La polipillola abbatte del 33% il rischio di morte cardiovascolare

Stampa
La polipillola, un farmaco contenente tre distinti principi attivi, abbatte del 33 percento il rischio di morte per una malattia cardiovascolare nei pazienti che avevano avuto in precedenza un infarto del miocardio. La terapia, inoltre, è risultata efficace nel ridurre di un quarto (24 percento) eventi come un ulteriore attacco di cuore, un ictus non mortale e la necessità di un intervento di emergenza ripristinare il flusso sanguigno in una coronaria ostruita. Si tratta di risultati statisticamente molto significativi, considerando che le patologie cardiovascolari rappresentano la principale causa di morte nei Paesi industrializzati assieme ai tumori. Lo scrive FanPage.it

Ad annunciare l’efficacia della polipillola è stato un team di ricerca internazionale guidato da scienziati del Centro Nacional de Investigaciones Cardiovasculares (CNIC) e del Cardiovascular Institute – Icahn School of Medicine at Mount Sinai di New York, che hanno collaborato a stretto contatto con i colleghi di molteplici istituti in tutto il mondo, compresi l’IRCCS Istituti Clinici Scientifici Maugeri (M.P.) e il Dipartimento di Scienze Cliniche e Salute Pubblica dell’Università di Milano. Gli scienziati, coordinati dal professor Valentin Fuster direttore generale del CNIC e specialista in cardiologia del nosocomio statunitense, hanno determinato l’efficacia della polipillola nello studio SECURE (Secondary prevention of cardiovascular disease in the elderly) nel quale sono stati coinvolti circa 2.500 pazienti colpiti da un precedente infarto. I volontari, proveniente da sette Paesi europei (Italia compresa) avevano un’età media di 76 anni ed erano in maggioranza uomini (69 percento). Quasi l’80 percento soffriva di ipertensione; il 57,4 percento di diabete e circa il 50 percento aveva (o aveva avuto) il vizio del fumo.

I ricercatori hanno valutato i tassi di vari eventi cardiovascolari e di morte per malattia cardiovascolare nei pazienti che prendevano la polipillona e nel gruppo di controllo che non l’assumeva, determinando che il farmaco è in grado di abbattere di 1/3 il rischio di morte cardiovascolare e di 1/4 la combinazione di malattia cardiovascolare fatale, ictus non letale, secondo infarto e necessità di liberare le coronarie con un intervento d’emergenza. Ma cosa contiene esattamente la polipillola? Questo farmaco è composto da un anticoagulante (l’aspirina), un inibitore dell’enzima di conversione dell’angiotensina o ACE per controllare la pressione sanguigna (il ramipril) e una statina ipolipemizzante (atorvastatina).

Sono tutti e tre farmaci che vengono comunemente prescritti ai pazienti colpiti da infarto, tuttavia l’aderenza alla terapia spesso si riduce in modo significativo a mesi dall’evento, anche per via del consistente numero di pillole da assumere. La polipillola è un “all-in-one” che semplifica la vita e i medici volevano capire se potesse migliorare l’aderenza alla terapia e di conseguenza l’effetto salvavita, come poi dimostrato dallo studio.

“I risultati dello studio SECURE mostrano per la prima volta la polipillola, che contiene aspirina, ramipril e atorvastatina, ottiene riduzioni clinicamente rilevanti degli eventi cardiovascolari ricorrenti tra le persone che si sono riprese da un precedente infarto, grazie a una migliore aderenza dovuta alla semplificazione della polipillola, piuttosto che prendere i farmaci separatamente”, ha dichiarato il dottor Fuster in un comunicato stampa.

“La polipillola, essendo una strategia molto semplice che combina tre trattamenti essenziali per questo tipo di pazienti, ha dimostrato il suo valore perché una migliore aderenza significa che questi pazienti stanno ricevendo un trattamento migliore e quindi hanno un minor rischio di eventi cardiovascolari ricorrenti”, gli ha fatto eco il dottor Jose M. Castellano, direttore scientifico presso la HM Hospitals Research Foundation e primo autore dello studio.

I dettagli della ricerca “Polypill Strategy in Secondary Cardiovascular Prevention” sono stati pubblicati sull’autorevole rivista scientifica The New England Journal of Medicine e presentati al Congresso della Società Europea di Cardiologia (ESC 2022) in corso di svolgimento a Barcellona.

Fonte FanPage.it

Commenta

Clicca qui per commentare

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.