Mafia: estorsioni in cantiere Salerno-Reggio, tre persone arrestaste

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Cantiere_Salerno_ReggioTre persone sono state arrestate dai Carabinieri con l’accusa di tentata estorsione – aggravata dal metodo mafioso – ai danni di imprenditori impegnati nei cantieri per l’ammodernamento del tratto lucano dell’autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria. I provvedimenti sono stati emessi al termine di indagini dei Carabinieri del Comando provinciale di Potenza, coordinate dalla Direzione distrettuale antimafia del capoluogo lucano. Le indagini sono durate circa un anno e gli investigatori – secondo quanto si è appreso – hanno ricevuto parziali collaborazioni da parte di alcuni imprenditori sottoposti alle minacce estorsive. Hanno programmato, e poi portato a termine, una serie di intimidazioni ai danni di aziende che gestivano appalti lungo il tratto lucano dell’autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria, incendiando alcuni automezzi e arrivando a piazzare bombole del gas e un ordigno davanti all’abitazione di uno degli imprenditori (con un biglietto con la scritta ”non toccare, può esplodere”): tre persone sono state arrestate dai Carabinieri nell’ambito di un’inchiesta coordinata dalla Procura distrettuale antimafia di Potenza.
I particolari dell’operazione “Teseo” – delegata ai Carabinieri di Lagonegro (Potenza), con la partecipazione della Procura lagonegrese – sono state illustrate stamani a Potenza, nel corso di una conferenza stampa, dal Procuratore della Repubblica del capoluogo lucano, Luigi Gay. Sono stati arrestati Biagio Riccio, Eugenio Torino (entrambi in carcere) e Guerino Buldo (ai domiciliari), accusati a vario titolo di tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso. Le indagini hanno riguardato una decina di episodi che si sono verificati nell’area da maggio dello scorso anno: ordigni e bombole del gas sono stati gli strumenti principali utilizzati per intimidire gli imprenditori, arrivando anche alle minacce con gli sms, in cui si sollecitano i pagamenti (fino a settemila euro).
Accanto alle intercettazioni ambientali, sono state alcune telecamere di sorveglianza ad aiutare gli investigatori: per contattare gli imprenditori, infatti, sono state utilizzate delle cabine telefoniche nei pressi di un autogrill, ma i presunti estorsori sono stati filmati mentre utilizzavano quei telefoni pubblici, e i tabulati hanno confermato queste circostanze. Ora le indagini si stanno concentrando su eventuali contatti con le organizzazioni criminali della Campania e della Calabria, ha spiegato Gay, per verificare gli scenari esistenti nel Potentino. Secondo quanto è emerso fino a questo momento, nessuno degli imprenditori avrebbe pagato le somme richieste, ma in alcuni casi gli stessi avrebbero chiesto informazioni e contattati dopo le minacce ricevute.
Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.