Beach soccer donne: Catanzaro tricolore. Battuta Salerno in finale 3-1

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Beach_VolleyA Montalto di Castro, nella finale con Salerno le giallorosse ci mettono l’anima dal primo secondo. Salernitana surclassata (3-1). Non c’è più tempo per le emozioni. No, non più. Adesso è tempo della commozione. Tanta, tanta commozione. Catanzaro si bagna di lacrime di gioia. Si, Catanzaro è campione d’Italia. Campione d’Italia. Campione d’Italia. Campione d’Italia. Quattro volte, tre con gli uomini e una con le donne. Catanzaro Beach Soccer regala ancora questa gioia ai tre colli. Evidentemente, lo scudetto e la voglia di primeggiare, è nel dna di questa società pazzesca che merita una standing ovation. Vavalà e i suoi vincono ancora. Ma oggi lo fanno in tenuta rosa. Lo fanno col gentil sesso, con la bellezza, con lo stile e l’eleganza. E tutto questo è commovente per davvero. Perché a volte la realtà supera la fantasia. Perché a volte i sogni li vivi con gli occhi aperti. “Hanno vinto i poveri”, diranno i bagnanti di Montalto di Castro a fine partita. “Ma hanno vinto – proseguono – perché hanno un cuore pazzesco, una voglia infinita, una passione diversa dal comune. Abbiamo tifato per voi – ci tengono a precisare una ventina di persone a fine gara – perché da subito si è capito che attorno a voi girano poche lire ma tanta, tanta passione. Ci avete emozionato, regalateci una maglia”. E allora finisce così: finisce che le ragazze che alla prima partita arrivavano al campo e venivano schernite dagli addetti ai lavori, firmano autografi su pantaloncini e magliette su richiesta dei tifosi. “Catanzaro, tornate il prossimo anno. Vi aspettiamo. Siete tutte bellissime e fortissime”. In mezzo a tutto questo la favola del giorno: la finale. Il riscaldamento è un pozzo di paure: il beach stadium è pieno e l’ingresso in campo fa venire la tremarella. Poi, udite udite, c’è l’inno nazionale. Le nostre, in giallorosso, lo cantano a squarciagola e qualcuna piange. A squarciagola. Piangendo. Il pubblico lo vede si avvicina. Di più, e ancora di più. Poi è partita e Catanzaro decide di andare a vincere.

 

La gara: Il quintetto è sempre lo stesso: Modestia, Tallarigo, Capalbo, Marino, Sabatino. Cinque leonesse. L’impatto alla gara è devastante e sulle spalle del fuoriclasse Marino, Catanzaro fa le buche sulla sabbia. La Capalbo sembra posseduta: corre talmente tanto che uscirà nel secondo tempo a causa di un lieve malore. Magna Graecia non ci capisce niente e quando prova a giocare subisce contropiede. E’ un tiro a bersaglio. Scaturiscono angoli a go go: uno di questi Tallarigo lo mette forte dentro, Sabatino ci mette la testa dell’attaccante di razza. Fortissima, 1 a 0. Viterbo in piedi. Si continua e Catanzaro è un rullo compressore. Siamo a Montalto ma sembra di essere a Giovino. Le giallorosse sono tutte di altissimo livello e i cambi non fanno perdere equilibrio. Anzi, si aggiunge cuore al cuore. La Agostino batte un fallo laterale con le mani e vede la Borello sola sul secondo palo. Prende fiato e forza e gliela mette lunga. La Borello di testa non può andare, la palla è troppo bassa. Ma non può andare nemmeno di piede, la palla è troppo alta. E allora ci mette tutta la classe che ha per fare gol. Un uomo lo farebbe di petto, ma le è donna – bella ed elegante – e allora si affida al seno. Si, 2 a 0 di bellezza. Quella meridionale, di stampo calabro. Non c’è posto per la Salernitana. Non si vede nemmeno. E quando bussa alla nostra porta la Modestia si veste da wonder woman. E allora “i poveri” subiscono il torto arbitrale per entrare in difficoltà. Rigore regalato, la Bertolina prima trova la traversa e poi fa gol di testa su ribattuta. Gara riaperta? Macchè. La superiorità è netta. Entra la Bagnato, 19 anni. Decide di mettersi l’attacco sulle spalle e in 5 minuti manda in confusione l’intera difesa avversaria. Capisce che può e deve far gol per chiudere la pratica. E allora palla a Sophie (Bagnato, ndr) che la protegge, si gira e di sinistro la mette all’angolino. Gol. Gol. Gol.

E’ il 3 a 1 e il beach stadium impazzisce. Lei sembra Tardelli. Mamma mia come urla. Ormai è chiaro: andiamo a prenderci lo scudetto. Il finale è una passerella. La Marino dimostra di essere la giocatrice più forte che c’è in Italia. Tutte le altre fanno vedere che solo loro sono degne di starle accanto. Le più forti insieme alla più forte. Il fischio finale coincide con le lacrime. Mani sul volto, una sola frase: “Non ci credo. Ma che abbiamo fatto?”. Piangono tutte, piange Vavalà. Sorride mister Gentile, portato giustamente in trionfo. Viterbo applaude e chiede autografi mentre intona “we are the champions” con le più forti d’Italia. In piedi, Catanzaro Beach Soccer ha fatto quaterna. E adesso aprite le porte di Palazzo De Nobili, ci sono 12 modelle che aspettano di sfilare. Del resto, dal buio che lascia la polvere sulla sabbia sono spuntate con la maglia giallorossa e a piedi nudi- come “i poveri”- hanno deciso di essere amiche per sempre. Per sempre. Per farlo hanno fatto un favore alla città: le hanno portato lo scudetto. Favola finita. Ma lo spettacolo è appena cominciato. Tornerà quando Catanzaro dovrà difendere il titolo.

Fonte Catanzaroinforma

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.