Governance Lega Pro, c’è aria di tempesta

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
pallone_lega_pro_2014C’è aria di tempesta in Lega Pro, dopo la riunione informale, tenutasi a Firenze e richiesta dal presidente Macalli per parlare dei problemi inerenti al bilancio non approvato nella precedente assemblea in vista della prossima. Solo un terzo dei club ha partecipato all’incontro. Ventotto su sessanta, come riferisce la nota ufficiale, della Lega Pro. Del girone Sud erano presenti solo sette società, tra queste Salernitana e Bevenento.

I mugugni interni iniziano a farsi sempre più insistenti e la fronda anti Macalli, sostenuto da Lotito, comincia ad allargarsi. Ufficialmente la nota della Lega Pro parla di assenze dovute alle pessime condizioni atmosferiche che avrebbero impedito ad alcuni presidenti o delegati di partecipare alla riunione. In realtà il numero di dissidenti continua ad aumentare. Anche chi era presente all’incontro, come il patron della Lucchese, Bacci, ha sparato a zero sull’attuale governance della terza serie sostenendo di aver ribadito allo stesso Macalli che senza la fiducia delle società non è possibile per lui andare avanti.

Non è un caso che i club dissidenti prima di questa riunione, pare, abbiano richiesto un’assemblea con all’ordine del giorno la revoca della carica di Macalli. Il presidente della Lucchese ha ribadito il concetto anche ieri: “Serve l’assemblea per una governance che goda della fiducia di una maggioranza importate”.

Sui contributi ha tuonato che nèLotito nè Macalli devono continuare a dire che questi arriveranno grazie al loro buon lavoro. «Lo devono a tutti i presidenti che li hanno tenuti su quella sedia. I contributi sono un atto dovuto, non un atto straordinario» – ha ribadito Bacci. Anche il presidente del Messina Lo Monaco chiamato in causa sull’argomento ha avuto parole molto dure all’indirizzo sia di Macalli, ma soprattutto di Lotito.

Il numero uno del club peloritano ha affermato con durezza che esiste “una politica federale che si basa sull’accentrare tutto nelle mani di un uomo solo che fa il bello e il cattivo tempo”. Insomma la Lega Pro si sta spaccando sempre di più e lo stesso Lotito sembra iniziare a collezionare nuovi nemici.

La vicenda della governance in terza serie desta attenzione, anche per cercare di comprendere come cambieranno gli equilibri e quali ripercussioni ci saranno sugli stessi club. Nel frattempo non resta che attendere l’epilogo della prossima puntata della telenovela Macalli – Lega Pro, fissata per il prossimo 16 febbraio, data in cui le società sono state convocate per il completamento dell’ordine del giorno dell’assemblea del 15 dicembre scorso, che fu sospesa, ed in cui si dovranno approvare i criteri di ripartizione degli introiti derivanti dalla cessione dei diritti audiovisivi 2014/2015 e le linee guida per la prossima stagione sportiva.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.