Salerno: sequestro della DIA nel cantiere di Porta Ovest

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
41
Stampa
sequestrato_cantiere_porta_ovest_2La Direzione Investigativa Antimafia
di Salerno ha effettuato controlli e sequestri nei  cantieri di Porta Ovest, nell’area portuale di Salerno. I sigilli  sono stati apposti sia nell’area di via Ligea, sia in quella di via Sorgente, dove sono in costruzione due gallerie. Sul posto opera anche la Polizia Scientifica. Gli operai che erano impegnati nei lavori sono stati identificati ed invitati a lasciare il cantiere dopo aver portato via gli oggetti personali dagli alloggi. L’opera finanziata per 150 milioni di euro dall’Unione europea collegherà con un sistema di gallerie il porto commerciale e svincolo autostradale della Napoli-Salerno. 

sequestrato_cantiere_porta_ovest_1Un anno fa il cantiere fu fermato dai carabinieri del Noe che sequestrarono due impianti per la produzione di calcestruzzo e la frantumazione dei materiali inerti risultati privi dell’autorizzazione per l’emissione di polveri in atmosfera, obbligatoria per quelle lavorazioni da cui potrebbero generarsi sostanze nocive. Il sequestro fu successivamente bocciato dal Riesame. A novembre è stato il nucleo di polizia tributaria della Finanza a verificare i registri contabili e l’emissione delle fatture.

L’inchiesta che ha portato al sequestro dei cantieri di Porta Ovest nell’area portuale di Salerno riguarda, tra l’altro, “l’esecuzione dei lavori, le modalità dello svolgimento degli stessi, i materiali utilizzati, oltre a tutti gli accertamenti ingegneristici e geologici”. Lo apprende l’ANSA dal procuratore della Repubblica di Salerno, Corrado Lembo. “A noi – ha aggiunto Lembo facendo riferimento ai sequestri – sta a cuore, e lo diciamo a chiare lettere, la pubblica incolumità”.

“La Procura della Repubblica di Salerno – ha spiegato Lembo – sulla scorta di alcune emergenze investigative ha disposto con la necessaria sollecitudine accertamenti urgenti per verificare lo stato dei luoghi di Porta Ovest a Salerno”, al centro di un’inchiesta della Procura salernitana. “Tutto ciò – ha sottolineato Lembo – nasce anche dal primo crollo verificatosi la notte tra il 3 e il 4 dicembre 2014 in una delle due gallerie. In relazione ad ulteriori emergenze, poi, si sono avuti ulteriori approfondimenti che – ha concluso – vedono la partecipazione dei pubblici ministeri titolari dell’ inchiesta Rocco Alfano e Vincenzo Senatore, e i consulenti tecnici di questa Procura della Repubblica”

LA NOTA DELL’AUTORITA’ PORTUALE. Questa mattina il cantiere di Salerno Porta Ovest è stato sottoposto a sequestro probatorio da parte della Procura della Repubblica di Salerno per accertare, come riferisce l’Impresa esecutrice e la Direzione dei Lavori, la regolarità di procedure esecutive relative a lavori realizzati nel mese di dicembre 2014, limitatamente ad un tratto di 6 – 7 metri di gallerie su un totale di oltre 2000 metri realizzati fino ad oggi.

L’intervento della Magistratura non può che rappresentare per questa Autorità Portuale un ulteriore momento di importante controllo per un’opera così strategica per la città di Salerno. Si auspica, pertanto, una velocissima verifica da parte dell’A. G. al fine di concludere un’opera così importante per lo sviluppo economico dell’intera Provincia e non solo. Tanto perché il finanziamento europeo prevede l’obbligo di utilizzo delle risorse entro dicembre 2015.

SEI PERSONE INDAGATE PER RISCHIO CROLLO. Sono sei le persone iscritte nel registro degli indagati nell’inchiesta della Procura della Repubblica di Salerno che ha portato al sequestro dei cantieri di Porta Ovest, nell’area portuale della città campana. Si tratta – si legge in una agenzia ANSA – dell’ amministratore della Tecnis Spa, società impegnata nei lavori; del  legale rappresentante della ditta appaltante; del  direttore del cantiere; del  capo cantiere; e di altri due direttori del cantiere.

