Lazio modello da seguire ma perchè a Salerno Lotito fa il contrario?

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
5
Stampa
salernitana_Avellino_2015_5_lotito«E’ con soddisfazione che sento di poter dire che oggi siamo un club modello in Italia e in Europa, anche per l’attenzione dedicata al fair play finanziario e alle regole di bilancio che ogni società dovrebbe saper rispettare. Ciononostante, siamo in corsa per raggiungere grandi traguardi, con un team qualificato e un gruppo finora contraddistintosi per competenza, forza e grande umiltà. Mi auguro che presto tutte le società italiane diano priorità a questi aspetti».

E’ quanto affermato in una nota dal presidente della Lazio Claudio Lotito commentando l’analisi condotta dal Guerin Sportivo che «ha premiato la S.S. Lazio tra i club che impiegano un numero più elevato di giovani in campionato».

«Si tratta di una medaglia al valore», ha aggiunto Lotito, «che a fronte dei risultati ottenuti sinora certifica la validità di un progetto che abbiamo avviato con convinzione e certezza».

La Lazio ha chiuso il bilancio al 30 giugno 2015 con un utile netto consolidato di 5,7 milioni. Si tratta del quarto bilancio chiuso consecutivamente in utile per il club biancoceleste. Tuttavia, come evidenziato dal Calcio&Finanza lo scorso 9 ottobre, la società presieduta da Lotito è riuscita a chiudere in utile l’esercizio 2014/15 avendo anticipato 22,3 milioni di ricavi derivanti dalla partecipazione della squadra di Stefano Pioli alle coppe europee nella stagione 2015/16.

Su questa politica contabile, secondo quanto riportato nei giorni scorsi dall’agenzia Reuters, avrebbe acceso un faro la Consob. “L’evoluzione della vicenda viene monitorata con attenzione, anche se è tutto allo stadio iniziale”, ha spiegato alla Reuters una fonte vicina alla situazione.

A Salerno, invece, Lotito co-proprietario del club granata fin dal principio ha puntato su giocatori esperti e navigati. Lo ha fatto in D, in seconda e prima divisione ed ha ripetuto il tutto anche in serie B. La Salernitana è la seconda squadra più vecchia del campionato in serie cadetta. Il Bari è sul podio ma subito dietro c’è la Salernitana. Tra le squadre più giovani c’è il Crotone che ha rifilato recentemente 4 gol ai “vecchietti” granata. Il centrocampo attuale della Salernitana composto da Pestrin, Moro e Bovo, 100 anni in tre la dice tutta sul modello Lazio non seguito a Salerno. Non regge neppure il paragone con l’importanza della piazza. Se a Roma con la Lazio ha coraggio da vendere proponendo giovani di belle speranze e sconosciuti perchè non fa lo stesso a Salerno?

Proprio a Salerno due giovani del vivaio Lazio Strakosha e Pollace, rispettivamente portiere e terzino destro non trovano spazio. In panchina Odjer e Milinkovic e forse sabato a Chiavari l’unico giovane in campo sarà Empereur di 21 anni.

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

5 COMMENTI

  1. ….semplicemente perché doveva guadagnare categorie in poco tempo e per fare questo ci si affida ba gente che ha già giocato e vinto e perciò è vecchia e non al primo giovincello inesperto che può vincere una partita ma non la guerra finale…capito?

  2. Il ragionamento di sopra e’ giusto fino a quando la squadra era in lega pro; ma da quest’anno in B, perché non ha mandato a Salerno i migliori primavera Lazio, invece di dirottarli altrove ?????

  3. Daccordisimo con “mi,, e per ” sud,, vedi i due che ha portato dalla primavera della Lazio …a meta’ settembre la stampa ( ?) li aveve gia’ demoliti figurati se ne arrivavano di piu’,gia’ immaginavo i titoli ” SALERNITANA SATELLITE DELLA LAZIO,, uno dei titoli piu’ buonisti che avremmo letto e Lotito sarebbe dovuto scappare di notte da Salerno .Comunque io penso che e li che si arrivera’ a immettere in prima squadra giovani di proprieta’ ma ci vorra’ del tempo ,mi sembra chiaro

  4. L’idea che mi sono fatta è questa : I giovani a Salerno arrivano con sfiducia, alla prima partita giocata male vengono bollati come schiappe, quest’anno abbiamo attaccato Strakoscha e Pollace, negli anni scorsi la lista è lunga. A dire la verità la maggior parte dei bidoni li abbiamo avuti con le vecchie glorie, ora che avevamo la possibilità di giocare con i giovani, abbiamo optato per trattenere i vecchi sia per contratto e sia per ringraziarli del lavoro svolto. La squadra mista non è riuscita, ci sono state molte divergenze di vedute sul mercato tra allenatore, direttore e propietà.
    L’anno prossimo mi auguro che si riesca a far prevalere una diversa ideologia di mercato a dispetto anche dei tifosi della Salernitana che a volte inconsapevolmente spinge la società a diversi acquisti per evitare duri attacchi quando le cose vanno male. Dato che la società vuole spendere poco acquista i reduci last minute che a volte sono un’incognita peggiore dei giovani di belle speranze.

  5. E’ semplice se mandi qualche giovane della Lazio a Salerno non prendi 1 euro se li mandi altrove in prestito hai un ritorno,inoltre per il primo anno di B non è mai facile e salvarsi e’ come vincere un campionato e quindi punta su gente d’esperienza che conosce la categoria.Bisogna avere pazienza Lotito e compagnia hanno esperienza da vendere, più che altro la stampa si deve rinnovare con giovani di qualità.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.