Giovane morì ad un posto di blocco: condannato Carabiniere 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Posto_blocco_CarabinieriLa Corte d’Assise d’Appello di Potenza ha condannato per omicidio preterintenzionale a quattro anni e sei mesi di reclusione (e all’interdizione dai pubblici uffici per cinque anni) il maresciallo dei Carabinieri Giovanni Cunsolo, accusato di essere il responsabile della morte, nel 2011, a Buonabitacolo (Salerno), di Massimo Casalnuovo, di 22 anni, nei pressi di un posto di blocco. Il dispositivo è stato letto oggi, a Potenza, al termine di una camera di consiglio durata circa tre ore: la Procura aveva chiesto una condanna a cinque anni. In primo grado, nel 2013, Cunsolo era stato assolto. Nel Tribunale del capoluogo lucano erano presenti oggi i familiari del giovane e un gruppo di amici, che indossavano una sciarpa in ricordo di Massimo.
La sera del 20 agosto del 2011 il ragazzo era a bordo di un motorino quando ha “incrociato” un posto di blocco dei Carabinieri, cadendo poco lontano, dopo averlo oltrepassato. Il giovane morì poco dopo per un trauma toracico. In base una versione dei fatti, Massimo Casalnuovo avrebbe cercato di evitare il posto di blocco, passando però con una ruota sul piede del militare. Secondo altre testimonianze, invece, sarebbe stato proprio il Carabiniere a colpire il motorino con un calcio, causando così lo sbandamento del mezzo e quindi la caduta del giovane. Il difensore di Cunsolo, Renivaldo Lagreca, ha annunciato il ricorso in Cassazione. “La Corte – ha invece spiegato il difensore della famiglia Casalnuovo, Cristian Sandri – ha ristabilito la verità dei fatti”.
Fonte ANSA
Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.