Crescent, le Associazioni che si oppongono all’opera scrivono al premier Renzi

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
13
Stampa
Crescent_Salerno_10Le associazioni “Italia Nostra” e “Figli delle Chiancarelle” scrivono al premier Matteo Renzi chiedendogli di non inserire il Crescent nel pacchetto che sarà ricompreso all’interno del decreto “Sblocca Italia”. Temono un  “ennesimo condono mascherato” le associzioni firmatarie della lettera nella quale ricordano al premier tutta l’intricata vicenda giudiziaria. Allegato anche un dossier sull’opera e  l’appello sottoscritto da 48 intellettuali a tutela del paesaggio della città di Salerno.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

13 COMMENTI

  1. Renzi,te lo raccomando.Uno che sta deliniando una dittatura in Italia,nonostante Fiorentino,nato nella culla dell’arte,penso non sia capace di stabilire cosa sia il bello o il giusto.

  2. Non vi rendete conto che se non si finisce il Crescent,la citta’ di Salerno restera’ paralizzata…zero parcheggi,una citta’ che resta in cantiere perenne,attivita’ commerciali che avevano comprato i negozi che man mano si allontanano e abbandonano il progetto…siamo in ginocchio!Completate l’opera al piu’ presto per il BENE DI SALERNO,che piaccia o no oramai e’ un processo irreversibile.Meglio un mostro NON COMPLETATO o meglio un’opera che ridia vita alla citta’??

  3. Non sapete piu’ a chi scrivere . Avete consumato fiumi di inchiostro .
    Al Papa non volete scrivere?

    E dai mandiamola una letterina anche al Papa!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Facciamo questo ultimo tentativo!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Spero che alla fine qualcuno Vi citi per danni a Voi e a tutti gli intellettuali che hanno firmato la lettera . Il 99% di essi non sa nemmeno di che state parlando.

    Avete raggiunto il massimo del ridicolo.

    Per la gioia di tutti i salernitani l’opera sara’ finita e quando cio’ accadra’ Vi invito a creare un nuovo comitato : comitato dell’inutilita’

  4. Poche ore ancora, solo poche ore! Quanti danni in fruscianti € dovranno pagare i figli delle Cambialelle! Sindaco, nessuna pietà! Attivi tutte le procedure per richiedere i danni provocati ai salernitani. I nomi sono noti

  5. Questa inutile battaglia contro il nulla!!!
    Di Salerno non è ne è mai fregato nulla, venitemi a dire che i salernitani che hanno reso il mare di salerno una chiavica come a loro sono capaci di capire cosa è bello e cosa no.

    Ora che ci si porta un po’ di civiltà per non farci restare un porti celo in un fiume di melma stanno tutti a sbandierare perché quest’opera rovina la discutibile bellezza che aveva sono ad ora la città di Salerno!

    Ma andiamo che con De Luca la città ha fatto passi da gigante! Criticate criticate ma intanto i soldi dei turisi (quadruplicati in percentuale grazie al suo operato) che finiscono nelle vostre tasse vi piacciono eh?!

  6. Cari cittadini ,vogliamo prendere in considerazione una bella denuncia di massa a questi “intellettuali” per aver recato danni a tutti noi ed in particolar modo a coloro che hanno investito soldi credendo nel progetto?

  7. I figli delle “cianbelle” ….. sono solo dei figli di papà politicizzati e/o fanatici e/o abitanti dei palazzi limitrofi che si vedono sottrati lo status sociale di unici proprietari del paesaggio (quale?) e di una presunta storica spiaggia mai esistita, se non in tempi recenti, e su cui non sono mai andati a mischiarsi con i poveracci del posto (loro vanno alle Bahamas od altro).
    Se penso ai danni per il tempo perso in cause, perizie tecniche, ricorsi al TAR, al Presidente della Repubblica, appelli, contro appelli, articoli sui giornali ect… mi viene solo la nausea.
    Cialtroni, qualunquisti e figli di papà andate a lavorare…..

  8. Il Crescent è un\’opera privata,doveva avere tutta la documentazione in regola,ma soprattutto il sindaco non doveva avere l\’ardire di mettere una penale a carico del comune (dei cittadini) di 50 milioni di euro,se i lavori si fossero stati bloccati per qualsiasi motivo burocratico.Questa clausola capestro, favorisce, soltanto la stazione appaltante e non sono neanche certo che abbia validita\’ giuridica.In merito alla piazza, per ora non mi pare che sia stata stata bloccata per ricorsi, ma dalla magistratura per difetti di costruzione tanto è vero che qualche tecnico ha accettato il rito abbreviato.L\’unico vero danno di cui soffrono i salernitani al momento è la mancanza di parcheggi e anche qui la colpa va\’ cercata altrove.

  9. ma vi rendete conto di cosa erano le chiancarelle era il letamaio della citta vi era di sera una fauna selvatica che si dava appuntamento per i loro bisogni sessuali tappetti di siringhe e di preservativi discariche di legno marmo ecc…. ma che blaterano questi signori si vede che non ricordano cosa erano le chiancarelle questi signori e comitati inutili sono i nemici di salerno……de luca asfaltali

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.