Feneal Uil: Pensare a finanziamento raccordo Salerno Avellino più che a laurea honoris causa Bonanni

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
traffico_raccordo_salerno_avellino_2E se invece di consegnare la laurea honoris causa a Raffaele Bonanni ci preoccupassimo dei finanziamenti persi per la riqualificazione della Salerno-Avellino, dello stanziamento per il progetto delle due stazioni ferroviarie nel campus (people mover), dei collegamenti tra l’Ateneo e la restante parte della provincia, della bretella della metropolitana per la Valle dell’Irno? Magari a Bonanni si potrà chiedere un aiuto per capire come mai  gli 88 milioni che erano destinati al prolungamento della metropolitana di Salerno dallo stadio Arechi fino a Pontecagnano furono poi assegnati al Mose di Venezia in una maxi operazione di scippo politico-istituzionale che ha sottratto centinaia di milioni al Sud per portarli al Nord in un sistema tangentizio e corrotto.

Forse, e lo diciamo da sindacalisti, invece di assegnare una laurea al segretario nazionale della Cisl, dopo aver intitolato anche una piazza del campus a un dirigente provinciale della stessa organizzazione sindacale, sarebbe stato opportuno promuovere una giornata di confronto e di discussione – stavolta sì con il ministro Giannini e perché no con lo stesso premier Renzi – per affrontare i temi delicati dell’Università e del sistema delle opere di tutta la Valle dell’Irno.  A questa iniziativa sarebbe stato opportuno invitare anche i sindaci del comprensorio, tra questi quelli rieletti o neoeletti, ai quali la Feneal Uil augura un’azione amministrativa decisa e innovativa, sperando che nella loro agenda possano inserire il lavoro e le infrastrutture tra le priorità del proprio territorio.

Manifestazioni come quella che andrà in scena lunedì prossimo all’Università  fanno invece arretrare, dal punto di vista politico e sociale, il nostro territorio e la nostra università a un sistema che era in auge solo negli anni della prima Repubblica: quando i potentati ricevevano onorificenze ovunque solo quale atto di omaggio e di servilismo.
Il sindacato stia dall’altra parte della scrivania: dalla parte di chi lotta e dei lavoratori, non ad ascoltare la laudatio del ministro prima della consegna di una laurea honoris causa.

 

Il Segretario Generale

Patrizia Spinelli

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. feneal che siete gelosi che non l’abbiano data ad angeletti?
    ma quanto siete patetici!

    riporto il vostro scritto dal quale traspare TUTTA LA FRUSTRAZIONE per quello che vorreste e dovreste essere ed invece non siete

    Forse, e lo diciamo da sindacalisti, invece di assegnare una laurea al segretario nazionale della Cisl, dopo aver intitolato anche una piazza del campus a un dirigente provinciale della stessa organizzazione sindacale,

    da sindacalisti?????
    ahahah da ROSICONI INCONCLUDENTI!!!!!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.