Regionali: per l’Antimafia sono 16 gli impresentabili: c’è anche Vincenzo De Luca

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
86
Stampa
Rosi_Bindi_Vincenzo_De_lucaAlla vigilia delle elezioni regionali la commissione Antimafia ha annunciato la lista degli incandidabili. C’era attesa per conoscere
i nomi degli “impresentabili” candidati alle regionali di domenica prossima resi noti nel corso di una conferenza stampa tenuta dal Presidente Rosy Bindi al termine dell’Ufficio di presidenza e della seduta plenaria della Commissione. Nella lista dei 17 nomi compare anche il candidato governatore della Campania Vincenzo De Luca. Sono 13 e tutti campani i candidati impresentabili alle Regionali, oltre ai 4 pugliesi individuati dalla commissione Antimafia. Di questi 9 candidati impresentabili sono con Caldoro, gli altri 3 figurano nelle liste civiche che corrono nel centrosinistra.

L’Antimafia segnala che dagli atti trasmessi dal procuratore della Repubblica di Salerno risulta che pende un giudizio a carico di De Luca, nel procedimento per il reato di concussione continuata commesso dal maggio 1998 e con “condotta in corso” (e altri delitti, quali abuso d’ufficio, truffa aggravata, associazione per delinquere). La prossima udienza è fissata per il 23 giugno 2015. La procura di Salerno ha comunicato, con una nota del 25 maggio 2015, che l’imputato De Luca “ha rinunciato alla prescrizione relativamente ai delitti per i quali era maturato il relativo decorso”.

“Nessuna iniziativa è stata presa in modo autonomo dalla presidente Bindi”. Così il presidente Commissione Antimafia Rosy Bindi sulle critiche che le sono state mosse. “L’Ufficio di presidenza, allargato ai capigruppo, ha condiviso tutte le procedure nelle diverse fasi del percorso di verifica, dando pieno mandato alla presidente di concludere il lavoro”.

Nelle comunicazioni rese dalla presidente Bindi alla Commissione Antimafia, distribuite anche alla stampa, sono ricordati: i compiti che la legge istitutiva assegna alla Commissione per indagare sul rapporto tra mafia e politica, tutti i profili di legittimità e la metodologia seguita per la verifica sulle candidature prevista da un codice, approvato all’unanimità dalla Commissione e pubblicamente discusso dalla Camera e dal Senato.

Ecco i nomi: il candidato presidente del Pd Vincenzo De Luca, Antonio Ambrosio di Forza Italia, Luciano Passariello di Fratelli d’Italia, Sergio Nappi di ‘Caldoro presidente’, Fernando Errico di Ncd, Alessandrina Lonardi di Forza Italia, Francesco Plaitano di Popolari per l’Italia, Antonio Scalzone e Raffaele Viscardi entrambi di Popolari per l’Italia,Domenico Elefante di Centro democratico-Scelta civicaCarmela Grimaldi della lista Campania in rete e Alberico Gambino della lista Meloni Fdi. Tra questi, dunque, ci sono anche il candidato del centro sinistra in Campania, sulla cui candidatura pende la spada di Damocle della legge Severino, e Sandra Lonardo, moglie dell’ex ministro Clemente Mastella.

renzi_de_luca_salerno_regionali_2015_ (33)La lista dell’Antimafia arriva a due giorni dalle elezioni in sette regioni. Le parole del Premier Matteo Renzi prima delle diffusione della lista, nella quale è compreso anche un candidato di grande rilievo come De Luca, il leader del Pd Matteo Renzi aveva dichiarato: “Sono pronto a scommettere che come tutti sanno ma nessuno ha il coraggio di dire nessuno di questi candidati – nessuno! – verra eletto”. Il presidente del Consiglio aveva definito “surreale e autoreferenziale” il dibattito sul tema. 

“Nelle liste del Pd non ci sono candidati impresentabili tranne il candidato presidente della Regione Campania” – ha affermato il presidente dell’Antimafia -. “Saremmo stati inadempienti se non avessimo fatto questo lavoro anche perché il tema della classe dirigente ha superato quello dei programmi”, ha detto Bindi rispondendo ad una domanda sulle frasi pronunciate da Renzi. “La commissione ha passato al vaglio i nomi di 4.000 candidati – ha aggiunto – alla ricerca di coloro che, in base a un codici di autoregolamentazione parlamentare, non vincolante, non potrebbero concorrere perché rinviati a giudizio per reati di stampo mafioso o per i cosiddetti “reati spia” come racket, usura, riciclaggio”. E ha poi dichiarato: “Nessuna interferenza con la campagna elettorale, impresentabili non vuol dire che sono ineleggibili”.

