Calcio: Lega Pro, sfruttare riforma per club più competitivi. Macalli, “Bisogna organizzarsi diversamente per avere benefici”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Pallone_Lega_ProSfruttare la riforma per rendere la Lega Pro un laboratorio innovativo del calcio italiano. Il terzo campionato italiano, che dalla  prossima stagione si tirerà a lustro con una ”dieta” ferrea (si scenderà a 60 squadre divise in tre gironi, con la scomparsa della Seconda Divisione), studia infatti gli strumenti per modernizzare il sistema e valorizzare i giovani. Se n’è parlato oggi nel convegno ”La Riforma della Lega Pro, cosa cambia, come si struttura e la sua funzione per rendere più competitive le società”, svoltosi a Roma presso la Scuola Superiore di Polizia.
“Si ottengono risultati solo con l’organizzazione – dice il presidente della Lega Pro, Mario Macalli -. Bisogna organizzarsi in maniera diversa. Come Lega abbiamo cercato di spiegare ai nostri club cosa è utile fare, chi ha capito ne trarrà dei benefici”. Macalli traccia quindi la strada: “servono risorse ma non infinite dobbiamo far fruttare quel che abbiamo e destinarle alla patrimonializzazione delle società”.”Servono stadi di proprietà – aggiunge -, ma non cattedrali, da far vivere tutta la settimana e dove i giovani possano crescere”.
Come rileva Francesco Ghirelli, il dg della Lega Pro, infatti i ”club diventeranno sempre più aziende in equilibrio economico finanziario”. ”La nostra lega – prosegue –è l’unica che ha ridotto il numero club e si è data delle regole sul budget sapendo che questo equilibrio rende più equilibrati i campionati. Questa è la strada tracciata dalla riforma: si perdono i contributi a fronte di penalizzazioni. La differenza tra noi e gli altri è che loro dicono ‘faremo le riforme’, noi le stiamo già facendo”. Sul modello dei campionati stranieri, con l’intervento di Ricardo Resta (direttore dell’Organizzazione Competizioni Liga Spagnola), e della Fiorentina, e con un occhio di riguardo ai giovani calciatori, da guidare anche nella formazione e nella crescita. ”La Lega Pro ha fatto un ottimo lavoro con questa riforma – dice Eduardo Macia, dt dei viola –. Ma è uno strumento che la Lega mette a disposizione delle società. Bisogna migliorare le loro strutture, ma non senza creare un’identità di squadra, che è stata la grande forza del calcio spagnolo”
Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.