Chiusura ospedale Curteri: in campo per il no anche l’imprenditore Galdieri

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Ospedale_Fucito_Mercato_San_Severino“Chiudere l’ospedale di Curteri rappresenterebbe un danno enorme anche per la nostra economia e faremo di tutto per salvarlo”.  Chi parla è il noto imprenditore Francesco Galdieri che condivide la battaglia che da tempo viene portata avanti dal dottor VIncenzo Sica, per la salvaguardia del nosocomio di Curteri Sica, ex assessore alla sanità del comune di Fisciano, e presidente del comitato pro ospedale doopo aver incassato il sostegno autorevole dell’ex procuratore capo del Tribunale di Salerno Luigi Apicella, “sono stato salvato all’ospedale di Curteri grazie ad un intervento del professore Giuseppe Barba ed ora farò di tutto per salvarlo” , nella sua battaglia viene anche appoggiato dal noto imprendotore.

Quest’ultimo negli anni ottanta da esponente di peso della Dc locale, unitamente all’allora sindaco Gaetano Sessa, ed al primo cittadino di Mercato San Severino, Vincenzo Erra, si battè unitamente a Vincenzo Buonocore e Ciriaco De Mita, per portare l’ateneo nella Valle dell’Irno, che i potentati salernitani della Dc Russo, Lettieri, Scozia e sopratutto Menna volevano che restasse a Salerno. A difendere la valle dell’Irno come uomo e politico di vecchio stampo è rimasto solo lui essendo nel frattempo deceduti sia Erra che Sessa i quali se fossero stati vivi pure lore sarebbero stati in prima fila a difendere il nosocomio di Curteri. I politici di oggi ad iniziare dai sindaci dei comuni della Valle dell’Irno, al consigliere regionale Tommaso Amabile, al consigliere comunale di Mercato San Severino, Giovanni Capuano, dipendente del nosocomio di Curteri. Del resto la presenza del nosocomio garantisce anche introiti economici per tutti gli esercizi commerciali della Valle dell’Irno ed in particolare di Curteri e Mercato San Severino.

Dalla chiusura dei reparti il 22 dicembre scorso tutti i negozi di Curteri hanno visto diminuire i loro affari. E poi c’è da chiedersi quale industriale verrebbe ed investire nella zona sapendo che non vi è una struttura sanitaria efficiente. A curteri dopo la chiusura di ostetricia, ginecologia, pediatria e nefralogia ora sono a rischio anche i reparti di urologia e cardiologia. Questo tra l’indiferenza generale dei medici, dei pèolitici e dei cittadini della Valle dell’Irno. Solo il comitato proospedale con Sica, Luca e Daniele Picarella e Giuseppe Saggese  si sta battendo da mesi con varie iniziative per cercare di tenere in piedi la struttura sanitaria. Dopo la fiaccolta di protesta per le strade di Mercato San Severino  e l’incatenamento davanti ain cancelli dell’ospedale, i componenti del sodalizio hanno in programma un’altra clamorosa azione di protesta.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.