autotrasportatori si dovrebbe collocare sui 37 miliardi di euro, 7 in più rispetto ai 30 miliardi di euro del 2021.

Queste sono analisi concrete in quanto rappresentano calcoli che abbiamo fatto sulla documentazione presentata dai nostri clienti accompagnate da stanzianti richieste di aiuto per non essere costretti a chiudere. Risposte che non sappiamo dare perché oramai è chiaro che i costi energetici sono maggiori del guadagno o fatturato finale.
La situazione è davvero preoccupante e a breve non vi sarà più possibilità di rimediare”, rilancia Umberto Pagano.

Inoltre, secondo le analisi dello Studio Associato Ansaldi&Partner, i comparti del terziario nel 2022 soffriranno un aggravio di spesa più che doppio, passando da 11 miliardi di euro di spesa nel 2021 ai 27 miliardi di euro attuali. Numeri che destano enorme preoccupazione e che testimoniano ulteriormente il momento di sofferenza delle imprese che nel meridione italiano, accanto a servizi inesistenti, logistica inefficace, fisco e burocrazia criminale, rischiano di far accelerare i processi di delocalizzazione o semplicemente di far fallire le imprese del meridione.

I professionisti e consulenti meridionali ribadiscono che non bastano più le misure spot, ma diviene essenziale un programma strutturale che tuteli il tessuto imprenditoriale e le famiglie italiane pensando seriamente anche all’introduzione di meccanismi di Price cap sul gas, un tetto ai prezzi internazionali del metano, imponendo alle varie
categorie di operatori lungo la filiera metanifera.

1 Commento

Clicca qui per commentare

  • andare al governo ora e’ solo un disastro annunziato,draghi ha preso la palla al balzo e si e’ defilato,le imprese non potranno fare fronte a questi aumenti energetici e falliranno in massa,le famiglie non pagheranno le bollete e ci potra essere una rivolta,ma ci rendiamo conto che non siamo l’america?in tutto questo casino la politica parla solo di stronzate tanto loro non avranno di questi problemi e mattarella che ha fatto di tutto per non fare andare al comando della baracca la destra ed ha portato prima un inservibile conte con appoggio dei 5 stelle ridicolissimi e poi un letta che qualsiasi politico mediocre si vergognerebbe della sua appartenenza,ora mi domando da una nazione disastrata e indebitata peggio della grecia del tempo passato vogliamo sig.presidente prendere decisioni appropriate con politici seri-in gamba e che facciano il bene della nazione?

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.