Nei loro riguardi – si apprende dall’avv. Cecchino Cacciatore, difensore di Manganiello – è stato ipotizzato il reato relativo al crollo colposo per una deformazione di sbarre di contenimento del calcestruzzo per il sostegno delle paratie che mantengono ferme le gallerie; è ipotizzato inoltre l’impiego di materiale diverso da quello previsto nell’esecuzione delle opere, in particolare una miscela di calcestruzzo diversa da quella del progetto. 

L’AZIENZA: SORPRESI PER PROVVEDIMENTO. CONSEGNEREMO OPERA NEI TEMPI PREVISTI. La Tecnis Spa, società impegnata nei lavori per la realizzazione del progetto “Salerno Porta Ovest”, dice di essere “sorpresa per il provvedimento della Procura di Salerno” che oggi ha posto sotto sequestro i cantieri della società nell’area portuale di Salerno. “L’attività istruttoria in corso – afferma la Tecnis in una nota – consentirà di acclarare” le ragioni della società “e di escludere la sussistenza di rischi e/o pericoli per la pubblica incolumità così da poter riprendere i lavori e consegnare l’opera nei tempi previsti”.

La Tecnis sottolinea che “tutte le operazioni di costruzione e le scelte dei materiali sono avvenute in conformità alle disposizioni del progetto esecutivo così come validato e in corso d’opera controllato dalla stazione appaltante (Autorità Portuale di Salerno) tramite la direzione lavori”. Per quanto riguarda la posa in opera del rivestimento provvisorio, la Tecnis precisa che “questa attività rientra nella normale e abituale procedura di costruzione e nel rispetto del progetto. Come avviene nella costruzione di tutte le gallerie nel mondo, vengono fatti dei controlli preventivi a livello geologico che definiscono il progetto dell’esecuzione.

Una volta scavato il terreno per la costruzione, vengono poste delle centine che vengono costantemente monitorate. In questo caso si è appurato, come spesso avviene, che in un punto singolare che rappresenta la normale eccezione geologica del terreno, le sollecitazioni esterne hanno portato a un leggero scostamento delle centine. Rispetto ai 2,5 chilometri di galleria, questo evento è circoscritto in pochi metri, a maggior riprova dell’eccezionalità del fatto”.

Per la Tecnis, “quanto accaduto rappresenta la normalità nella costruzione di gallerie” e Tecnis “ha immediatamente posto in atto tutte le procedure e cautele a tutela dei lavoratori e dell’opera. L’azienda ha inoltra avvisato tempestivamente la direzione lavori e avviato le procedure di risoluzione e monitoraggio del leggero scostamento. In tempi rapidissimi ha rinforzato le strutture così da arginare lo scostamento rendendolo nullo.

Questa tecnica – conclude Tecnis – rappresenta la corretta e comune strategia operativa nei confronti di fenomeni simili e non può in alcun modo determinare danni e criticità per il viadotto sovrastante o alcuna struttura esterna, sia per la rapidità di intervento sia per la copertura posta sulla galleria”.

GUARDA IL VIDEO

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

41 COMMENTI

  1. Leggo molte reazioni dettate solo dall’essere a favore o contro De Luca. Sarebbe opportuno conoscere le questioni nel merito e poi pronunciarsi. Ad ogni modo, a mia modesta opinione, anche la convinzione di trovarsi di fronte ad un ottimo amministratore, cosa che mi pare più che acclarata per la cittadinanza salernitana nei confronti di De Luca, non dovrebbe mai sopire lo spirito critico. De Luca ha fatto tantissime cose buone per Salerno, ma ci sono aspetti della sua gestione che andrebbero approfonditi, a partire dall’eccessiva pressione fiscale. Per ulteriore chiarezza, aggiungo che io alla Regione ho votato Caldoro, ma non mi sognerei mai di condividere en bloc l’intero suo operato. Se decidessimo di abdicare alla nostra libertà di pensiero, diventeremmo degli automi destinati a mettere una X su una scheda elettorale solo perché invaghiti dell’uno o dell’altro politico più o meno carismatico. Quanto a De Luca, non credo che sia possibile il suo insediamento alla Regione, ma, se le leggi dovessero consentirglielo, gli auguro buon lavoro nell’interesse di tutti i cittadini della Campania. Ormai la campagna elettorale è finita e dobbiamo guardare al futuro con spirito costruttivo.

