Comunali: screening candidati, Antimafia spaccata

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
elezioni-comunali-salerno-salernitanoMentre infuria la polemica sul figlio di Totò Riina ospitato a Porta a Porta, con la presidente della Commissione Antimafia Rosy Bindi secondo la quale la trasmissione di Vespa “si presta ad essere il salotto del negazionismo della mafia”, la stessa Antimafia è spaccata sulla decisione se fare o meno uno screening delle liste dei candidati in vista delle prossime amministrative, sulla scia di quanto venne fatto lo scorso anno per le regionali con i cosiddetti “impresentabili”.

L’ufficio di presidenza oggi, su suggerimento della presidente Bindi, ha deciso, dopo una discussione definita da più parti “pacata”, di rinviare la “pratica” alla prossima settimana, per tentare, in questi giorni, di trovare una decisione che veda tutti o quasi concordi. A favore del sì sono i Cinque Stelle, ma anche il vicepresidente della Commissione Antimafia, Claudio Fava.

“E’ una analisi che non possiamo certo fare sui 150 mila candidati previsti, già lo scorso anno bastarono 4 mila nomi a metterci in quasi ginocchio – osserva Fava – e tuttavia ritengo che questo studio vada fatto, scegliendo una griglia che individui nei comuni più grandi e in quelli che hanno manifestato debolezze la base su cui concentrare il nostro lavoro.

Occorre farlo, è un contributo di coerenza che chiediamo ai partiti i quali a loro volta, tutti, nessuno escluso, approvarono il Codice sulla formazione delle liste e delle candidature”. “Noi Cinque Stelle chiediamo che il lavoro di screening sulle liste si faccia: auspichiamo si vada avanti in modo compatto e allo stesso tempo utile e che si possano consegnare agli elettori le informazioni necessarie per votare”, dice il capogruppo M5S in Antimafia, Francesco D’Uva.

Nel Pd convivono più anime. Il ricordo dello scontro frontale che lo scorso anno ci fu tra la la Bindi e parte del Pd sulla cosiddetta lista degli “impresentabili”, fa essere tutti, oggi, molto cauti. “Dobbiamo andare avanti nello stimolare i partiti ad essere più rigorosi nella composizione delle liste, la politica deve essere più severa persino della magistratura, ci sono a volte situazioni grigie che devono far propendere i partiti per l’esclusione.

E tuttavia è un lavoro che va fatto bene, bisogna essere al di sopra di ogni attacco: se non ci sono le condizioni, meglio non farlo”, ha detto solo pochi giorni fa il segretario della Commissione, Marco Di Lello. Il capogruppo del Pd in Antimafia, Franco Mirabelli, oggi evidenzia che “stiamo cercando di arrivare ad una posizione condivisa, il più possibile unitaria di tutta la Commissione. Se non fosse così, avremmo chiuso la discussione oggi stesso”.

Nettamente contrari a questo lavoro i parlamentari di Forza Italia. “C’è già la legge Severino, i condannati in primo grado non possono essere eletti, e il Codice sulla formazione delle liste e delle candidature si è già spinto molto oltre: si parla addirittura di rinviati a giudizio e sbilancia verso la magistratura la possibilità dei partiti di decidere chi deve essere presentabile e chi no”, osserva Stefania Prestigiacomo, capogruppo di FI in Antimafia. La prossima settimana la decisione

fonte ANSA

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.