PD_partito_sedeORFINI, “DE LUCA È PRESENTABILE, SENTENZE DA GIUDICI”. “De Luca, secondo la legge, è presentabile, tanto che lo abbiamo candidato. E i campani si sono espressi a suo favore attraverso le primarie. Le sentenze le danno i magistrati”. Così a Rai Radio2 “Un Giorno da Pecora” il presidente del Pd Matteo Orfini, commentando la dichiarazione della commissione Antimafia riguardo l’incandidabilità di Vincenzo De Luca. “Come noto non ho mai avuto un buon rapporto con De Luca. Ciononostante, quello che sta accadendo in queste ore è davvero incredibile. L’iniziativa della presidente della commissione Antimafia – aggiunge – ci riporta indietro di secoli, quando i processi si facevano nelle piazze aizzando la folla”.

bandiera_Movimento_5_Stelle_2M5S, “IMPRESENTABILI IN QUASI TUTTI PARTITI. NESSUN NOSTRO CANDIDATO NELLA LISTA”. Nessuna sorpresa per la non presenza di alcun candidato del M5S nella lista degli ‘impresentabili’ redatta dalla commissione Antimafia. Lo stesso non possiamo dire delle altre forze politiche. Forza Italia, Ncd, Fratelli d’Italia, oltre le liste a loro collegate, sono ben presenti nella lista”. A partire dal candidato del Pd alla regione Campania, Vincenzo De Luca”. Così i membri della commissione Antimafia del M5S. “E’ oltraggioso che i partiti abbiano chiuso tutti e due gli occhi offrendo ai cittadini candidati indegni di rappresentarli. Se i partiti adottassero le stesse misure del M5S non ci sarebbe bisogno di leggi né, tantomeno, che una commissione parlamentare ne dichiari la loro impresentabilità” concludono.

Domenica andranno al voto Veneto, Liguria, Toscana, Umbria, Marche, Campania e Puglia. Si rinnovano contestualmente le amministrazioni di 1.065 Comuni fra cui 17 città capoluogo.

 

Beppe_GrilloM5S: Grillo, De Luca è impresentabile,voto per lui è inutile.   “De Luca impresentabile. Il voto a De Luca è inutile, quello a Valeria Ciarambino è utilissimo. Il voto a De Luca in Campania oltre che inutile è dannoso. #delucaritirati”. Lo scrive Beppe Grillo su twitter.
DE LUCA APPRENDE LA NOTIZIA MENTREE’ A PRANZO. Vincenzo De Luca ha appreso di essere nella lista dei
cosiddetti ‘impresentabili’ stilata dalla Commissione Antimafia mentre era a pranzo con il ministro del Lavoro Giuliano Poletti in un albergo del lungomare di Napoli. A girargli su Whats App un’agenzia battuta pochi minuti prima è stato un suo collaboratore.

“Mi accusano di aver difeso 250 operai. Ma io ne faccio altre tremila di quelle varianti”. Vincenzo De Luca non arretra di un millimetro rispetto alle accuse di truffa e concussione che gli vengono contestate nell’inchiesta ex Ideal Standard, quella per la quale è finito nella lista dei cosiddetti ‘Impresentabili’ dell’Antimafia. Parlando a Napoli, il candidato del Pd alle Regionali in Campania ha difeso il suo operato in una vicenda per la quale – ha ricordato – “ho rinunciato alla prescrizione”.

 

renzi_de_luca_salerno_regionali_2015_ (14)ECCO NEL DETTAGLIO CHI SONO GLI IMPRESENTABILI (SCHEDA ANSA).
Sono 16 (non 17 come appreso in un primo momento) i candidati alle prossime elezioni Regionali segnalati come ‘impresentabili’ dalla commissione Parlamentare Antimafia: 4 in Puglia (due sostengono il candidato Presidente Schittulli, uno Emiliano e uno Poli Bortone) e 13 in Campania (9 sostengono Caldoro e 4 De Luca, tra cui lo stesso candidato presidente). Ecco chi sono.

