Sgarbi al Verdi per la sua Vedova allegra:”Salerno città felice, è una Napoli non umiliata”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
4
Stampa

Vittorio_SgarbiLa lezione di Vittorio Sgarbi sull’arte campana a Salerno ha coinciso con la prima della sua regia de la «Vedova allegra», che debutta stesera al teatro Verdi. Occasione («credo di aver fatto un’opera mirabile, quest’opera lirica somiglia a un film è come essere dentro la Vedova allegra») che gli ha concesso di fermarsi parecchio a Salerno, ha raccontato.

«Ciò che dà maggior soddisfazione a uno storico dell’arte come me è la scoperta di ciò che era stato sommerso dall’oblio, come mi è successo all’abbazia di Cava dei Tirreni, dove mi sono imbattuto nella tavola di una Madonna con bambino di Cesare da Sesto, un capolavoro che mi ha dato felicità». Sgarbi ha trovato anche i soldi per farlo restaurare: «Il mio soggiorno a  Salerno lascerà la traccia onirica de La vedova allegra e quella dell’ultimo allievo di Giotto. Un Pittore meraviglioso, ma finora misconosciuto. Dalla visita a Cava sono uscito con questa felice preda».

Il critico ha lodato anche il museo diocesano di Salerno («però è dolente  che dopo 40 di sodalizio la sua strada si separi da quella della Sovrintendenza») nonchè la cripta della cattedrale di Belisario Corenzio: « dipinge come un Tintoretto, maestro di bellissimo disegno, fa una sorta di composizioni teatrali». Al museo diocesano lo hanno folgorato soprattutto le 67 formelle d’avorio, sorta di reliquiari medioevali, racconto di dettagli della quotidianità. «Sono tra i capolavori dell’umanità» sostiene Sgarbi che fa coincidere l’inizio della sensibilità moderna con gli avori di Salerno, realizzati tra il 1090 e il 1140: «Si sente la presenza dell’uomo, la sua vita». Ma della città Sgarbi apprezza anche il  Convento di San Giorgio chiesa barocca, e San Pietro in corte, che ha lo stesso motivo dei chiostri di Ravello.

«La vostra è una grande città che non mostra decadenza del meridione: grazie alle sue buone amministrazioni, Salerno è una Napoli felice, una Napoli non umiliata,  anche le luci d’artista la rendono una città felice. Credo che sia una cosa felice essere di Salerno e viverci. Molti luoghi del Nord, sono meno vivi e meno ben tenuti di Salerno, «bisogna dirlo a Matteo Salvini» ha scherzato.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

4 COMMENTI

  1. …e come mai? Nessuno che denigra la città…? Uè svegliatevi, forza con i commenti negativi, non oziate…!!!

  2. Ringraziamo V.Sgarbi per le belle parole, condividiamo l’opinione sulla buona amministrazione ed auguriamo grande successo alla sua opera lirica “Vedova allegra”.
    E’ una questione di uomini non di colori politici.
    Complimenti per l’interessante scoperta d’arte alla Badia di Cava.

  3. ipocrita e prezzolato, la bellezza di Salerno per la sua storia millenaria e culturale e’ ben nota a coloro che amano veramente Salerno, non certamente le luminarie e il Crescent.
    Sono fiera di essere salernitana per la sua bellezza paesaggistica, storica e culturale, non certo per questa amministrazione che ha offeso invece di esaltare Salerno.

  4. SGARBI, QUESTA VOLTA, IL DE LUCA QUANTO HA SOTTRATTO DALLE TASCHE DEI POVERI SALERNITANI PER PAGARE LA TUA INUTILE PRESENZA. SIETE DUE RIDICOLI. NO CENSURA.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.