Omicidio di Asti: indagato il marito 44enne, un salernitano di Angri

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa

omicidio_carabinieri_salernoMichele Buoninconti 44 anni originario di Angri in provincia di Salerno è  indagato. Il marito di Elena Ceste, 37enne scomparsa il 24 gennaio scorso e ritrovata cadavere negli scorsi giorni nelle campagne a 800 metri di distanza dalla sua abitazione di famiglia in Costigliole d’Asti, è sospettato di omicidio, ma per ora non di occultamento di cadavere. Lo scrive il quotidiano online “La Stampa”. Venerdì mattina, alle 7,50, I Carabinieri si sono recati a casa di Buoninconti per consegnargli un avviso di garanzia in modo tale che l’indagato possa nominare un proprio consulente a difesa. Il 44enne è quindi formalmente indagato per la morte della donna.

Le indagini proseguono nel più stretto riserbo. Lunedì mattina, alle 8, comincerà l’autopsia sul corpo della donna, effettuata, come si legge sull’edizione online de La Stampa, dal medico legale Franco Romanazzi di Alba”. “Me lo aspettavo, speriamo che serva per cercare la verità”, ha detto Buoninconti. In questo momento difficile per Michele e i familiari di Elena, i genitori, la sorella Daniela e i quattro figli, tutti riuniti nella casa di Costigliole, continua l’assedio di tv e cronisti. Il suo corpo è stato ritrovato nudo alle 9:50 di sabato scorso, nove mesi dopo, nel territorio di Isola. La donna scomparve alle 8:10 del 24 gennaio. Gli ultimi a vederla alcuni testimoni in cortile vestita troppo leggera per le temperature invernali. Il marito ha raccontato che la moglie non si sentiva bene. Fu lui ad accompagnare i figli quella mattina. Dettaglio insolito questo. Infatti, era sempre Elena a portare i figli a scuola.

Dopo nove mesi è stato ritrovato il cadavere di una donna che fu madre. La donna su Facebook aveva avuto contatti e relazioni con altri tre uomini, identificati e interrogati. I segni della depressione di una persona che forse non era riuscita ad adattarsi a una vita isolata, di campagna, lei che aveva studiato e vissuto nella grande città, a Torino. La donna aveva vissuto anche nella città del marito, Angri, in provincia di Salerno. Si ipotizza anche il suicidio. Il padre di Elena, Franco, ha dichiarato: “Aspettiamo la fine delle indagini per ora non è un omicidio, siamo qui, con Michele, tutti uniti”. La sorella Daniela, sempre a “La Stampa”: Di certo Elena non è arrivata nuda in quel canale. Vogliamo capire cosa è successo”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.