++ PUGLIA ++ – Fabio Ladisa (32 anni), Popolari per Emiliano, circoscrizione Bari. E’ stato rinviato a giudizio a Bari per tentata estorsione. L’ udienza è fissata per il 3 dicembre 2015. – Enzo Palmisano (53 anni),Movimento politico per Schittulli, Area Popolare, circoscrizione Brindisi. Condannato in primo grado per corruzione aggravata, il reato è stato prescritto in Appello; presentato ricorso,il procedimento pende in Cassazione. – Giovanni Copertino (62 anni), Forza Italia, circoscrizione Bari. Nei suoi confronti pende un procedimento a Bari per corruzione aggravata e altro: è stata dichiarata la prescrizione e contro questa sentenza pende l’appello. – Massimiliano Oggiano (46 anni), Lista Oltre con Fitto, Schittulli presidente, circoscrizione Brindisi. Imputato a Brindisi per associazione mafiosa e per corruzione elettorale, con l’aggravante mafiosa. E’ stato assolto in primo grado e pende l’Appello con udienza fissata per il 3 giugno prossimo.

++ CAMPANIA ++ – Antonio Ambrosio (64 anni) Forza Italia, circoscrizione Napoli. Condannato con patteggiamento a due anni (pena sospesa) per concussione, reato dichiarato estinto. In un altro procedimento, sempre del tribunale di Nola, è stato rinviato a giudizio per tentata concussione. Udienza fissata all’1 luglio.

– Luciano Passariello (54 anni), Fratelli d’Italia, circoscrizione Napoli. E’ stato rinviato a giudizio della Procura di Nola per “impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita”, aggravato dall’abuso dei poteri inerenti una pubblica funzione; il gip di Nola si è dichiarato incompetente e ha trasmesso gli atti alla procura di Roma che ha disposto il rinvio a giudizio. Udienza fissata al 18 giugno.

– Sergio Nappi (59 anni), lista Caldoro Presidente, circoscrizione Avellino, rinviato a giudizio per tentata concussione e altro quale sindaco del comune di Monteforte Irpino. La prossima udienza del processo, davanti al tribunale di Avellino è fissata per il 18 novembre 2015.

– Vincenzo De Luca (66 anni), Pd, candidato presidente. Dagli atti trasmessi dal procuratore di Salerno risulta che pende un giudizio a suo carico per il reato di concussione continuata commesso dal maggio 1998 e con “condotta in corso” (e altri delitti, quali abuso d’ufficio, truffa aggravata, associazione per delinquere). Prossima udienza il 23 giugno 2015. La procura di Salerno ha comunicato, con una nota del 25 maggio 2015, che De Luca “ha rinunciato alla prescrizione relativamente ai delitti per i quali era maturato il relativo decorso”.

– Fernando Errico (58 anni), Ncd, Campania popolare, circoscrizione Benevento. Risulta a suo carico un procedimento della procura di Napoli per concussione, pendente in fase di giudizio, con udienza di rinvio fissata per il 3 giugno 2015. Inoltre, presso il tribunale di Benevento è imputato in un procedimento per concussione continuata che pende in fase dibattimentale, con udienza fissata per il 15 settembre.

– Alessandrina Lonardo (62 anni), Forza Italia, circoscrizione Benevento. A suo carico vi è un procedimento della procura di Napoli, pendente in primo grado, in cui si ipotizza il reato di concussione, con udienza di rinvio fissata al 3 giugno 2015. Nel certificato dei carichi pendenti viene indicata la concussione tentata e non consumata.

– Francesco Plaitano (62 anni), Popolari per l’Italia, circoscrizione Salerno. E’ accusato a Salerno per “ruolo direttivo in associazione mafiosa”: è in corso il processo in tribunale e la prossima udienza è fissata per il 2 luglio 2015. Sempre il tribunale di Napoli lo ha condannato in primo grado a 4 anni di reclusione per estorsione. Pende l’appello.

– Antonio Scalzone (61 anni), Popolari per l’Italia, circoscrizione Caserta. Rinviato a giudizio per associazione mafiosa: la prossima udienza davanti al tribunale di Santa Maria Capua Vetere è prevista per il 9 novembre 2015.

– Raffaele Viscardi (40 anni), Popolari per l’Italia, circoscrizione Salerno. Rinviato a giudizio per vari reati tra cui abuso d’ufficio e corruzione; l’udienza dibattimentale è fissata per il 15 luglio prossimo.

