Rifiuti, ad ottobre apre impianto compostaggio ad Eboli

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Giovanni_Romano_in_primo“Aprirà ad ottobre l’impianto di compostaggio di Eboli, in provincia di Salerno, che potrà trattare 21mila tonnellate di rifiuti organici.” Lo afferma l’assessore all’Ambiente della Regione Campania Giovanni Romano.

“Come previsto dagli accordi con i sindacati saranno utilizzati, in questo impianto, i lavoratori dei Consorzi di Bacino necessari al funzionamento della struttura. Sono già state definite le modalità di selezione del personale appartenente al Consorzio di Bacino SA2, secondo le indicazioni fornite dal Gestore. Entro settembre, si avrà una rosa di nomi per la copertura dei ruoli previsti: due palisti, due addetti alla pesa, un custode/vigilante, oltre al direttore dell’impianto.

“Stiamo andando avanti – ha commentato Romano – con gli impegni assunti con l’Europa. L’impianto di compostaggio di Eboli era incluso nel Piano rifiuti inviato a Bruxelles ed approvato dall’Unione europea. La sua apertura è l’ulteriore conferma di un’inversione di rotta rispetto al passato: l’obiettivo programmatico della Regione è quello di rendere la Campania autonoma rispetto alla gestione dei rifiuti. Essere arrivati a poter mettere in funzione il compostaggio di Eboli dimostra che si può superare la sindrome del Nimby (non in my back yard), ossia del “no” a tutti i costi che per anni ha reso impossibile una corretta amministrazione del ciclo dei rifiuti.

“Oggi la Campania non solo è fuori dall’emergenza, ma è la prima regione del Mezzogiorno per percentuale di raccolta differenziata con il 44% di media nel 2013 certificata dal Ministero dell’Ambiente e quasi il 50% nell’anno in corso.

“Certo le difficoltà sono ancora tante. Anche sbloccare l’impianto di Eboli è stato complesso perchè abbiamo ereditato una situazione difficile e ferma da tempo. Da subito la Giunta Caldoro si è impegnata per la definitiva apertura dell’impianto di Eboli e il 21 giugno 2011 – ha ricordato Romano – l’impianto è stato ritenuto un intervento prioritario ed è stato incluso nelle azioni da finanziare subito con 1 milione 294mila euro.

“Parallelamente siamo andati avanti con l’iter burocratico e la Conferenza dei servizi del 19 settembre 2013 ha espresso parere favorevole per l’approvazione del progetto e l’autorizzazione alla realizzazione dell’impianto.

“Sarà ora la Provincia di Salerno ad emanare il decreto di autorizzazione alla gestione dell’impianto. Che, il primo anno, sarà amministrato dalla ditta costruttrice ATI “Ladurner/ing. Dante Sacco/Giovanni Sacco”. E’ già in corso la definizione degli atti di convenzione tra il Comune di Eboli e la Ditta Ladurner per la gestione prevista dal contratto”, ha concluso.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.