Messaggi nazisti e pedofilia, chat dell’orrore su Telegram: arrestato 21enne di Vallo

Stampa
Studente universitario in Psicologia e con il sogno di diventare criminologo, da ieri agli arresti domiciliari a Vallo della Lucania.

Il 21enne L.L. è accusato  – come riporta, in prima pagina, il quotidiano “La Città” oggi in edicola – di incitamento alla discriminazione e alla violenza per motivi raziali, etnici e religiosi, apologia di gravi crimini di tipo terroristico e diffusione di materiale pedopornografico su Telegram.

È quanto emerso dall’inchiesta dalla Dda di Genova, che ha scoperto le “chat degli orrori” e portato a tre arresti, con la misura dei domiciliari per il giovane vallese. Quest’ultimo avrebbe rivelato di essersi interessato solo per motivi di studio, dicendosi estraneo all’accusa di essere un fruitore di materiale pedopornografico e ai messaggi inneggianti al nazismo.

Commenta

Clicca qui per commentare

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.