– Domenico Elefante (57 anni), Centro Democratico-Scelta Civica, circoscrizione Napoli. Condannato in primo e secondo grado a Napoli per concussione a due anni e 8 mesi; la Cassazione ha dichiarato prescritto il reato e rinviato il procedimento per la decisione sugli interessi civili.

– Carmela Grimaldi (45 anni), lista Campania in rete, circoscrizione Salerno. Assolta dal tribunale di Nocera Inferiore per concorso esterno in associazione mafiosa e partecipazione ad associazioni finalizzate al traffico di droga. Ha fatto appello la procura generale di Salerno.

– Alberico Gambino (48 anni), Meloni-Fratelli d’Italia-An, circoscrizione Salerno. Condannato dal tribunale di Nocera Inferiore per concussione e violenza privata a due anni e 10 mesi di reclusione. Pende appello.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

86 COMMENTI

  1. w de mita e company, w de de luca che rinunciò a fare seria opposizione alle scorse regionali , w il nuovo che avanza !

  2. Se VdL vuole salvare la faccia deve ritirarsi: da nord a sud glielo stanno gridando ( vedete video su facebook del grande Alessandro di Battista )
    Purtroppo con il suo atteggiamento De Luca ci sta facendo declassare a Città illegale da tutta Italia. Vi chiedo di fare un passo indietro e di non votarlo altrimenti ci copriremo di ridicolo per sempre.non possiamo metterci contro l’Antimafia e la legalità perché la giustizia inevitabilmente farà il suo corso

  3. i 5 stelle si vantano di essre presentabili…quale reato potevano mai commettere delle casalinghe e dei nullafacenti piazzari!!!!

  4. DE LUCA!!!! DE LUCA!!! DE LUCA!!! DE LUCA!!! DE LUCA!!! DE LUCA!!! DE LUCA!!! DE LUCA!!! DE LUCA!!! DE LUCA!!!DE LUCA!!! DE LUCA!!! DE LUCA!!! DE LUCA!!! DE LUCA!!!

  5. Avevano l’elenco dei peccatori in mano già da giorni e quando lo tirano fuori il giorno prima delle elezioni?! Tutto studiato a tavolino

  6. Le stanno provando tutte fino all’ultimo giorno. Fa davvero paura DE LUCA. Oggi più che mai De Luca

  7. de luca :ritirati;de luca:ritirati……ritirati ed ancora ritirati che fai più bella figura

  8. QUEL PAGLIACCIO DI CALDORO CHE PARLA DI AIUTI AL REDDDITO A CASALINGE DISOCCUPATI ECC. DIMENTICANDO CHE APPENA ELETTO 5 ANNI FA TOLSE IL REDDITO DI CITTADINANZA!!!!! E NON PARLIAMO DEI TRASPORTI CHE HA MESSO IN GINOCCHIO E DELLE STRADE CHE STANNO FRANANDO SENZA CHE LA REGIONE ABBIA FATTO NIENTE!!!! E LA SANITA’ CHE ARRIVATI A SETTEMBRE COSTRINGE ANCHE CHI E’ESENTE A PAGARE IL TICHET……!!!!!!! CALDORO SIAMO STUFI DI TE,ABDICA!!!!!!!!

  9. snobbate anche il giudizio del’antimafia, vergogna, poi vi definite città europea. Siete peggio del 4°mondo

  10. Inaccettabile un De Luca che si permette di minacciare di querele il presidente della commissione antimafia Bindi.Se ha coraggio contribuisca alla legalità denunciando i camorristi che infestano Salerno,dopotutto De Luca è anche sceriffo e allora faccia rispettare la legge.La legge Severino è uguale per tutti anche per De Luca e chi non la rispetta verrà sanzionato dalla Giustizia terrena.

  11. De Luca è stato condannato in I° grado,ma perchè la legge Severino è stata applicata solo su Berlusconi??La Legge è legge ed è uguale per tutti e deve essere applicata anche al ex sindaco di Salerno De Luca.

  12. Non preoccuparti VINCENZO….guadagnerai tanti voti in più da tutti questi vili attacchi! Ci siamo veramente incazzzzati e siamo compatti!

  13. 2 vecchie signore avevano deciso di noni votare….stamattina sono talmente ink.te con la bindi che domani votano…!!

