Calcio: domani ripescaggi Figc, il Brescia ‘vede’ la Serie B

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
FIGCManca poco e il Brescia è già pronto a festeggiare. Il consiglio federale di domani, infatti, colmerà i vuoti negli organici dei campionati professionistici 2015/2016, compreso quello creatosi con il fallimento del Parma. Un posto, in Serie B, ambito proprio da Brescia, Cittadella e Lecce: i tre club che entro il 27 luglio hanno presentato domanda di ripescaggio (oltre a una fideiussione di 800mila euro e un milione di euro a fondo perduto). E in base ai criteri stabiliti (classifica finale dell’ultimo campionato, tradizione sportiva della città e numero medio degli spettatori delle ultime cinque stagioni) ad essere in vantaggio è proprio il club lombardo. Per conoscere però l’organico completo della serie cadetta, occorrerà attendere i processi del Calcioscommesse a Catania (al via l’11 agosto) e a Teramo (il giorno successivo).
La retrocessione quasi certa degli etnei libererebbe infatti un altro posto che verrebbe riempito, con lo scorrimento in classifica, dalla Virtus Entella. Un’eventuale condanna del neo promosso Teramo, invece, farebbe felice l’Ascoli. Più ingarbugliata la situazione in Lega Pro, dove già in fase di iscrizione sono stati registrati diversi forfait (compresi quelli di Reggina, Venezia e Varese) che hanno ridotto il numero complessivo di società da 60 a 51. Ad esso va aggiunta la Paganese, esclusa inizialmente dalla Figc per un difetto nella documentazione allegata all’iscrizione, ma riammessa venerdì dal Collegio di Garanzia del Coni.
Tolto il Brescia, che probabilmente tornerà in B, restano nove posti: più delle domande di ripescaggio presentate, contro i cui criteri (in particolare i 500mila euro a fondo perduto richiesti dalla Figc), invano, si sono appellati al Collegio di Garanzia, Forlì, Gubbio e Sambenedettese. Tre club – AlbinoLeffe, Pordenone e Seregno – hanno presentato regolare domanda (il Seregno però ha indicato un campo in un’altra provincia), mentre Monopoli, Taranto e Viterbese non hanno fornito l’intera copertura finanziaria. Ma, anche qui, a complicare le cose è il Calcioscommesse: Savona, Torres e Vigor Lamezia rischiano infatti la retrocessione. L’organico completo a 60 squadre è una chimera. Più probabile una Lega Pro a tre gironi da 18 squadre.
Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.