Sanità, progetto telemedicina: a Pollica visite pazienti con Skype 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Visita_medica_SkypeA Pollica, nel Cilento, sarà presto sperimentato un sistema di telemedicina che vedrà coinvolte le Università La Sapienza di Roma e di San Diego, in California, grazie al quale i pazienti potranno essere visitati a distanza attraverso l’uso di software audio-visivi come Skype. Il Comune, infatti, ha votato una delibera consiliare per l’avvio di un sistema di “diagnostica a distanza” che, tra l’altro, con l’uso di uno stetoscopio elettronico, consentirà l’auscultazione cardiaca e polmonare e la trasmissione dei relativi dati. Pollica, in sostanza, diventerebbe sede di sperimentazione di un protocollo già sottoscritto dalle università romana e statunitense che prevede l’utilizzo delle telemedicina per abbattere i costi della sanità. Attraverso il coinvolgimento dei medici di base e della locale Asl, infatti, residenti e turisti del piccolo centro della costa cilentana potranno essere “visitati” a “distanza”, attraverso l’utilizzo di sistemi audio-visivi come “Skype”. 

“Grazie a questa sperimentazione – spiega il sindaco Stefano Pisani – i nostri residenti, ma anche i tanti turisti che affollano Pollica, potranno chiedere, insieme al medico di base, pareri medici ad importanti studiosi universitari italiani e americani, tutto a costo zero. In questo modo, si potranno risparmiare molte risorse da poter reimpiegare per potenziare l’assistenza domiciliare e il pronto soccorso”. “Il progetto – prosegue Salvatore Di Somma, professore di Medicina Interna della II Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’ università romana e responsabile del progetto per l’Università “La Sapienza” – si basa sulla possibilità di erogare consulti a distanza come uso classico della telemedicina. E’ un sistema molto semplice da mettere in piedi e può essere realizzato con un sistema internet tipo “Skype” o “Facetime” ad alta risoluzione per il sistema audio e di immagini a distanza mediante l’uso di una web camera posta in loco”. “Il sistema che hanno messo a punto presso l’Università di san Diego – spiega ancora Di Somma – è provvisto di uno stetoscopio elettronico che permette di trasmettere l’ascoltazione cardiaca o polmonare a distanza. E’ previsto anche l’uso di un otoscopio e di una telecamera ad alta risoluzione per la visualizzazione delle immagini di interesse dermatologico che nel comune di Pollica potrebbero risultare di grande utilità pratica”.

Fonte ANSA

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.