  14. Grande esempio di legaliatà europeo, lotta contro le prostitute, lotta contro i ragazzi di colore davanti ai supermercati, pero’ snobba il giudizzio della commissione antimafia nei suoi confronti, di piu’ querela anche La Bindi.
    Vi lamentavate di Berlusconi ma dove è la didderenza, ”4° mondo”.

  15. ”Il fatto quotidiano”
    Sospensione automatica. Sia che vinca sia che perda. Lo dice l’avvocato Pellegrino: “L’ex sindaco di Salerno ineleggibile tanto come governatore quanto come semplice consigliere. Dilatare i tempi esporrebbe il premier Matteo Renzi al rischio di commettere un abuso d’ufficio”. Ma c’è una via d’uscita: “Un intervento legislativo che affidi al consigliere più anziano della maggioranza la guida della giunta”
    di Antonio Pitoni e Giorgio Velardi | 30 maggio 2015

  16. Noi poveri della periferia di Salerno,siamo stati dal salumiere che non vuole più farci credito perchè secondo il salumiere non dovevano dire che De Luca è un condannato e impresentabile,ci siamo incazzate e abbiamo deciso di votare Caldoro,molto più educato e perbene.

  17. loro schierano come candidata la Ciarambino, una dipendente Equitalia, ovvero il demonio per quanto riguarda Grillo

  18. Non ce la saremmo mai aspettata dalla presidente della Commissione Antimafia, soprattutto l’ultimo giorno quando nessuno può più difendersi. Mi pare che questo la dica lunga è TUTTO CHIARO: ha avuto in mano l’elenco dei impresentabili per giorni e poi l’ha presentato l’ultimo giorno per fare in modo che DE LUCA non si potesse difendere. La donna tutta d’un pezzo che si vende alla malavita, che cede ai ricatti di berlusca e gli altri che devono continuare a mantenere il COMANDO sulla regione Campania. L’antimafia non può essere utilizzata in modo strumentale. TRADITRICE. Adesso sono chiare le INTENZIONI DELLA BINDI A PROPOSITO DELLE ELEZIONI REGIONALI IN CAMPANIA, ABBIAMO CAPITO TUTTI A CHI VUOL FARE ELEGGERE: il compare del “capo dei capi” che è stato condannato in maniera definitiva per evasione fiscale perché ha rubato agli ITALIANI.

  19. x io, ho visto il video, mi è piaciuto solo la parte finale, l’invito al voto, per il resto mi sembrava di ascoltare LIRA TV pro De Luca.
    Resto ferma nelle mie idee, De Luca non doveva essere candidato, REnzi ha delle gravi responsabilità, rischia nel caso di vittoria di De Luca, una denuncia di abuso d’ufficio se non lo fa decadere appena eletto!
    La Democrazia è anche e soprattutto il rispetto delle leggi, altrimenti è inutile eleggerle, sono inutili il Parlamento, il Senato, il Presidente della Repubblica che le ratifica!
    La Legge Severino è una legge dello stato e va rispettata!
    La Bindi ha voluto togliersi un macigno dalle scarpe nei confronti di Renzi? forse, il fatto resta, indipendentemente dalla lista De Luca è e resta un impresentabile, non andava candidato!

  20. Il “MATTINO” domenica 31 maggio 2015: “Fino a nove giorni fa il nome di Vincenzo De Luca non era nella lista degli «impresentabili». Come poi ci sia finito è tutto nel mistero politico delle ultime ore.

    Mercoledì 20 maggio, le otto della sera, a palazzo San Macuto è riunito il comitato di presidenza della commissione Antimafia. All’ordine del giorno del comitato di presidenza della commissione Antimafia c’è la verifica degli «impresentabili», la discussione sull’opportunità di presentare una «lista nera» a pochi giorni dal voto e, infine, la valutazione politica sulla bufera che da poche ore si è abbattuta anche su alcuni consulenti della commissione, magistrati finiti nel mirino di alcuni deputati e senatori. La discussione è in corso e la domanda a Rosy Bindi, secca e diretta, la fa Enrico Buemi, socialista ma non pd. Dice: «Scusa presidente, ma c’è anche De Luca nella lista degli impresentabili?». La risposta è netta e sicura: «No, De Luca non c’è».

    Forse non è chiaro?! Bindi è stata minacciata altro che tutelare la giustizia?!

  21. De Luca è per la legge italiana CANDIDABILISSIMO ma è l’immagine che hanno macchiato!… Coloro che hanno STUDIATO A TAVOLINO come rovinarlo sapevano cosa fare…

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.