Boccia presidente di Confindustria, una speranza che promuove il Sud di Tony Ardito

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
tony_ardito_foto_2Le sconfitte sono orfane e le vittorie, come sempre, figlie di 100 padri e tra questi, i primi a tentare di insinuarsi copiosi sono puntualmente coloro che sino ad un attimo prima, per usare un eufemismo, hanno tifato contro.

Ovviamente, il copione si ripete anche per il lusinghiero successo conseguito il 31 marzo dal salernitano, Enzo Boccia, designato presidente di Confindustria. Sarà l’assemblea privata del 25 maggio a ratificare la scelta del conclave.

Una lunga militanza, quella dell’operoso 52enne in seno alla Associazione di viale dell’Astronomia. Arti Grafiche Boccia, l’azienda ubicata in Salerno in cui è cresciuto e che conduce con il fratello Maurizio, costituisce un prodigio di tenacia e determinazione del quale è stato capace suo padre, l’inossidabile Orazio.

E’ evidente che una tale competizione elettorale comporti una serie di valutazioni e che, pure in una organizzazione così composita, giochino diversi fattori politico-associativi, nonché accordi ed interessi confluenti in e da ogni periferia, ma costatare che gli imprenditori napoletani si siano distinti per aver preferito il competitor, Alberto Vacchi – industriale bolognese di indiscusso prestigio – fa comunque registrare, sopratutto nella opinione pubblica della Campania e del Mezzogiorno, una qualche amarezza.

Nello stendere queste poche righe ho voluto documentarmi e letto numerose analisi di eminenti osservatori. Molti di essi, conferiscono alla designazione di Enzo Boccia un significato multiplo, per tutto ciò che riguarderà le politiche di crescita e sviluppo nell’insieme e segnatamente al Sud. E’ oggettivo che tutti i Governi degli ultimi anni non abbiano dedicato le attenzioni dovute a questa parte dello stivale. E’ come se la nostra Nazione viaggiasse  su  due binari: su di uno, si corre per la esigenza di costruire un’Italia capace di stare al passo con l’Europa; su di un’altro, si procede con fatica, rallentando di fatto il processo di uniformità al suo interno. Si va dai mancati investimenti – o peggio, quelli sbagliati e persino dannosi – al fronte della sicurezza; anche in riferimento agli sbarchi dei disperati, e di ciò che purtroppo ne consegue.

Il presidente di Confindustria rappresenta certamente una delle corporazioni più importanti ed influenti della nostra organizzazione sociale. Per questa ragione, in un momento difficile, la affermazione di un leader espressione di una provincia con un sistema produttivo diversificato, che viene dalla cosiddetta “piccola”, che sa fare squadra e che, ragionevolmente, garantirà tutti con equilibrio ed autorevolezza, dà una speranza in più ai lavoratori, alle imprese ed ai territori.

editoriale a cura di Tony Ardito

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.