I pali e Terracciano salvano la Salernitana a Novara il primo tempo

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa

novara_salernitana2Termina 0-0 il primo tempo del posticipo domenicale di serie B tra Novara e Salernitana. Partita intensa con i padroni di casa che hanno il pallino del gioco e pericolosa in almeno quattro occasioni colpendo due pali. Salernitana pronta a pungere in contropiede, ma senza la dovuta lucidità. Ammoniti Ceccarelli tra i granata e Viola nel Novara.

 

Salernitana obbligata dunque a non sbagliare la gara di questo pomeriggio a Novara contro una squadra in piena corsa play off. Menichini in emergenza vara una Salernitana con il 5-3-2: prima di tutto non prenderle. Il trainer di Ponsacco deve rinunciare a Odjer squalificato, Colombo, Bagadur e Nalini infortunati che si aggiungono a Schiavi sempre in infermeria.

 

Coda ha recuperato in extremis e farà coppia con Donnarumma in un tandem offensivo certo non da penultimo posto. Difesa con tre centrali, dinanzi a Terracciano ci sono Empereur, Bernardini e Tuia. I due esterni di difesa saranno Ceccarelli a destra mentre a sinistra rientra Franco. A centrocampo il terzetto composto da Ronaldo centrale (in campo dopo due mesi) Moro e Bovo ai suoi lati. In panchina gli esterni Gatto e Zito, oltre a Tounkara e Bus.

Il Novara, di contro, affronta la Salernitana con il solito spartito tattico il 4-2-3-1 che tuttavia a partita in corso si trasforma, a seconda delle fasi di gioco, in un accorto 4-4-2 (con Gonzalez accanto ad Evacuo) o in un offensivo 4-3-3 (arretrando la posizione di Corazza sulla linea mediana). In porta andrà Da Costa, in difesa spazio all’ex Inter Faraoni, Troest, Mantovani e Dell’Orco. A Viola e Casarini il compito di presidiare la mediana, con il terzetto alle spalle della punta (Evacuo) formato da Faragò, Gonzalez e Corazza. Arbitra Minelli di Firenze.

Novara – Salernitana, stadio “Piola”, ore 17.30

NOVARA (4-3-1-2): Da Costa; Faraoni, Troest, Mantovani, Dell’Orco; Casarini, Viola; Farago, Gonzalez, Corazza; Evacuo. A disposizione: Pacnini, Dickmann, Vicari, Garofalo, Buzzegoli, Bolzoni, Nadarevic, Lanzafame, Galabinov.Allenatore: M. Baroni.

SALERNITANA (5-3-2): Terrracciano; Ceccarelli, Tuia, Bernardini, Empereur, Franco; Moro, Ronaldo, Bovo; Coda, Donnarumma. A disposizione: Strakosha, Rossi, Trevisan, Pestrin, Zito, Gatto, Oikonomidis, Bus, Tounkara. Allenatore: L. Menichini.

Arbitro: Minelli di Varese (Tolfo – Fiore). IV uomo: Bertani di Pisa.

AGGIORNAMENTI #salernitana


Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. Con questi giocatori c’è poco da fare si ritorna nell inferno meritata lacretrocessione non c’è nulla da rimpiangere un campionato anonimo dirigenza assente hai problemi.spero che un giorno avremo una dirigenza degna x questa città

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.