  2. Invitiamo tutti i signori disturbati da de luca e dai suoi cantieri a trasferirsi nelle ridenti località di sarno, sant’egidio del monte albino, eboli, scafati… tutti posti dove si fanno cantieri a capocchia in continuazione e MAI, MAI la magistratura ha trovato un capello da ridire. Andate a vivere in quei bei posti che si vede subito che rispettano la legalita’.

  3. Un cantiere sequestrato il 3 di GIUGNO 2015 perchè secondo qualcuno il 4 DICEMBRE 2014 ci sono stati dei crolli (di cui nessuno ha prove).
    Non ci sono accuse precise, indagati, niente, solo un sequestro e basta, e pazienza per tutti i lavoratori a casa.

  4. Secondo quanto scrivi, i grillini sarebbero collusi con la Magistratura?
    Allora li voterò sempre perché stanco dei ladri che speculano sul lavoro nero, sul materiale annacquato, sugli appalti, sui direttori dei lavori, sul fallimento delle ditte etc…

  5. Perché anche questa è opera dei Grillini? Non ci posso credere! ! Dai ditemi che non è vero! Se fosse veramente così, come direbbe il grande Fulvio: ‘allora stammi nguaiat’.

  6. I GIRLLINI C’ENTRANO O NO NELLA VICENDA FANNO QUESTO TIPO DI POLITICA, DELEGITTIMARE GLI AVVERSARI AL MINIMO ACCENNO DI QUALCOSA CHE NON VA. SE TUTTE QUESTE LORO INZIATIVE CONTRO DE LUCA NON AVRQANNO IL RISCONTRO DI UNA CONDANNA FINALE CHE FARANNO?

  7. Ottimi Cantone e Alfano: la Severino sarà applicata fino all’ultima virgola. Cantiere porta ovest sotto sequestro per crolli e per collusioni con la criminalità nell’appalto voluto da VDL. De Luca sei finito ancor prima di iniziare

  8. Questo significa che in brevissimo tempo avremo ispezioni serie -e provvedimenti conseguenti- per tutti i laboratori di analisi convenzionati con le asl, di tutte le cliniche private, convenzionate e non, per verificare con attenzione i macchinari, la loro manutenzione, il loro funzionamento; per verificare con attenzione il funzionamento dei controlli periodici: se avvengono, chi li fa, quando; verifiche importanti sono attese in quelle aziende che lavorano nella farmaceutica, che producono per le asl per gli ospedali e per le farmacie, quelli che fanno i materiali per l’antinfortunistica la 626-627-628 …gli 883!!

  9. Ma come vuole crescere una città come Salerno se è sempre sotto il ricatto di M5S e comitati delle palle varie? E poi questi signori che in primis bloccano i cantieri con false accuse e denunce senza seguito sono sempre lì a puntare il dito conto l’amministrazione comunale per le incompiute che intanto sta facendo tanto per cambiare una città in meglio rendendola più vivibile e turisticamente apprezzabile. M5S e comitatini vari ve lo dico con cuore JATVENN! Non siete riusciti a battere De Luca in politica ed ora ve la prendere con le opere che invece hanno dato speranza a questa città.

  10. DIA è l’acronimo di direzione investigativa antimafia,e da quanto si legge nell’articolo sembrerebbe sia intervenuta per una questione strutturale.Invece non credo proprio sia così,c’è ben altro sotto e nell’articolo qui presente viene tale argomento viene bellamente dribblato.M5S?PDL?Macché cari commentatori dei miei stivali,qua si parla di MAFIA.Quanto sia invischiato De Luca non lo so e forse non lo voglio nemeno sapere

    Mario

  11. Chiariamo subito una cosa: la stazione appaltante dei lavori della galleria è L\’Autorità Portuale. Ciò significa che, a parte l\’approvazione del progetto ed il rilascio della conseguente concessione edilizia, il Comune, e quindi De Luca, non ci azzecca nulla. Le notizie che sto commentando, ovviamente, non riportano se l\’Autorità Giudiziaria si è mossa a seguito di una denuncia (anche se anonima) ma ci dicono che le indagini sono relative a problemi di carattere tecnico. Ora, a mio modesto avviso, che l\’azione al riguardo sia stata mossa dalla DIA mi sembra un tantino sproporzionato. E\’ come se per sparare ad un fringuello si usasse un bazooka. Mi auguro, comunque, che il tutto venga risolto in tempi brevissimi e non nei tempi, già ricordati da qualcuno, usati per lo svincolo di Battipaglia o di Fratte; se ciò fosse sarebbe un vero disastro.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.