Tempio di Pomona: Mostra fotografica su ferrovie abbandonate provincia di Salerno e Basilicata

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa

Tempio-di-Pomona-SalernoL’Associazione culturale e fotografica Colori Mediterranei di Salerno, in collaborazione con il Club Fotografico Cavese, è lieta di inviarla all’inaugurazione della mostra fotografica “SCAMBI. Le ferrovie abbandonate della provincia di Salerno e della Basilicata” il giorno 8 novembre 2014 alle ore 18,30 presso il Tempio di Pomona a Salerno.

La mostra è stata realizzata in occasione del 175° anniversario della nascita della ferrovia Napoli-Portici e sarà esposta dall’8 al 22 novembre.

Presentazione. Il 3 ottobre 1839 il treno Napoli-Portici è il primo a partire sul territorio italiano. Dal quel momento lo sviluppo della rete ferroviaria italiana è stato un volano per la crescita economica e sociale del Paese, in particolar modo per le regioni emarginate e isolate rispetto alle grandi città, dove il treno arriva a penetrare nel tessuto urbano e nello stesso centro storico o che in altri casi scorre a ridosso delle periferie. Nel corso del XX secolo a causa di una politica tesa allo sviluppo del trasporto su gomma, a favore dei grandi centri urbani, si assiste alla lenta ma inesorabile sparizione di molte delle ferrovie presenti sul territorio campano e lucano. Proprio lungo queste tratte si ritrovano molti resti che un tempo erano parte integrante della vecchia linea ferrata, tipici esempi di archeologia industriale ferroviaria. Si tratta di un patrimonio di notevole importanza, fatto di opere d’arte (ponti, viadotti, gallerie), di stazioni e di caselli, che giacciono per gran parte abbandonati. La mostra, che conta 109 fotografie, è una selezione del lungo tracciato della provincia di Salerno e della Basilicata e si prefigge, senza pretese di completezza, di recuperare la memoria storica di quelle linee ferroviarie, una sorta di Grand Tour fotografico della situazione attuale delle stazioni dismesse, abbandonate o impresenziate, osservate nel loro complesso e nei dettagli che le caratterizzano.

Linee ferroviarie oggetto della mostra: 1. Linea Salerno – Reggio Calabria; 2. Linea Atena Lucana – Marsico Nuovo; 3. Linea Sicignano degli Alburni – Lagonegro; 4. Linea Battipaglia – Metaponto; 5. Linea Lagonegro – Spezzano Albanese; 6. Linea Marinella – Montalbano Jonico; 7. Linea Potenza – Laurenzana.

Espongono per Colori Mediterranei: Alessandro della Rocca, Americo Genovese, Claudio Carbone, Corinna Fumo, Dario Tisi, Domenico Solimeno, Edoardo Colace, Enzo Figliolia, Gerardo Morese, Giuseppe Maiorano, Luca Budetta, Lucia Angrisani, Marco Palumbo, Raffaele De Nicola, Valentina Pepe

Espongono per il Club Fotografico Cavese: Agostino Zito, Angelo D’Antonio, Angelo Pisacane, Angelo Tortorella, Francesco Fusco, Maria Pirro, Paolo Calvanico, Ugo Diletto

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.