Napoli: senegalese che ha tentato di bloccare una rapina accolto come un eroe nel quartiere

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
SAVEIbra, 36 anni, senegalese, ha assistito a una rapina di una turista francese (sua cugina) nel centro di Napoli ed è intervenuto. Gli sembrava ovvio. Ma viene bloccato da alcuni passanti che gli consigliano di farsi da parte, difendono i rapinatori e minacciano lui e sua cugina con un coltello. Un’altra storia di violenza urbana.  Oggi Ulderico Carraturo noto commerciante della zona e titolare dell’omonima caffetteria e pasticceria che affaccia a Corso Garibaldi proprio sul luogo dove è avvenuto l’atto criminale e che ha chiamato i Carabinieri durante l’aggressione ha voluto stringere la mano al senegalese assieme a Francesco Emilio Borrelli dei Verdi e con lui ha lanciato il nuovo progetto SAVE PORTA CAPUANA.
“Ibra è oramai trattato nel quartiere come un eroe. La gente lo ferma per strada e gli stringe la mano, lo abbraccia, gli chiede di continuare ad essere coraggioso perchè Napoli ha bisogno di questi esempi. E’ diventato – spiega Borrelli che ha passato la mattinata con il senegalese – un simbolo positivo della città suo malgrado”. “L’ho voluto come testimonial della nostra campagna per salvare Porta Capuana – continua Ulderico Carraturo – perchè il quartiere ha bisogno di esempi di legalità e di persone capaci di reagire alla criminalità e illegalità dominante e dilagante”.  “Oggi ho avuto una giornata di festa al lavoro – conclude Ibra visibilmente commosso e frastornato da tanto affetto popolare – perchè dovevo tornare dai Carabinieri ma da martedì riprendo a lavorare. In 6 anni che sto a Napoli è il primo caso di aggressione che riguarda me o miei cari. Ho scelto di vivere a Napoli invece di stare a Parigi o a Milano dove pure vivono mie parenti perchè qui mi trovo bene. Il mio datore di lavoro mi rispetta e mi paga regolarmente ed io mi trovo bene qui. Nonostante tutto io difendo questa città che mi ha accolto a braccia aperte”.
Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. Questo ragazzo SENEGALESE è un esempio da seguire per molti salernitani e per molti ITALIANI che ancora tutt’oggi continuano ad essere omertosi e non denunciano nè tantomeno provano a contribuire al mantenimento della sicurezza sul territorio, contrastando per quanto sia loro possibile (avvertendo le forze dell’ordine in tempo) i vari fenomeni criminali che si verificano quotidianamente.

  2. ………..fossero tutti quanti come questo ragazzo! italiani e/o stranieri!!!!!! Non solo Napoli ma tutta la Campania ha bisogno di esempi come questo di onestà,sacrificio e coraggio!.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.