Blocco contratti Forze dell’Ordine, De Luca: “non possiamo continuare a tagliare su risorse, uomini e mezzi”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
4
Stampa
Salernitana_Perugia_cellerini_9“Capisco che non ci sono risorse, ma credo ci debba essere più attenzione nei confronti delle Forze dell’Ordine. Arriverà il momento in cui dovremo discutere dell’anomalia, unica al mondo, delle 5 polizie; ma non c’è dubbio che si dovrà discutere a fondo dell’organizzazione della sicurezza. Nelle aree urbane c’è un’emergenza sicurezza che deve essere affrontata di petto. Gli episodi drammatici delle ultime ore ci riempiono di amarezza. Ma, più in generale, nei quartieri si respira un clima di tensione e di violenza. Tutti sono chiamati a fare sacrifici, ma se vogliamo garantire condizioni di vivibilità non possiamo continuare a tagliare su risorse, uomini e mezzi”. Lo ha detto il sindaco De Luca a LIRATV nel corso del consueto appuntamento del venerdì

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

4 COMMENTI

  1. E allora tagliatevele voi le risorse dannati politici,e lasciate che la pubblica sicurezza,la sanità,i trasporti,l’istruzione,etc funzionino altrimenti lo Stato non ha più motivo di esistere………….

  2. voi cumincare al tuo amico abusivo di renzi che le risorse le puo ttrovare dalle stesse forze di polizia…come allora inizia a tagliare gli straordinari a dirigenti ed ufficiali che non fanno un c…..i reparti grandi non serve lavorare il sabato unificare le sale operative rendendole interforze poi togliere qualche autista a qualche parassita le persone che sono negli uffici metterli per strada adesso ce la tecnologia quindi ne bastano la meta i sindacati delle forze di polizia perché non parlano al posto di dire stronzate

  3. Petrusin ogni menestr ovvero De Luca, continua a emettere peti politici, pensando che non sappiamo da che parte sta’,gia’ lui fa tutto, governo e opposizione, pur di essere sempre in mezzo.Sappia pero’ che sappiamo come fa:prima ci consola con le chiacchiere poi ci bastona con le tasse.L’ente da lui incaricato pretendeva finanche l’Imu come seconda casa per il 2008.Spende i tributi che c’impone senza uno straccio di rendiconto,solo per fargli fare bella figura.Non importa se una famiglia non produce reddito adeguato basta che ha i mq abbondanti e tifa un culo cosi’,ma di cosa parla questo signore che ha le mani dentro la citta’ di Salerno da 25 anni,creando un sistema di potere con assunzioni e distribuzioni d’incarichi tutto foraggiato dalle gabelle che c’impone,osa finanche sfotterci dicendo che ha messo esenzioni sulla prima casa (3%).Il sindaco di una citta’ dovrebbe essere il padre dei cittadini,questo è soltanto il PADRONE.

  4. Un grazie a tutte quelle persone che per anni hanno votato pd o PDl…..adesso è arrivato anche il tuo momento devi morire di fame.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.